Com’è il nuovo Eataly Trieste

E ora, Eataly è arrivata anche a Trieste. Nel capoluogo del Friuli Venezia Giulia ha aperto da pochi giorni “il negozio Eataly più a Est d’Italia”, ampiamente ispirato nella sua realizzazione dai venti che in questa regione soffiano impetuosi.

Il nuovo punto vendita è stato ricavato dall’Antico Magazzino Vini, edificio storico con suggestivo affaccio sul Porto, costruito nel 1902 per lo stoccaggio delle botti in arrivo dall’Istria e dalla Dalmazia.

Interamente costruito in pietra e legno, oggi è stato recuperato dall’architetto fiorentino Marco Casamonti, che ne ha ricavato, all’interno, un ulteriore edificio indipendente rivestito con muri in pietra d’Istria intervallati da ampie vetrate, da cui si può godere il panorama del golfo e del porto di Trieste.

eataly trieste ventoeataly trieste esternoeataly trieste vetrata mareeataly trieste fruttaeataly trieste mappaeataly trieste verdura

Trieste, da alcuni anni si è affrancata dall’immagine austera di reminiscenza asburgica per diventare una cittadina dinamica, nonché una delle mete turistiche più ambite, come testimonia il fiorire di nuovi locali e interessanti punti di aggregazione.

La nuova apertura di Eataly nella città giuliana è un altro esempio di questo costante processo di ammodernamento.

eataly trieste scaleeataly trieste enotecaeataly trieste movia gravnereataly trieste aula didattica

A parte il parcheggio sotterraneo, Eataly Trieste si sviluppa su tre piani.

Al primo piano si trovano un’aula didattica dove tenere eventi, incontri,  corsi e degustazioni aperti al pubblico, nonché una cantina con oltre 1000 etichette  diverse che dà ampio spazio ai produttori del “Collio ” italiano e della “Brda” slovena.

Interessanti gli “orange wines” –vini da uve bianche a macerazione prolungata– provenienti dai Paesi mitteleuropei. L’offerta è completata da un’ampia scelta di birre, anche di produzione artigianale.

eataly trieste panetteriaeataly trieste paneeataly trieste pizzaeataly trieste pescheriaeataly trieste librieataly trieste la barcaccia pescheriaeataly trieste pane vino

Al piano terra si trova il cuore del nuovo negozio, vale a dire “la piazza”, dove si affacciano quattro spazi adatti a ogni momento della giornata.

La Panetteria propone un’ ampia scelta di pani e pizze prodotti grazie alla collaborazione con Mulino Marino, tutti caratterizzati da una particolare cura nella lavorazione a base di alte idratazioni e lunghe lievitazioni.

Ci sono poi Gelateria, Pasticceria e il wine-bar “Pane & Vino”.

Sempre a pian terreno trovano spazio i reparti dedicati alla pasta, alla frutta, alle verdure, ai libri e anche una pescheria- gastronomia, “La Barcaccia”, che ha spostato la sua sede dal territorio cittadino al nuovo punto vendita.

eataly trieste caffetteria illyeataly trieste menu caffeeataly trieste dolci maritanieataly trieste pasticceria maritanieataly trieste cioccolato domorieataly trieste torta maritani

E nella città del caffè per antonomasia, non poteva mancare una caffetteria Illy –tra gli artefici del progetto del nuovo punto vendita–  che propone anche prodotti Agrimontana e il cioccolato Domori.

Presente anche uno spazio dedicato alla pasticceria fresca non solo con i prodotti di Luca Montersino ma anche quelli di Maritani, pasticceria artigianale con sede a Staranzano (Gorizia), molto nota nella regione, che ha anche preparato il dolce per l’inaugurazione del nuovo punto vendita.

eataly trieste prodottieataly trieste prodottieataly trieste eataly triesteeataly trieste salumi formaggieataly trieste carne

Attraverso le scale mobili, si accede al secondo piano.

