Osterie d’Italia 2012 di Slow Food: “hungry e foolish”

Hungry e foolish. Nel periodo in cui tutti citano Steve Jobs e la celebre esortazione, Slow Food ci consegna l’edizione numero 22 del suo catalogo per affamati e ingenui. Ovvero, la maggior parte di noi, dal momento che Osterie d’Italia è la guida gastronomica più venduta. Affamati perché in queste mangiatoie, emanazione diretta delle osterie bolognesi cantate da Francesco Guccini, il rapporto prezzo/felicità è favorevole. Ingenui perché professare il culto delle trattorie, o se fa più figo, di un mondo che resiste ai cambiamenti, non risparmia sorprese spiacevoli (Da Maria a Fano vince il titolo 2011 per il pranzo più insulso, ma è certamente un limite mio).

Osterie d’Italia 2012 ha assegnato la chiocciola, simbolo della guida, a 225 locali dove per un menù fisso, composto da antipasto, primo e secondo non si superano i 35 €. Nella mappa delle regioni più chiocciolate prevalgono Piemonte e Toscana con 24 indirizzi, il Veneto si ferma a 23, Lombardia e Campania a 19.

Segue l’elenco completo delle Osterie d’Italia 2012 diviso per regioni. Oggi il vostro mestiere, oltre a scorrerlo con l’attenzione dovuta ai besteller, è di farci sapere 1) se tovagline a quadri e cucina della nonna sono roba per voi, 2) se invece il regno della grande abbuffata mangiatantoespendipoco si è evoluto fino a candidare locali interessanti, e infine, se dovete alla guida di Slow Food scoperte a lieto fine.

EMILIA ROMAGNA
Al Gambero Rosso, Bagno di Romagna (Fc)
Osteria Bottega, Bologna (Bo)
Campanini, Busseto (Pr)
Locanda Mariella, Calestano (Pr)
La Baita, Faenza (Ra)
Entrà, Finale Emilia (Mo)
La Campanara, Galeata (Fc)
Antica Locanda del Falco, Gazzola (Pc),
Osteria Vecchia, Guiglia (Mo)
Osteria del Vicolo Nuovo da Rosa e Ambra, Imola (Bo)
Osteria di Rubbiara, Nonantola (Mo)
Ai Due Platani, Parma (Pr)
Da Ottavio, Sogliano al Rubicone (Fc)

ABRUZZO
Zenobi, Colonnella (Te)
Sapori di Campagna, Ofena (Aq)
Taverna de li Caldora, Pacentro (Aq)
Taverna 58, Pescara (Pe)
Font’Artana, Picciano (Pe)
Vecchia Marina, Roseto degli Abruzzi (Te)

PIEMONTE
Osteria dell’Arco, Alba (Cn)
’L Bunet, Bergolo (Cn)
Locanda dell’Olmo, Bosco Marengo (Al)
Boccondivino, Bra (Cn)
Marsupino, Briaglia (Cn)
Bianca Lancia dal Baròn, Calamandrana (At)
Violetta, Calamandrana (At)
Il Moro, Capriata d’Orba (Al)
Da Marisa al Castello, Castell’Alfero (At)
Roma, Castelletto Stura (Cn)
Madonna della Neve, Cessole (At)
La Torre, Cherasco (Cn)
Ristorante del Mercato da Maurizio, Cravanzana (Cn)
Rosso Rubino, Dronero (Cn)
La Taverna di Fra Fiusch, Moncalieri (To)
Cantina dei Cacciatori, Monteu Roero (Cn)
Osteria della Pace, Sambuco (Cn)
Del Belbo da Bardon, San Marzano Oliveto (At)
La Coccinella, Serravalle Langhe (Cn)
Lou Sarvanot, Stroppo (Cn)
Antiche Sere, Torino (To)
Consorzio, Torino (To)
Sotto la Mole, Torino (To)
San Bernardo, Verzuolo (Cn)

