Hotel da Incubo: sorpresa, il meglio è Antonello Colonna

Le prime puntate di Hotel da Incubo, versione italiana di Hotel Hell con Gordon Ramsay trasmesse da Deejay Television non sono decollate, ma la piacevole sorpresa è Antonello Colonna

Finalmente abbiamo l’Hotel da Incubo de noantri, versione italiana della celebre serie americana “Hotell Hell” centrata sullo chef più celebre della tv, il fumantino Gordon Ramsay, e, se mi passate l’azzardo, versione per hotel di “Kitchen Nightmares“, il programma che ha ispirato Cucine da Incubo con Antonino Cannavacciuolo. Riassumendo: in “Hotel Hell“, invece che per ristoranti, Gordon Ramsay gira per hotel, B&B e pensioni dove corregge, motiva ed esibisce di fronte alla telecamera le sue proverbiali sfuriate.

E di chi è il ruolo di Gordon Ramsay in Hotel da incubo, serie prodotta da Endemol trasmessa da DeeJay Tv?

Di Antonello Colonna, da noi già descritto come “concentrato di astuzia, senso pratico, strafottenza leggermente dissimulata e genialità“, nonché archetipo dello chef imprenditore con Open Colonna sotto la vetrata che copre la terrazza del PalaExpo a Roma, Vallefredda Resort, hotel moderno con spa e ristorante su 20 ettari di terreno coltivato nella campagna romana, Openbistrò, inaugurato lo scorso maggio al Terminal 1 dell’aeroporto di Fiumicino.

Una scelta improbabile, nel senso che quello di Antonello Colonna non è quel che si dice un volto televisivo.

hotel da incubo

Invece, va detto subito che Colonna, nei panni del giudice che corregge il malcapitato locandiere a suon di crude verità ma sa anche capirlo e motivarlo ha un talento indiscutibile, risultando efficace e credibile.

Casomai sono le locande a esserlo meno: troppo polverose, scialbe e decadenti per essere vere, con personale eccessivamente triste oppure sgarbato e litigioso.

Troppa finzione toglie spontaneità al programma, vanificando il lavoro dello psicologo Colonna che, come già Cannavacciuolo, evita la trappola di scimmiottare Ramsay, cosa poco riuscita a Carlo Cracco in “Hell’s Kitchen”, ma anzi, infonde nel ruolo la sua personalità sorniona venata di coinvolgente sfrontatezza romana.

E proprio Colonna può essere il fattore determinante per evitare al programma di prendere polvere nel mondo delle repliche estive.

Ecco dunque i nostri personali gusti e disgusti.

PIACE

hotel da incubo

Già detto: molto abile nel non clonare Gordon Ramsay. Essere diverso, scanzonato, anche il gentiluomo che abbraccia e conforta la locandiera in lacrime, può fare la sua fortuna (“che le donne che piangono non se possono vedè“).

NON PIACE

hotel da incubo

I primi episodi non sono decollati, inutile girarci intorno: il copione è mediocre, l’impianto del programma troppo artificioso (i personaggi, l’idea di far credere che nella stanza ci siano i fantasmi, le due dita di polvere durante le ispezioni di Colonna) e privo di fantasia.

PIACE

hotel da incubo

La cura e le indubbie capacità architettoniche della ristrutturazione. La trasformazione di camere, reception, giardino compreso l’aspetto del personale è uno dei momenti migliori.

NON PIACE

hotel da incubo

Se hai a disposizione uno come Antonello Colonna non azzerate o quasi le presenza della vita in cucina e in sala: datecene di più.

Ultima considerazione, che vale anche per la versione italiana di Cucine da Incubo: uno tra i momenti migliori degli episodi originali è quando Gordon Ramsay torna nei locali a distanza di tempo per scoprire se le cose sono effettivamente migliorate.

Una parte che da noi non c’è, peccato.

Ilaria Ceccuzzi Ilaria Ceccuzzi

2 Novembre 2015

commenti (2)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Orval87 ha detto:

    Non ho mai capito perchè Ramsay, da cuoco stellato, sia passato automaticamente ad essere esperto di hotel…

  2. Avatar sinceramente ha detto:

    Ho appena guardato episodio girato a Rimini, Hotel Stella d’Italia e devo dire che Colonna non ha palida idea della realta nel settore del turismo sulla riviera romagnola. Qua non siamo a Roma. Gli alberghi hanno due scelte. O lavorano solo con i privati e rimangono aperti per 4 mesi all’anno o rimangono aperti per tutto l’anno e nella bassa stagione con i gruppi che pagano questo che pagano. Non è possibile lavorare qua solo con individuali rimanendo aperti tutto l’anno.
    Le idee di Colonna sono ridicole. Per esempio togliere i letti aggiunti nella stanza. Ma secondo lui in vacanza a Rimini vengono solo le coppie?? I piatti che ha proposto vanno benissimo per il Grand Hotel e scometto che sono molto simili a quelli suoi. Gli orari della cena dalle 19:30 alle 21:00 non vanno bene? Per un albergo 5 stelle o un ristorante di sicuro no. Ma parliamo di un 3 stelle. Il personale vuole essere pagato!!! Andate su booking.com e guardate che guerra di prezzi c’è a Rimini. Con i suoi consigli un albergo a Rimini è destinato a fallimento.