di Valentina Dirindin 17 Gennaio 2020
Ristorante Reale Niko Romito

Quali sono i ristoranti stellati in Abruzzo nel 2020? Quest’anno la regione perde una stella, e resta con sei posti premiati dalla Guida Michelin, cinque con una stella e uno tristellato, il celebre Reale di Niko Romito.

Ecco l’elenco completo dei ristoranti stellati dell’Abruzzo: per ogni ristorante vi diciamo che tipo di cucina si realizza, i prezzi dei menu degustazione e tutto ciò che vi serve sapere per decidere se andarci.

RISTORANTI 3 STELLE MICHELIN*** – ABRUZZO

Reale

Contrada Piana Santa Liberata, Castel di Sangro (AQ)

Ristorante Reale Niko Romito

Appena premiato al Madrid Fusiòn come miglior chef europeo del 2020, Niko Romito continua a tenere salde le redini del suo impero che, oltre ovviamente al Reale di Castel di Sangro (uno dei tristellati più celebri d’Italia) comprende anche una scuola di formazione professionale che funge da laboratorio di sperimentazione per la cucina del futuro. Tutto ciò si trova all’interno del complesso Casadonna, un ex convento del ’500 nel Parco Nazionale d’Abruzzo. Ed è ancora più incredibile pensare che uno chef nato autodidatta sia arrivato a questi altissimi livelli. Merito del suo lavoro in cucina – che ha portato a piatti iconici come l’Assoluto di cipolle o l’emulsione fredda di manzo e olio con maionese di lamponi- ma anche della complicità con la sorella Cristiana (che guida il servizio del Reale).

Prezzi: Menu degustazione Essenza 170 euro, Menu degustazione Ideale 210 euro.

Info:  0864 69382 | nikoromito.com | chiuso lunedì e martedì (escluso agosto)

RISTORANTI 1 STELLA MICHELIN* – ABRUZZO

Al Metrò

Via Magellano 35, San Salvo (CH)

Al Metrò ristorante

Un tempo Al Metrò era il nome della pasticceria di famiglia, trasformata poi dai fratelli Antonio e Nicola Fossaceca in un ristorante. Stellato dal 2013, Al Metrò propone una cucina fortemente legata ai sapori e alle tradizioni locali, con tanto mare (polpo, ricci, ostriche, bottarga) e prodotti del territorio per i quali lo chef Nicola mostra una particolare passione. Ne escono piatti come le mazzancolle con rape e senape selvatica o i ravioli ripieni di seppie arrosto e crema verde. Una proposta mai banale, realizzata con creatività, attenzione e tecnica.

Prezzi: Menu Degustazione “I nostri classici” 70 euro, Menu degustazione in otto portate a mano libera 90 euro

Info: 0873 803428 |ristorantealmetro.it | chiuso il lunedì

D.one Ristorante Diffuso

 via del Borgo 1, Montepagano TE

D.one Ristorante Diffuso

Si era sentito già parlare di alberghi diffusi, spazi ricettivi creati in ambienti diversi, case e dimore storiche, in grado di creare un percorso attraverso la storia e la tradizione di un luogo. Ma prima del D.One nessuno – almeno in Italia – aveva pensato a un ristorante diffuso. C’è il bar, la sala ristorante, il privèe con camino, il “per due”, la suite, la cantina e via dicendo, tutto in spazi storici, scenografici, bellissimi. In cucina il salentino Davide Pezzuto, classe 1980, con la passione per la terra, l’agricoltura, i prodotti semplici e genuini (sia di terra che di mare), tanto da portarlo ad affermare: “L’ingrediente principale della cucina gourmet è la semplicità”.

Prezzi: Menu degustazione Primo Lustro 105 euro, Menu degustazione in sette portate 80 euro, Menu degustazione Evo19 120 euro

Info: 085 894 4508 | donerestaurant.it | chiuso domenica e lunedì

La Bandiera

Contrada Pastine 4, Civitella Casanova (PE)

Se a guidare La Bandiera oggi ci sono Marcello Spadone e sua moglie Bruna, con l’aiuto dei loro figli, Alessio e Mattia, in realtà la storia di questo ristorante risale a una generazione prima. Era il 1977 e Anna D’Andrea, dopo una ventennale esperienza di lavoro come cuoca a Roma, decise di tornare nel suo paese natale, Civitella Casanova per dare forma e sostanza al suo sogno: convertire una rivendita di sali e tabacchi in una trattoria. Poi il ristorante è cresciuto, Marcello si è formato all’Albereta, alla corte di Gualtiero Marchesi e Bruna si è messa a curare l’orto di famiglia: da qui, da una bella storia familiare, è nata la fortuna di questo posto, che propone i sapori della tradizione del territorio con piatti come la Porchetta con maionese cotta di patate e cotenna soffiata o il cosciotto di agnello alle erbe aromatiche, patata farcita e misticanza strascinata.

Prezzi: Menu degustazione in tre piatti 35 euro, Menu degustazione in sei piatti 55 euro, Menu degustazione in nove piatti 90 euro, Menu degustazione vegetariano in sei piatti 55 euro.

Info:  085 845219 | labandiera.it

Magione Papale

Via Porta Napoli 67/1, L’Aquila

Il ristorante guidato dallo chef William Zonfa, classe 1981, è il fiore all’occhiello di questo relais di charme nelle campagne aquilane, perfetto per un soggiorno romantico o anche per organizzare il proprio matrimonio. L’apprezzato e premiato chef si è formato nelle cucine tedesche, il che contribuisce probabilmente al suo rigore in cucina, mentre l’esperienza in Costa Azzurra gli conferisce invece la creatività necessaria al mondo Michelin. In Francia, tra l’altro, Zonfa si è specializzato in cioccolateria, presso l’école de Valrhona, il che lo rende preparato anche nel mondo della pasticceria. Le materie prime utilizzate e i piatti, raffinati e mai troppo complessi, vogliono essere un tributo al territorio e ai suoi sapori.

Prezzi: Menu degustazione in otto portate 90 euro

Info: 0862 414983 | magionepapale.it | chiuso il lunedì

Villa Maiella

Via Sette Dolori 30, Guardiagrele (CH)

Un albergo con ristorante e una fattoria dove recuperare i prodotti buoni della terra: è questo lo spazio messo in piedi da Ginetta e Arcangelo nel 1966, quando era solo una trattoria di campagna. Oggi continua il suo lavoro di accoglienza e attenzione al pubblico, anche a quello di domani: tra le proposte c’è anche un bel menu dedicato agli under 30, per venire incontro alle risorse talvolta ristrette dei più giovani. La famiglia Tinari porta avanti in questo ristorante un’idea di cucina che racconta una terra che loro stessi definiscono “generosa”, dimostrandolo utilizzando, ad esempio, i prodotti della loro fattoria di famiglia. In carta sapori semplici, che sanno di campagna, esattamente quelli di una volta.

Prezzi: Menu degustazione in otto portate 80 euro, Menu degustazione Del territorio 60 euro, Menu degustazione “Formula giovane” (fino a trent’anni) 60 euro.

Info:  0871 809319 | www.villamaiella.it