Qui si trovano i prodotti confezionati, i salumi e i formaggi, la macelleria e l’Osteria del Vento, un ristorante dove tra fritto di pesce, antipasti di carne cruda e studel di mele si può gustare la pizza dell’executive chef Enrico Panero, preparata con e le farine del Mulino Marino e farcita con gli “alti cibi” di Eataly.

eataly trieste pizzeriaeataly trieste enrico panero

I dipendenti del nuovo punto vendita sono 85, i ricavi previsti sono compresi tra 8 e 10 milioni l’anno, per un punto vendita, il 34mo nel mondo, che oltre alla pregevole ristrutturazione dell’Antico Magazzino Vini è arredato inoltre con quattro installazioni di Sergio Staino.

eataly trieste la granda fassonaeataly trieste carne

Durante l’inaugurazione del nuovo punto vendita abbiamo assistito alla presentazione della macelleria, con ampio spazio per la carne de La Granda e inevitabile celebrazione della razza Fassona piemontese.

Il Presidio Slow Food sembra orami aver preso il sopravvento, almeno nell’immaginario collettivo, su tutte le altre pur pregevoli razze bovine autoctone presenti sul territorio nazionale.

eataly trieste krumirieataly trieste formaggi friulieataly trieste olio istriaeataly trieste olio croazia

In effetti l’attenzione verso il Piemonte e i suoi prodotti si avverte anche qui, nel punto vendita “più a Est d’Italia”, nonostante la politica dichiarata da Eataly sia sempre stata quella di dare spazio alle realtà e a i produttori locali.

Così come avrebbero potuto trovare maggiore spazio le etichette di birre artigianali regionali, presenti solamente in numero di tre –Foglie d’Erba, la cittadina Cittavecchia e Gjulia– mentre ampio spazio trova l’olio, con marchi provenienti da tutta l’Istria.

eataly trieste birre artigianalieataly trieste olio roi

A inaugurare il nuovo punto vendita triestino è stato naturalmente Oscar Farinetti, insieme al responsabile dello store Antonio De Paolo e al presidente Andrea Guerra, che ha raccontato di come il nuovo Eataly abbia l’ambizione di diventare un punto vendita “transfrontaliero”, con una buona parte –il 25 per cento circa– di prodotti locali, ma anche con ampi spazi dedicati a laboratori ed eventi, così come accade negli altri negozi Eataly in Italia e nel mondo.

E ora, la parola passa ai triestini: gente solida, concreta ma anche amante del buon cibo e della buona tavola. Saranno loro a decidere se il nuovo punto vendita sarà o meno tra i più amati, frequentati e redditizi di Eataly.

[Crediti | Immagini: Andrea Soban]

Andrea Soban Andrea Soban

20 gennaio 2017

commenti (8)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. ganfo ha detto:

    “Triestini, gente solida e concreta”.
    Caro Soban, non potevi scrivere un insulto peggiore!
    Davvero, vuol dire non aver mai messo piede a Trieste…

    1. Orval87 ha detto:

      “gente flaccida e perditempo”, ora sei più contento con questo complimento?

    2. Beh, ‘solidi e concreti’ di solito si definiscono i cugini friulani, il triestino è inquadrato come ‘gaudente’.
      In questo caso però la conclusione del recupero del waterfront della città merita applausi

    3. Meri ha detto:

      Anche amanti del buon cibo e della buona tavola non si addice al triestino! Motivo per cui si assiste a massicce gite fuori porta dove “se spendi poco e se magna un casin”

    4. ganfo ha detto:

      Assolutamente. La location è favolosa. Domenica scorsa era letteralmente presa d’assalto. Note stonate: frutta e verdura hanno prezzi fuori da ogni logica; tante, meravigliose, pagnotte non in vendita ma solo in esposizione.

  2. StefanoInside ha detto:

    È bellissimo.
    La vista sul mare è spettacolare.
    In una piazza enogastronomicamente tradizionalista come Trieste, nonostante la sua recente e gradita vocazione turistica, mancava.

  3. anna maria ha detto:

    la sede più meravigliosa di Eataly mai visitata. Un’emozione incredibile, cose buone, ben esposte e prezzi accessibili. La cosa che ci ha più colpito è stata la caffetteria sul mare, dove sorseggiavi un eccellente caffè seduto comodamente “sull’acqua” con solo una grande vetrata tra te e il mare.
    Meravigliosa come meravigliosa è questa città e la sua gente, riservata, elegante, colta……
    torneremo prima possibile!
    Una coppia anglo/ fiorentina

«