SICILIA
Don Ciccio, Bagheria (Pa)
U Locale, Buccheri (Sr)
Trattoria del Crocifisso da Baglieri, Noto (Sr)
Trattoria del Gallo, Palazzolo Acreide (Sr)
Paradiso, Palermo (Pa)
Piccolo Napoli, Palermo (Pa)
Da Salvatore, Petralia Soprana (Pa)
Fratelli Borrello, Sinagra (Me)
Vultaggio, Trapani (Tp)

BASILICATA
Al Becco della Civetta, Castelmezzano (Pz)
Lucanerie, Matera (Mt)
Da Peppe, Rotonda (Pz)
La Mangiatoia, Rotondella (Mt)
Luna Rossa, Terranova di Pollino (Pz)

CALABRIA
Max, Cirò Marina (Kr)
Il Vecchio Castagno, Serrastretta (Cz)
Zio Salvatore, Siderno (Rc)

CAMPANIA
La Pignata, Ariano Irpino (Av)
Valleverde Zi’ Pasqualina, Atripalda (Av)
Il Focolare, Barano d’Ischia (Na)
Nunzia, Benevento (Bn)
Grillo d’Oro, Bisaccia (Av)
Le Quattro Fontane, Casagiove (Ce)
Gli Scacchi, Caserta (Ce)
Al Convento, Cetara (Sa)
La Pergola, Gesualdo (Av)
Fenesta Verde, Giugliano in Campania (Na)
La Torre, Massa Lubrense (Na)
Lo Stuzzichino, Massa Lubrense (Na)
Di Pietro, Melito Irpino (Av)
La Taverna dell’Arte, Napoli (Na)
Osteria del Gallo e della Volpe, Ospedaletto d’Alpinolo (Av)
Angiolina, Pisciotta (Sa)
Abraxas, Pozzuoli (Na)
’E Curti, Sant’Anastasia (Na)
Osteria la Piazzetta, Valle dell’Angelo (Sa)

FRIULI VENEZIA GIULIA
Dal Cjco, Castelnovo del Friuli (Pn)
Ai Cacciatori, Cavasso Nuovo (Pn)
Borgo Poscolle, Cavazzo Carnico (Ud)
Ai Ciodi, Grado (Go)
Vecchia Maniago, Maniago (Pn)
Il Favri, San Giorgio della Richinvelda (Pn)
Alle Nazioni, San Quirino (Pn)
Devetak, Savogna d’Isonzo-Sovodnje ob Soči (Go)
Da Afro, Spilimbergo
Sale e Pepe, Stregna-Srednje (Ud)
Stella d’Oro, Verzegnis (Ud)

LAZIO
Iotto, Campagnano di Roma (Rm)
Osteria del Tempo Perso, Casalvieri (Fr)
Il Bersagliere, Colonna (Rm)
Zarazà, Frascati (Rm)
L’Oste della Bon’Ora, Grottaferrata (Rm)
La Briciola di Adriana, Grottaferrata (Rm)
Taverna Mari, Marino (Rm)
Hostaria della Piazzetta, Monte San Biagio (Lt)
Antica Osteria Fanti, Priverno (Lt)
Da Cesare, Roma (Rm)
Osteria del Velodromo Vecchio, Roma (Rm)
Palatium, Roma (Rm)
Saint Patrick, Terracina (Lt)

LIGURIA
Magiargè, Bordighera (Im)
La Baita, Borghetto d’Arroscia (Im)
Da Casetta, Borgio Verezzi (Sv)
Armanda, Castelnuovo Magra (Sp)
Ostaia da U Santu, Genova (Ge)
La Molinella, Isolabona (Im)
Osteria dell’Acquasanta, Mele (Ge)
Antica Osteria dei Mosto, Ne (Ge)
La Brinca, Ne (Ge)
Gli Amici, Varese Ligure (Sp)

MARCHE
Al Mandracchio, Ancona (An)
Il Giardino degli Ulivi, Castelraimondo (Mc)
Chalet Galileo, Civitanova Marche (Mc)
Oasi degli Angeli, Cupra Marittima (Ap)
Da Maria, Fano (Pu)
Coquus Fornacis, Serra de’ Conti (An)
La Pianella, Serra San Quirico (An)

