Qualcosa è andato storto. Non ho altre spiegazioni per i cibi che vedo scandagliando la rete. Sarà che sono cresciuto a orecchiette e cime di rape ma io, per dire, la pasta in barattolo non la concepisco. Fosse solo quella, macché, qui si è oltrepassata la soglia della decenza. I progettisti della “carne secca alla caffeina” o dei “semi di girasole al prosciutto” mi inquietano, non possono essere bravi padri di famiglia con il prato rasato e una vita tranquilla. Eppure essi vivono, sono tra noi, e nel silenzio ovattato dei laboratori progettano e studiano nuovi alimenti e combinazioni oscene. Sedetevi e respirate profondamente, la galleria degli orrori sta per cominciare.

hellokitty_11) Le gelatine di Hello Kitty.

Il simpatico gattino riempe la scatola di deliziose gelatine al gusto di… popcorn al burro.

Prodotte dalla Californiana Jelly Belly, sono disponibili in 10 gusti, perlopiù normali. “A must-have for all Hello Kitty fans”, dicono i produttori.

Roba da telefono azzurro.

PerkyMG_1379

2) Carne secca energizzata.

Pare sia di moda tra i cultori del fisico scolpito. La carne secca di manzo è un classico snack americano ma questa è diversa. Dentro c’è la caffeina per dare tono ed energia. La Perfomance Enhancing Meat Snack Co. ci ha messo tre anni per progettarla: “Creare uno snack alla carne è stata solo metà della battaglia. Ci sono voluti anni per trovare la perfetta combinazione tra gusto ed effetto”.

Oh, io gli credo. Ma sulla parola.

BIGS_VLASIC

3) Semi di girasole alla pancetta.

Okay, di sera davanti alla tivù qualcosa devi sgranocchiare, specie quando danno il Dr. House. Ma dico io, perchè proprio i semi alla pancetta?

Al progetto ha partecipato la Bacon Salt, che crea condimenti a zero-sodio, zero-grassi, zero-calorie che sanno di pancetta.

Li consigliano perfino ai vegetariani.

E penso di aver detto tutto.

ro_Bloom-en.JPG

4) Gomme da masticare in gravidanza.

È il nuovo trend. Qualunque porcheria è ricca o povera di qualcosa. Stai comprando carne di porco avvolta nel lardo? Ricca di vitamine e povera di zuccheri. Preferisci le caramelle alla frutta? Pensa un pò, sono senza grassi e sale.

In questa procurata confusione come fa una donna incinta a capire cosa deve mangiare? Niente, nothing, niet. Deve masticare la gomma alle vitamine. C’è tutto quello che serve per una gravidanza al bacio.

Heinz_Southwest

5) La mozzarella senza grassi.

Sembra un incrocio tra panino e piadina.

Stento a crederlo, ma sopra la busta c’è scritto “creazione artigianale”. Si vantano dei segni lasciati dalla griglia come se fossero vere. Da non credere.

Dentro c’è di tutto: pollo, manzo, peperoni, cipolle, salsa al formaggio e infine la mozzarella, rigorosamente “reduced fat”.

Chissà perchè solo lei, boh?

Progresso_Chicken_Tuscany

6) Che sei matto a scordarti le fibre?

E chi se le scorda, ci mancherebbe.

Tra l’altro è scritto dapperttutto: “Eccellente risorsa di fibre”, “Ricco di fibre”, “Contiene le fibre necessarie alla vostra giornata”.

Piccolo piccolo trovate scritto anche “Pollo alla Toscana”.

Che vuol dire, sappiamo che per i progettisti questi si sono dettagli.

Baskin-Robins-NewBagDesign-2

7) Le caramelle al gelato.
Sono “caramelle al gusto di gelato al gusto di menta e cioccolato”. Non chiedetemi cosa voglia dire l’insulso giro di parole.

Certe cose superano l’umana comprensione

La lista potrebbe continuare all’infinito.

Vi consoli sapere che questa galleria degli orrori non si vende in Italia. Per ora, almeno.

