di Stefano Caffarri 18 Marzo 2009

Seattle PICome si cambia/ per non morire canta Fiorella Mannoia. Potrebbe essere la soundtrack di questi tempi che riscrivono la mitologia dell’informazione. La notizia è che anche il Seattle Post ferma le rotative dopo 146 anni, affidandosi alla Rete. O per restare al wi-fu (wine&food), che la Gambero Rosso Holding si prende una denuncia per comportamento antisindacale e metà della redazione rischia il posto. Il Seattle P-I non è un giornale qualunque: sulla figura del tycoon che lo fece grande, Randolph Hearst, uno che non le mandava a dire come Orson Welles costruì la saga di Quarto Potere. E Seattle è ben di più che quella città piovosa che abbiamo tutti in mente – almeno noi giovani di una volta – nell’epopea del grunge con i ragazzi con i gins al ginocchio e le ragazze con le camice a quadri. Nememno il Gambero Rosso è un giornale qualunque, e la sua storia, come scritto altrove, nient’affatto banale. Ma come abbiamo detto, la transizione è epocale e la contrazione della raccolta pubblicitaria fa paura. Come testimonia Carlo Malinconico, presidente della FIEG, facendo onore al suo nome (o cognome).

[La Prima, Papero Giallo]