Spazio di Niko Romito a Roma: cosa funziona e cosa meno

Prendetevi una pausa dal cupo brontolio di TripAdvisor, da tutte quelle recensioni mediocri e scombiccherate. Rigeneratevi con Il ristorante della settimana, la serie che ogni weekend Dissapore rivolge agli appassionati di ristoranti e fine-dining.

Protagonista del nuovo episodio è Spazio di Niko Romito, inaugurato lo scorso 27 gennaio a Roma, in Piazza Verdi 9, zona Pinciano – Parioli.

[Il ristorante della settimana: la serie]

Dobbiamo essere grati a chi, per non fare nomi quelli della Gazza Golosa, ogni anno trova la quadra dei voti assegnati dalle principali guide dei ristoranti –Michelin, Espresso e Gambero Rosso– per dirci quale sarebbe il numero uno di un’ipotetica “guida delle guide”.

Sarebbe il ristorante Reale di Castel di Sangro (AQ), che nel 2017, per la prima volta, ha superato l’Osteria Francescana di Modena. Detto in altro modo: Niko Romito ha sorpassato Massimo Bottura tra i top chef nazionali.

[Casadonna: in viaggio con Bernardi, direzione Niko Romito]

Il dato ci aiuta a capire l’attesa per il nuovo Spazio, che è un’altra cosa rispetto ai 3 locali già aperti con lo stesso nome da Romito, prima a Rivisondoli, dove si trova la sua scuola di cucina, poi nella capitale, da Eataly Ostiense, quindi a Milano, al Mercato del Duomo.

Perché un’altra cosa?

[Spazio Roma di Niko Romito apre domani: cose da sapere prima di andarci]

Per la formula del locale, che è nuova e va fatta funzionare visto l’ambizioso programma previsto dallo chef abruzzese e dai nuovi soci di Italia Cibum Spa. Per il punto pilota di Roma hanno messo sul piatto circa 2 milioni di euro, ma il programma dei prossimi cinque anni prevede l’apertura di altri sette locali in diverse città del mondo.

Con il che siamo al cuore della faccenda: la formula di Spazio Roma ha le carte in regola per funzionare?

DESIGN E AMBIENTE

Non è un caso se gli ingressi sono due, indipendenti. Anche gli ambienti sono completamente diversi: 450 metri quadri di locale uniti all’interno da un corridoio ma divisi in ristorante e bistrot/area pane e caffè (che è bar, rosticceria, panetteria, bancone di mixologia, tavolo della merenda, rifugio per la colazione continentale) e affacciati rispettivamente su via Guido D’Arezzo e su Piazza Verdi.

Bistrot/area pane e caffè

Aperto dalle 7.30 alle 23, questo spazio a forma di rettangolo, lungo e versatile, è progettato per adattarsi alle esigenze e al momento vissuto.

La colazione viene servita fino alle 11, poi si prosegue senza soluzione di continuità con menu distinti per fascia oraria.

Dietro il lungo bancone si avvicendano la zona cocktail, con liquori e distillati, la vetrina della pasticceria secca e quella dei succhi di frutta fatti in casa. Accanto spicca la zona forno, con le belle pizze e il pane, anche in versione da asporto (a 8.5 euro al chilo).

Per la cronaca, il pane, che è il fulcro del bistrot, viene preparato nelle due versioni, bianco con patate e scuro fatto con i grani antichi Solina e Saragolla, a Castel di Sangro, nella cucina laboratorio del ristorante Casadonna, dove viene abbattuto per poi essere rianimato dentro Spazio.

Legno con finiture in colori laccati opachi, vetro e pietra, questi i materiali. Poi sedute a parete, sedie avvolgenti e sgabelli, bella zona living con divano e poltrone. Gli oggetti: vetrine o teche, espositori a diversa altezza, quadri.

Ristorante

Aperto a pranzo e cena il ristorante è un ambiente senza muri, un’oasi verde dove tutto è aperto e trasparente, complice la grande struttura in ferro che integra le vetrate e si trasforma in supporto per le pianti rampicanti del soffitto.