Nell’attesa, mangerò pane, olio e sale. Come dire zuccheri, grassi, sodio e vitamine. Senza stronzate aggiunte.

commenti (30)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. “Nell’attesa, mangerò pane, olio e sale. Come dire zuccheri, grassi, sodio e vitamine. Senza stronzate aggiunte.”
    quoto.
    intanto sto meditando di fondare un comitato per l’abolizione di hello kitty

  2. Avatar alfredo ha detto:

    Questo è il risultato della perdita di tradizioni, che va a braccetto con le varie cucine fusion, chimiche e d’avanguardia che hanno aiutato la produzione alimentare industriale a far entrare nella testa della gente comune, che è normale mescolare senza ritegno prodotti, sapori e consistenze, perchè se si vedono in televisione sulle riviste ecc. allora è di “MODA”, OK, se uno lo fa con coscienza, magari si può anche capire, ma quando si scende di livello la coscienza va a farsi benedire, e arrivano sti gastromostri.
    Buon appetito ai poveri ragazzi, che buttano giù questo
    JUNK FOOD fusion molecolare d’avanguardia.

    1. Avatar Kapakkio ha detto:

      Vorrei capire cosa c’entrano le parole fusion e molecolare con il post.

    2. Avatar alfredo ha detto:

      Vede Kapakkio, prima di portare gli esempi di questi prodotti strampalati, bisognerebbe chiedersi da dove traggono ispirazione i “cucinieri-chimici” che preparano questi prodotti.
      Le porto degli esempi sotto gli occhi di tutti:
      1. la cuoca Nigella che prepara ogni cosa frullando stecche di Mars, croccantini, caramelle ecc. spacciandola per cucina creativa-veloce per feste in casa.
      2.Cuochi stellati che con mascherine da laboratorio di chimica giocano con l’azoto, emulsionano l’acqua con le uova su Discovery Channel.
      3.Cuochi girovaghi che assaggiano e mangiano cucine miscelate con qualsiasi cosa e dicono “AMAZING!!!!”
      4.Telefilm che scopiazzano “creazioni” embrionali…
      5.Cuochi urlanti che miscelano l’inverosimile e la presentatrice dice: INCREDIBILE!!!
      ecc ecc. Queste cose sono semplici esempi se vuole ne dò degli altri più complessi.
      Ecco tutte queste cose messe insieme portano a legittimare i prodotti elencati dal Tomacelli.
      In Italia possono ancora far scalpore per la loro strampalagine ma fuori dai sacri confini sono normali!!!
      Comunque son problemi grassi si diceva una volta, cioè futili.

    3. Avatar Kapakkio ha detto:

      Come sempre Alfredo Lei mette insieme tutto e il contrario di tutto.
      Questi prodotti sono di gran lunga antecedenti alla cucina molecolare quindi non avevano bisogno di nessuno che li legittimasse. Ad esempio forse qualcuno sa che negli anni 20 e 30 si metteva un colorante a base di anilina nel burro per renderlo più giallo(il cosiddetto giallo burro) e che questi coloranti sono cancerogeni?
      L’industria alimentare ha sempre giocato con la salute dei consumatori non solo oggi e i cuochi molecolari e la cucina fusion c’azzeccano come il cavolo a merenda.
      Solo per l’esattezza: in un laboratorio chimico, in genere non si portano mascherine perchè è totalmente inutile ma a Lei spesso piace parlare di cose che non conosce.

    4. Avatar alfredo ha detto:

      Le cose come dice lei son cose dette per partito preso, se non riesce a vedere oltre, è un suo problema.
      Come del resto Dissapore è veramente vecchio. P
      ensavo di trovare gente in gamba. A parte eggi.
      Vi lascio con le vostre fisse.
      Cercate di guardarvi attorno.

    1. Avatar Antonio Tomacelli ha detto:

      Bleah! Forza, sotto con altro esempi!

  3. Avatar Enrico Marsili ha detto:

    Caro Antonio,
    ho vissuto per 5 anni negli USA. Quello che riporti qui e`solo una piccola parte di quello che puoi trovare in un normale Wal-Mart. Meglio le cozze (per me alla belga, grazie)…
    Saluti

  4. Avatar Kapakkio ha detto:

    Questa galleria è davvero allucinante e descrive bene a che punto può arrivare la perdita di contatto con la realtà nel caso del cibo. Per me sono questi i veri problemi e non gli OGM.

  5. In cucina mi stanno preparando una piadina con la mortadella classica di Bidinelli ed un pecorino di fossa di Beltrami….mi farà male ???

    😉

    Ciao

    1. Avatar couscous ha detto:

      grande beltrami, bella cartoceto!

