di Massimo Bernardi 1 Ottobre 2009

Il ristorante panoramico The View a New York e la Coenatio Rotunda di Nerone

Cosa ci dice la sala da pranzo girevole voluta dall’imperatore Nerone per colpire gli ospiti del suo Palazzo d’oro? Che la mangiatoia d’alto bordo scoperta nei giorni scorsi a Roma è stata la prima del mondo a girare. Sì, proprio la coenatio rotunda descritta da Svetonio e altri storici. Ma ci dice soprattutto una grande verità. Qualsiasi cosa possiamo immaginare a Roma l’hanno già fatta. Noi pensavamo che The View, in cima al Marquis Marriott Hotel di New York, o il panoramico Sky City, sulla torre Space Needle di Seattle, fossero rispettivamente il primo e il più spettacolare ristorante girevole del mondo. Né una cosa né l’altra. Roma è caput mundi anche qui e con leggero anticipo: 1.900 anni.

E non è che nella sala circolare rinvenuta nell’area della “vigna barberini”, al centro del Palatino, mancassero gli effetti speciali. Grazie a una piattaforma di legno ruotava giorno e notte, imitando il movimento terrestre. Il soffitto dipinto di stelle nascondeva pannelli che dispensavano petali di rosa e profumo sui commensali. Se la Domus Aurea era così gigantesca da occupare 4 dei 7 colli romani, gli archeologi dicono che il regno gastrofanatico del vecchio Nerone, offriva una vista panoramica sul Foro Romano e su un lago, poi drenato dal successore di Nerone per costruire il Colosseo.

Dopodiché possiamo chiederci il motivo per cui in certi ristoranti, intendo quelli col trucco, girevoli, a tema, con le cameriere in topless [aggiungere esempi a piacere] non si sia mai riusciti a mangiare granché bene. Forse perché, dice il Guardian, come in ogni locale per turisti l’offerta non punta sulle meraviglie della cucina, tanto i clienti arrivano lo stesso.

Tornando a Nerone. L’imperatore non ebbe modo di godersi a lungo il suo Palazzo d’oro, la fine-lavori fu data lo stesso anno del suo suicidio. Inguaribile (gastro)snob.