MOLISE
La Grotta da Concetta, Campobasso (Cb) Termoli (Cb)
Dentro le Mura, Termoli (Cb)

PUGLIA
L’Aratro, Alberobello (Ba)
Antichi Sapori, Andria (Bt)
Il Castelletto, Carovigno (Br)
Da Pompeo, Foggia (Fg)
Cucina Casereccia – Le Zie, Lecce (Le)
Falsopepe, Massafra (Ta)
Masseria Barbera, Minervino Murge (Bt)
L’Antica Locanda, Noci (Ba)
Peppe Zullo, Orsara di Puglia (Fg)
La Piazza, Poggiardo (Le)
Fossa del Grano, San Severo (Fg)

SARDEGNA
Sa Piola della Vecchia Trattoria, Cagliari (Ca)
Santa Rughe, Gavoi (Nu)
Su Recreu, Ittiri (Ss)
Sas Benas, Santu Lussurgiu (Or)

TOSCANA
Il Tirabusciò, Bibbiena (Ar)
Summertime, Capoliveri (Li)
Antica Fattoria del Grottaione, Castel del Piano (Gr)
La Taverna del Pian delle Mura, Castiglione d’Orcia (Si)
Il Cantuccio, Castiglione della Pescaia (Gr)
La Solita Zuppa, Chiusi (Si)
Da Burde, Firenze (Fi)
Mangiando Mangiando, Greve in Chianti (Fi)
Oste Scuro, Grosseto (Gr)
Il mecenate, Lucca (Lu)
Hosteria La Vecchia Ròta, Marciano della Chiana (Ar)
Il Frantoio, Montescudaio (Pi)
Il Pozzo, Pieve Fosciana (Lu)
Il Garibaldi Innamorato, Piombino (Li)
La Bottegaia, Pistoia (Pt)
Antica Trattoria Pelliccia, Pontremoli (Ms)
Da Bussè, Pontremoli (Ms)
Le Panzanelle, Radda in Chianti (Si)
Osteria del Carcere, San Gimignano (Si)
Da Gagliano, Sarteano (Si)
Bistrot del Mondo da Bobo all’Acciaiolo, Scandicci (Fi)
Hosteria Il Carroccio, Siena (Si)
La Botte Piena, Torrita di Siena (Si)
Il Conte Matto, Trequanda (Si)

TRENTINO ALTO ADIGE
Maso Cantanghel Trattoria da Lucia, Civezzano (Tn)
Locanda delle Tre Chiavi, Isera (Tn)
Boivin, Levico Terme (Tn)
La Berlocca, Predazzo (Tn)
Nerina, Romeno (Tn)
Fuchiade, Soraga (Tn)

Alto Adige
Kürbishof, Anterivo-Altrei (Bz)
Oberraut, Brunico-Bruneck (Bz)
Garsun, Marebbe-Enneberg (Bz)
Dorfnerhof, Montagna-Montan (Bz)
Signaterhof, Renon-Ritten (Bz)
Jägerhof, San Leonardo in Passiria-Sankt Leonhard in Passeier (Bz)
Lamm Mitterwirt,
Durnwald, Valle di Casies-Gsies (Bz)

UMBRIA
L’Acquario, Castiglione del Lago (Pg)
La Miniera di Galparino, Città di Castello (Pg)
La Cantina della Villa, Nocera Umbra (Pg)
Stella, Perugia (Pg)

LOMBARDIA
Al Ponte, Acquanegra sul Chiese (Mn)
Dispensa Pani e Vini, Adro (Bs)
Visconti, Ambivere (Bg)
Le Frise, Artogne (Bs)
Altavilla, Bianzone (So)
Dentella, Bracca (Bg)
Osteria al Bianchi, Brescia (Bg)
La Madia, Brione (Bs)
La Piana, Carate Brianza (Mi)
Hostaria Viola, Castiglione delle Stiviere (Mn)
Osteria de l’Umbreleèr, Cicognolo (Cr)
Il Gabbiano, Corte de’ Cortesi con Cignone (Cr)
La Sosta, Cremona (Cr)
Locanda delle Grazie Curtatone (Mn)
Caffè la Crepa, Isola Dovarese (Cr)
Osteria del Crotto, Morbegno (So)
Trattoria dell’Alba, Piadena (Cr)
Inarca, Proserpio (Co)
Via Vai Fratelli Fagioli, Ripalta (Cr)