Uno sfondo adeguato per la cucina italiana contemporanea del locale, integrata con un tocco di tradizione romana.

I tavoli e le sedute, diverse nella forma e nei materiali, sono ben distanziati tra loro per garantire intimità anche in un ambiente grande e senza schermi.

SERVIZIO

Va da sé che l’attenzione per il cliente cambia da locale a locale, con una diversa quota di accuratezza e formalità. Se servizio al tavolo, cordialità e preparazione sono assicurati anche al bistrot, il ristorante consente un altro livello di confort.

Tenete presente che per gestire i due locali in uno di Spazio, e le cinquanta (50!) persone che ci lavorano serve un’organizzazione in stile militare, con Sabrina Romito, sorella dello chef, che al momento è responsabile della sala e dell’accoglienza, Roberto Bergamin nei panni del direttore e il sommelier Valerio Capriotti.

La cucina a vista, grande, bella e moderna, che domina la sala, è guidata dal venticinquenne Stefano De Cesare, promosso dalla Niko Romito Formazione, la scuola di Niko Romito a Castel di Sangro. La supervisione è di Gaia Giordano, la chef che si occupa di tutti gli Spazio esistenti e futuri.

CUCINA E TUTTI I PIATTI PROVATI

Bistrot/Area pane e caffè

Primi e secondi piatti, zuppe, insalate e rosticceria, dolci al carrello ma in particolare gli intingoli su pane, come pane e ragù, pane e carciofo alla romana e pane alle uova strapazzate, sono i protagonisti del menu.

Che è ovviamente pensato per rispondere alle diverse esigenze di fruizione del locale. La colazione spicca per varietà, innanzitutto. Dalle brioche (1.50 euro ciascuna) al “pane antico” con frutta secca (3 euro), dai maritozzi alle ciambelle, c’è quasi tutto il desiderabile, fino al pane con la marmellata e alle opzioni salate, comprese torte e croissant farciti.

Pane e ragù

Prezzo: 6 euro

Eccolo qui il manifesto del bistrot, arcigno ma da assaltare con impeto irresistibile: un trancio di pane spalmato grossolanamente di ragù. Difficile decidere se sia più buono l’uno o l’altro.

Andrebbe detto che il piatto si porta dietro il lavoro di ricerca svolto da Niko Romito sui lievitati ma chi ha voglia di parlare? Il godimento è grande e supera tutto.

Tutto? Beh, non proprio. I prezzi della fetta di pane condita, in più versioni, vanno dai 4 ai 9 euro. Come un panino di quelli che piacciono agli snob della gastronomia. Detto che pane e ragù è un piccolo pezzo di paradiso, per 9 euro datecene almeno due fette.

Ristorante

Piccole entrate, champagne e barbaresco al calice per iniziare. Per concludere pasticcini con il caffè. In mezzo cinque scelte per ogni portata.

Sulla cucina è difficile obiettare: abbiamo provato quasi tutti i piatti della carta senza trovare sbavature. Domina lo spirito italiano, gli ortaggi sono centrali, con diverse opzioni vegetariane.

Ricciola scottata, prezzemolo e cipolla arrosto

prezzo: 18 euro

Estetica semplice e sapori decisi in un antipasto riuscito: un taglio di ricciola scottata su salsa al prezzemolo e cipolla di Tropea, rinfrescata da scorza di limone.

Linguine “Garofalo” con acciughe, pesto di finocchietto e capperi, limone candito

prezzo: 15 euro

Un piatto di pasta saporito e fresco. Ad aggiungere aromi è delegato il pesto di finocchietto, sostenuto dalle acciughe spezzettate grossolanamente. Ai semi compete il tocco crunch.

Radicchio tardivo e mandorle

prezzo: 16 euro

Ci si può entusiasmare per una testa di radicchio cotta al vapore, insomma, per un piatto vegetariano che in apparenza avrebbe poco da dire?

