di Giovanni Puglisi 25 Novembre 2020
Guida Michelin 2021

Si è da pochi minuti conclusa (29 Novembre, ore 13) la presentazione ufficiale della nuova Guida Michelin 2021 tramite evento in streaming – sono 29 i ristoranti che conquistano una nuova stella: 26 guadagnano la prima, 3 conquistano la seconda.

Non ci sono nuovi tre stelle Michelin, mentre tutti gli 11 ristoranti già insigniti del riconoscimento confermano la terza stella.

Da registrare, in positivo, una buona componente “giovane” di chef che conquistano il primo macaron in carriera: tra i 26 nuovi stellati, ben 8 sono under 30, di questi la metà under 25.

Sorprendente, per contro, l’esiguo numero di nuove “seconde stelle”, seppur forse prevedibile durante l’annus horribilis in corso, che conferma l’adozione, da parte della Rossa, di un atteggiamento in qualche modo conservativo (nonostante la guida non si sia tirata indietro nel ritirare riconoscimenti già elargiti, in maniera a suo modo sorprendente).

Ecco quali tutte le nuove stelle Michelin d’Italia, dunque:

Nuovi ristoranti stellati*

Una stella Michelin

Sono state premiate 26 nuove stelle, di cui 4 under 25 e ulteriori 4 under 30. Ecco l’elenco dei premiati:

Don Alfonso 1890 San Barbato – Chef Donato de Leonardis – Lavello (PZ)

Relais Blu – Chef Alberto Annarumma – Massa Lubrense (NA)

Re Santi e Leoni – Chef Luigi Salomone – Nola (NA)

Lorelei – Chef Ciro Sicignano – Sorrento (NA)

Al Povero Diavolo – Chef Giuseppe Gasperoni – Torriana (RE)

Zia – Chef Antonio Ziantoni – Roma

Essenza  – Chef Simone Nardoni – Terracina (LT)

Nove –  Chef Giorgio Servetto – Alassio (SV)

Impronta d’Acqua – Chef Ivan Maniago – Lavagna (GE)

Kitchen  – Chef Andrea Casali – Como

Aalto – Chef Takeshi Iwai – Milano

Borgo Sant’Anna – Chef Pasquale Laera – Monforte d’Alba (CN)

Piano 35 – Chef Marco Sacco – Torino

Casa Sgarra – Chef Felice Sgarra – Trani (BT)

Poggio Rosso – Chef Juan Camilo Quintero Marchan – Castelnuovo Berardenga (SI)

Gabbiano 3.0 – Chef Alessandro Rossi – Marina di Grosseto (GR)

Franco Mare – Chef Alessandro Ferrarini – Marina di Pietrasanta (LU)

Sala dei Grappoli – Chef Domenico Francone – Montalcino (SI)

Linfa – Chef Vincenzo Martella – San Gimignano (SI)

Peter Brunel – Chef Peter Brunel – Arco (TN)

Prezioso – Chef Egon Heiss – Merano (BZ)

Senso Alfio Ghezzi Mart – Chef Alfio Ghezzi – Rovereto (TN)

Vecchio Ristoro – Chef Filippo Oggioni – Aosta

Sanbrite – Chef Riccardo Gaspari – Cortina d’Ampezzo (BL)

La Cru – Chef Giacomo Sacchetto – Romagnano (VR)

Amistà – Chef Mattia Bianchi – San Pietro in Cariano (VR)

Nuove due stelle Michelin

Due stelle MichelinI nuovi due stelle sono stati premiati invitandoli in collegamento diretto, ma ci tengono a specificare in studio, “senza sapere perché” fossero collegati. Con un ultimo coup de theatre, Davide Oldani viene insignito della seconda stella con un espediente, invitato ufficialmente per discutere di sostenibilità è invece premiato in diretta.

Harry’s Piccolo – Chef Matteo Metulio – Trieste

Santa Elisabetta – Chef Rocco De Santis – Firenze

D’O – Chef Davide Oldani – Cornaredo (MI)

1