VALLE D’AOSTA
Locanda La Clusaz, Gignod (Ao)

VENETO
Ai Monti da Zamboni, Arcugnano (Vi)
Alle Codole, Canale d’Agordo (Bl)
Al Portico, Cona (Ve)
Dai Mazzeri, Follina (Tv)
Isetta, Grancona (Vi)
Locanda Aurilia, Loreggia (Pd)
Al Ponte, Lusia (Ro)
Madonnetta, Marostica (Vi)
Da Conte, Mira (Ve)
La Ragnatela , Mirano (Ve)
Da Paeto, Pianiga (Ve)
Al Forno, Refrontolo (Tv)
Al Monte, Rosolina (Ro)
Antica Trattoria da Nicola, San Donà di Piave (Ve)
Taverna Kus, San Zeno di Montagna (Vr)
Antica Trattoria al Bosco, Saonara (Pd)
Dalla Libera, Sernaglia della Battaglia (Tv)
Da Doro, Solagna, (Vi)
Alla Sorgente, Torrebelvicino (Vi)
La Tavolozza, Torreglia (Pd)
Locanda Solagna, Vas (Bl)
Ostaria Da Mariano, Venezia (Ve)
Al Bersagliere, Verona (Vr)

Massimo Bernardi Massimo Bernardi

24 ottobre 2011

commenti (61)

Accedi / Registrati e lascia un commento

    1. Tra Umbria e Valle d’Aosta, ovviamente 😀

  1. Sono un fan della guida delle osterie, non per il principio dell’osteria, ma perche’ il piatto “elaborato” si sta diffondendo a livelli in cui 1) non sono tutti top chef e al 90% e’ una cagata, 2) e’ bella l’alta cucina ma magari su 6 sere a mese in cui ti va di andare a mangiare fuori, 5 le vuoi fare a costi piu’ bassi e maggiore rilassatezza gastronomica.
    Nella mia esperienza campana nella guida c’era quello che e’ il mio ristorante preferito Viva Lo Re ad Ercolano (dove e’ finito?) Manca anche la locanda di alfonso a Boscoreale altro posto mitico.
    I curti e’ un posto dove si mangia benissimo, lo stesso vale per il convento a cetara, i due di massa lubrense, il gatto e la volpe ad avellino e nunzia a benevento
    La Taverna dell’arte a Napoli se risolvi il problema del parcheggio e’ una garanzia di serata piacevole.
    La Pignata stava a Pontelandolfo (BN) si e’ spostata o e’ un altro, ma si mangiava benissimo
    Fenesta verde e abraxas non sono tra i miei preferiti ma non posso dire si mangi male.
    Insomma il mio punto di vista e’ che, in linea di massima, grandi delusioni non le ho avuto e ci sono molti dei posti che preferisco, non trovo assolutamente ci sia alta quantita’ per bassa qualita’, quindi mi fido della guida e la uso con piacere

  2. La Guida Osterie è certamente la mia guida preferita!

    La consultiamo ogni volta che visitiamo un nuovo luogo e devo convenire che molto raramente ha fallito, al 99% sappiamo che usciremo dal locale con grande soddisfazione, sia del palato che del portafoglio (che di questi tempi poi, non guasta proprio).
    Osterie con menu e prezzi come ci si aspetta!

    1. La compro ogni 3-4 anni, la uso da almeno 15: mai una delusione, si contano sulle dita di una mano le volte in cui siamo usciti dal ristorante non del tutto soddisfatti. Una certezza.
      P.S. non è mai stata “chiocciolata”, ma non mi spiego la sparizione della Crota di Calosso (Asti), una trattoria all’insegna della cucina regionale dove il rapporto qualità/prezzo resta uno dei più alti in assoluto. (Senza contare – scusate la parolaccia – il “valore aggiunto” di un panorama gradevolissimo.