Risposta affermativa. Se però prima viene messo in infusione con il succo d’arancia, poi passato in padella con il vino, quindi caramellato e sistemato su una base fatta solo di mandorle e acqua.

Cremoso di mandorle, limone, basilico e frolla integrale

prezzo: 11 euro

Non fatevi ingannare dall’aspetto minimalista e leggiadro caro ai cuochi di Romito. Questo è un altro piatto per leccardi.

Quattro ciuffi di crema alle mandorle consistente e squisita, divisi da una cialda di frolla integrale, con limone candito, basilico e sale di Maldon per aromatizzare.

PREZZI

Ristorante

La gamma dei prezzi che, a seconda delle portate, oscilla tra i 15 e i 19 euro, fa pensare a Milano più che a Roma. Facile immaginare l’espressione accigliata dei romani di fronte ai 16 euro richiesti per gli Ziti cacio e pepe.

Certo, l’investimento è stato ingente, la griffe Niko Romito è garanzia –mantenuta– di standard elevati, il personale coccola il clienti e soprattutto abbonda. Ma i prezzi sono sistematicamente livellati verso l’alto.

Bistrot/area pane e caffè  

Discorso simile per il bistrot. Prezzi elevati, anche se meno, in proporzione. I toast costano tra i 7 e gli 8 euro e i secondi piatti tra i 10 e i 12, per dire. Ma mentre i prezzi nei locali intorno a Piazza Verdi sono più o meno quelli, da Spazio in versione bistrot si mangia meglio. E di gran lunga.

CONCLUSIONI

Al netto dei prezzi sostenuti, farsi venire in mente idee migliori in una piazza poco conosciuta dei Parioli non era semplice.

Con il bistrot che coinvolge più del ristorante, meritevole di una gita ad hoc, ma comunque fedele alle aspettative di uno dei tre stelle migliori d’Italia, pur in versione attenuata. A parte la carta dei vini, un po’ noiosa, che non regge il confronto con il menù, sempre all’altezza.

Nell’area pane e caffè l’incrocio tra diversi stili di ristorazione funziona, come l’idea che i lievitati facciano da collante di una proposta basata sul fatto in casa (molto viene dalla cucina di Casadonna, ma è pur sempre di produzione propria), superiore nella qualità ai diretti concorrenti romani.

Spazio Niko Romito Roma

Piazza Giuseppe Verdi 9/E, Roma

Tipo di cucina: Regionale centrata sul pane al bistrot / Italiana rivisitata al ristorante
Tel.: 06 85352523 | Sito web

PRO

  • Funziona la formula del bistrot, che è bar, rosticceria, panetteria, bancone di mixologia, tavolo della merenda;
  • Originale e riuscita la scelta di puntare sul pane come collante tra i diversi stili di ristorazione del bistrot;
  • Il livello medio dei singoli piatti, nel bistrot come nel ristorante, è superiore a quello dei diretti concorrenti.

CONTRO

  • I prezzi sono poco concorrenziali rispetto al mercato locale.
Chiara Cavalleris Chiara Cavalleris

13 maggio 2018

commenti (3)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Fanno bene ad avere prezzi non concorrenziali. ..sicuramente offrono molto di più sia come qualità che come servizio..quelli che arricciano il naso vadano pure in ristoranti con camerieri annoiati che non sono competenti e che hanno materie prime di bassa qualità! Preferisco pagare di più e vivere un’esperienza indimenticabile! Non bisogna essere uguali ma eccellere e loro ci riesconi!

  2. tutto vero …
    Tuttavia, se ti capita di cenare nella veranda del ristorante, il rumore (in assenza di fonoassorbenti) risulta insopportabile al punto che ad un tavolo da 8 non si riesce a sentire cosa dicono gli altri commensali

  3. Abitando in zona, è stata un’apertura assolutamente benedetta.
    A livello di colazione e spuntini, se la batte con Santi, Sebastiano e Valentino.
    Per quanto riguarda il ristorante, buono, per carità, ma si sente terribilmente la mancanza di uno (o anche più) menu degustazione…

«