  6. Avatar piersilvio ha detto:

    Ma vogliamo parlare del fumo liquido?
    http://www.colgin.com/public/

    E pensare che ancora nessuno sembra aver pensato di fare lo stesso con certe “erbette”…

    @butter_fly
    Se il pane e’ quello preaffettato del super, l’olio di una qualunque marca a 2,99 al litro, il sale polacco e l’eventuale pomodoro cinese, direi che e’ quasi meglio morire di fame ;)))

    1. Avatar eggi ha detto:

      nel 1998 ho conosciuto liquid smoke… introvabile in Italia lo usavano ‘ i miei colleghi’ americani, che a mio avviso, hanno una cultura dal BarbQ molto ‘interessante’.
      molti di loro lo utilizzavano per la carne cotta in padella che non ha sentori di brace.
      a livello salutistico l’essenza ‘liquid smoke’ é molto meno dannosa delle esalazioni che il fumo apporta alla carne alla brace. ci sono studi approfonditi in merito.
      il mio pensiero sull’utilizzo della chimica in cucina nom si fonda su pregiudizi infondati e, pertanto, liquid smoke é in realtà una evoluzione perfetta dei profumi gastronomici indotti.
      Parlando con un ‘noto ricercatore’ di cui non faccio nome per ovvie ragioni, Bressanini ;-), si scoprono cose interessanti.
      il basilico contiene una sostanza chimica, l’eugenolo. per non creare allarmismi direi che ‘non é proprio adatta all’alimentazione’
      se l’industria alimentare dovesse mettere in commercio l’essenza o il profumo al basilico, non può permettere durante la sintesi in laboratorio la presenza dell’eugenolo che é ritenuto dannoso.
      non voglio dire che tutto ciò che é chimico e neccessariamente buono, ma non possiamo pensare che il fumo di una brace sia meno dannoso del liquid smoke.

      pertanto avremmo la perfezione

    2. Avatar dink ha detto:

      “Valutazione gruppo aromatizzanti 60 (FGE.60): Considerazione di eugenolo e relativi derivati dell’idrossiallilbenzene valutati dal comitato JECFA (65a riunione) strutturalmente affini alle sostanze fenoliche con un anello sostituito valutate dall’EFSA nella FGE.22 (2006) ”
      seee, la supercazzola prematurata ecc. ecc… Scherzi a parte, non ci si capisce nulla. Ma non è che ti confondi col metileugenolo? http://www.sssa.it/news.asp?id={EE43C98C-0021-473E-A25A-38742139997D}&sessionid=

    3. Avatar eggi ha detto:

      Certo dink. Il metileugenolo é un fenilpropanoide derivato dall’eugenolo.. ma concordo che rimane un linguaggio che sa molto di supercazzola. )

    4. Avatar Kapakkio ha detto:

      Come sempre è la dose che fa il veleno.

    5. Avatar Chefclaude ha detto:

      Come al solito, il tuo commento è molto interessante; mi ricorda la prima volta che mi informai seriamente sulle solanacee. Anche alcune combinazioni di alimenti tradizionali andrebbero riviste secondo parametri scientifici di tossicità, oltrechè di tolleranza individuale. Faccio solo un esempio banale, la caprese con mozzarella di bufala e pomodori da insalata, che è una vera bomba chimico-farmaceutica (anche se, per ora, nessuno ha avuto il coraggio di imbustarla….).

    6. Avatar eggi ha detto:

      penso che avvicinare la mozzarella al pomodoro crudo sia il modo più errato per gustare i due ingredienti. immaginare che una mozzarella di bufala possa solo intravederlo é un assurdità e una tendenza che non riuscirò mai a spiegarmi

  7. Io non mi ci sono mai soffermata a lungo, ma vicino alle casse dei supermercati (qui in Italia) ci sono interi stand di caramelle di forme e materiali sconosciuti, ovviamente con confezioni e personaggi di forte richiamo per i ragazzini. Cosa contengano non so, e dubito che la maggior parte delle mamme se ne curi. Io non mi sento mica tanto sicura, anche se le delizie elencate non hanno ancora attraversato l’oceano.

  8. Andate in un qualsiasi negozio del quartiere cinese di Milano e troverete veramente una babele di prodotti. Ad esempio, le patatine al gusto di cotenna di maiale.