  3. Per la filosofia di questa guida, su Roma e castelli romani concordo. Magari mancherà qualcuno (tipo l’Osteria di Monteverde), magari Palatium a via Frattina non è esattamente una neo-osteria, però quelli citati sono posti validi e anche i 35€ per 3 piatti sono realistici.

    L’unica cosa è che li conoscevo già tutti a prescindere da Slow Food… 😎

    1. E soprattutto c’è il tuo preferito: Moschino 😀

    2. Ecco l’elenco completo di Roma

      ———–

      Da Armando al Pantheon (Pantheon)

      Da Cesare (Monteverde Nuovo)

      Dar Moschino (Garbatella)

      Felice (Testaccio)

      Flavio al Velavevodetto (Testaccio)

      Grappolo d’Oro Zampanò (Campo de’ Fiori)

      Il Quinto Quarto (Farnesina)

      L’Asino d’Oro (Monti) – novità

      L’Osteria di Monteverde (Monteverde) – novità

      Matricianella (Montecitorio-Colonna)

      Osteria dell’Angelo (Trionfale-Piazzale Clodio)

      Osteria del Velodromo Vecchio (Appio-Tuscolano)

      Palatium (Campo Marzio)

      Primo Sale (Prati)

      Tram Tram (San Lorenzo)

      Trattoria Cadorna (Pinciano)

      Trattoria degli Amici (Trastevere) – novità

    3. si beh, di base bisognerebbe capire bene cosa si intende per “osteria”….
      35 euro da Flavio e da Felice non mi sembra verosimile

    4. Se non sbaglio il prezzo di cui parla SF si riferisce a 3 portate, e non alle canoniche 4. Quindi mi sembra plausibile anche nei suddetti locali

    5. Ritratto il concordo globale! 😀
      Ancora Tram Tram??? E la Trattoria degli Amici (novità??? Saranno 10 anni che sta là) della comunità di S.Egidio non mi mette una grande allegria…

    6. Moschino sulla guida si slowfood è quasi un insulto. La Trattoria degli Amici è un’eresia. Vi consiglio di provare il loro cacio e pepe freddo e con la panna… ci sono stato una volta e non la consiglio a nessuno, nemmeno ai nemici.

    7. quoto

      e anche l’Osteria dell’Angelo non è da meno
      un posto incomprensibilmente sempre affollato
      la cacio e pepe è appena normale
      i secondi insulsi
      carta dei vini inesistente (non che uno pretenda chissà che)
      addirittura con i tozzetti (che sembrano comprati al supermercato) un’orribile “romanella” (chi ha avuto la sfortuna di berla, sa che cos’è)

      e tutti gli anni è sulla guida

    8. Non vedo Mamma Angelina… 😎

    9. e Sora Margherita alle Cinque Scole?

    10. Secondo me non è all’altezza. Tu lo adori?

    11. perché, Moschino è all’altezza?

      (manca anche Zen Garden. ma siamo matti?)

    12. Mio commento in altra sede 😀

      “Nooo, vi prego, Moschino no! Finalmente le altre guide lo hanno espunto, rimane solo in questa. Ma mi spiegate, a parte la bella piazzetta, perché si dovrebbe mangiare qui? Invito ufficialmente Marco Bolasco (e anche Pignataro, va) ad andarci insieme, così mi spiegano perché continuano a considerarlo un posto da consigliare. Ovviamente pago io :-D”

  4. Parlo, al solito, per quello che so.

    I due posti segnalati in Valtellina (provincia di Sondrio) valgono eccome. Soprattutto perchè non si limitano a proporre i soliti piatti della tradizione a prezzi corretti ma provano ad andare oltre. Soprattutto per quanto riguarda l’attenzione per il dettaglio e la ricerca di ingredienti d’eccellenza.

