di Prisca Sacchetti 5 Aprile 2011

La scena seguita all’annuncio della d-Fest del 19 Marzo sembrava rubata al film Il Gladiatore, presente quando Russel Crowe comanda “al mio segnale scatenate l’inferno”? 200 posti bruciati in poche ore con l’inevitabile risultato che molti non sono potuti venire. Ma per noi un lettore che resta a casa equivale a un mal di denti, così abbiamo escogitato un regalo ad hoc. Funzionava così: festeggiavano anche i lettori esclusi, non importa dove, come e con chi, e documentavano i bagordi inviandoci una foto. Alla più inarrivabile andava un glorioso pacco Doc III di Garofalo (olio extravergine, formati di pasta assortiti, barattolini e un coltello in ceramica) del valore di 100 euro, mentre alla 2a e 3a classificata regalavamo una confezione di Pasta Garofalo da 12 kg.

Ecco i 3 lettori cui spediremo i regali:

SUSANNA BRESSA/Pacco Doc III di Garofalo

“Nonostante Da Enzo a Roma sia la mia trattoria preferita, sto ancora rosicando per non essere potuta venire alla d-Fes sabato sera. Ma i compleanni non si potrebbero festeggiare magari 2-3 volte all’anno? Alla prossima, Susanna”.

ANTONELLA LEPRE, confezione di Pasta Garofalo da 12 kg

L’evento meritava i gioielli di famiglia. Saluti a tutti, mi sono tanto divertita. Anto, cioè Antonella Lepre (si , ho anche un cognome commestibile).

ALESSANDRA SPALVIERI, confezione di Pasta Garofalo da 12 kg

Purtroppo siamo rimasti fuori dalla festa di Dissapore, ci siamo consolati con un paio di ottime birre in un pub di Trastevere, Alessandra e Luigi.

Proficue mangiate a tutti. Alla prossima d-Fest però ci vediamo, eh.