    Inzomma, se il mio campione è valido (?) ben vengano guide come questa… 🙂

  5. Già l’ho scritto in un altro commento: a me sembra ridicola ‘sta “guerra” che c’è tra gli irriducibili della cofana di fettucine , quelli che“ voi che andate da Vissani per mangiare delle assurde minchiatine impronunciabili solo per sentirvi gastrofighetti, vuoi mettere quanto siete stupidi voi e furbo io che co du’ euro esco a panza piena e te hai speso pure ‘na cifra e c’hai ancora fame!” e quelli che “esiste solo la cucina stellata, tutto il resto è noia!”.
    Il discorso non è stabilire se è roba per me o meno la tovaglia a quadri, ma se è corretto il rapporto qualità/prezzo, punto.
    Per me la cucina si divide in due grandi categorie: quella fatta bene e quella fatta male. Anche una fettuccina preparata come si deve, servita senza sciatteria, mangiata in un contesto rustico ma piacevole, può essere commovente.
    Da questo punto di vista, credo cha la Guida Osterie d’Italia, ma direi tutto il movimento Slow Food, abbia in qualche modo contribuito all’evoluzione del regno della grande abbuffata.
    Resta un problema, però, che questi locali sono ancora una minoranza, mentre l’osteria più diffusa in Italia (e purtroppo sempre piena) rimane quella che si chiama “Quisemagnatantoemalemasespendepoco” .

    1. quotone.
      E comunque non è possibile mettere a confronto due tipologie di cucina così diverse.
      Si devono provare entrambe!

  6. A me piace la cucina della nonna e molto spesso il problema è proprio trovare buone trattorie.
    A dire il vero mi piacciono più cose, sia il piatto tradizionale che l’interpretazione del suddetto, ma magari prima dovrei conoscere l’originale.

    Diciamo che è un modo come un altro per “avere la scusa” per andare a mangiare fuori una volta di più 🙂

  7. Mah…certo che se qualcuno, leggendo la guida, va alla Brinca di Ne credendo che sia un’ osteria….

    nei dintorni di Genova di buone osterie ce ne sono: Il limite di alcune è di non avere vini all’ altezza della cucina. Un nome su tutti è La Campora, famosa da decenni per ravioli e fritto misto. Peccato i vini, mannaggia, ma se uno vuole, il vino buono se lo porta da casa: mica si offendono.
    Un buon indirizzo è Bertin a Lencisa, con buoni vini.

    1. Sempre a Ne, cosa ne pensi della Trattoria dei Mosto?

    2. Ci devo tornare….una giornata storta può capitare…
      E di Cappotto a Frisolino? Lo conosci?

      P.S. Non vorrei essere frainteso: La Brinca è un ottimo, e raccomandabile, con un ottimo rapporto qualità/prezzo, ristorante (nel vero senso del termine), ma non è certo un’ osteria.

    3. No, non lo conosco. Merita?

    4. Lo conosco da una quarantina d’ anni, da quando, alla domenica, si mangiava con mille lire e, se volevi, con altre 500 ti portavi a casa un fiasco di bianco della casa, fatto dal Cappotto stesso, a base di uve vermentino.
      Secondo me merita ancora oggi

    5. confermo,non è un osteria ma merita ..eccome…

  8. Nel 1968 Stewart Brand rivoluzionò l’idea di informazione con una pubblicazione chiamata The Whole Earth Catalog.
    L’ultimo numero del The Whole Earth Catalog conteneva una frase che caratterizza la sua essenza: “Stay hungry, stay foolish”. Steve Jobs ricorda queste parole durante un toccante discorso tenuto all’università di Stanford nel 2005, in occasione dell’assegnazione della laurea honoris causa.

  9. debbo dire la verità che al netto di qualche residuo incomprensibile, come moschino o tram tram, mi sembra la migliore edizione mai fatta, che prova un ragionamento vero sulle trattorie, come mi aveva detto Marco Bolasco
    Chapeau 😉
    Ciao A

«
Privacy Policy