di Cinzia Alfè 10 Maggio 2017
pane senza glutine

Finti celiaci e “gluten free”: ma li vogliamo dare, due numeri? E diamoli!

Solo 190.000.

Contro sei milioni, sei.

I primi sono i celiaci “veri” sul territorio italiano, cui è stata diagnosticata una patologia di reale intolleranza al glutine.

Gli altri, i seimilionisei, sono individui che pensano bene di auto-investirsi del ruolo di celiaco, senza alcun esame, referto o cartella clinica che lo comprovi, ma che dopo essersi scofanati, diciamo, un paio hamburger e tre piadine avvertono una certa pesantezza di stomaco, come racconta La Stampa.

Un esercito di finti celiaci che al supermercato, così come al ristorante, hanno deciso di orientarsi verso i prodotti senza glutine o “gluten free”, certi che avranno influssi positivi sulla salute ma anche sul loro fascino: del resto, essere celiaco è sempre meglio che essere niente.

Posto quindi che solo uno sparuto 3% di tutti coloro che si millantano orgogliosamente celiaci in Italia è veramente intollerante al glutine, la domanda da porsi è: perché?

Perché mai un individuo sano di mente dovrebbe autopunirsi comprando prodotti più cari, spesso meno appetitosi, ma soprattutto senza alcun benefico effetto per la salute?

Perché questo è il punto: i prodotti senza glutine, per chi non è celiaco, non comportano alcun effetto positivo sull’organismo, non diminuiscono il colesterolo, non hanno alcun benefico effetto su cuore e arterie né, tantomeno, possono garantire pance piatte e girovita da libellula.

E a  ribadirlo è nientemeno che  l’Istituto zooprofilattico di Torino, che ha portato avanti una ricerca su un campione di alimenti senza glutine per valutarne gli elementi nutrizionali.

Dallo studio è emerso che “a parità di prodotto, quelli senza glutine hanno una concentrazione maggiore di zuccheri, additivi e olii. Non sono componenti in sé pericolosi, ma bisogna stare molto attenti all’effetto accumulo”.

E anche l’AIC, l’Associazione italiana celiachia, ha ribadito che “nessuna ricerca ha finora dimostrato qualsivoglia effetto benefico per i non celiaci nell’alimentarsi senza glutine, anzi: gli studi scientifici stanno dimostrando che in chi non è celiaco l’esclusione del glutine è inutile».

Ma il finto celiaco non sente ragioni, e per avvalorare la sua pseudo-condizione è disposto a spendere anche  il 15% in più!

Comportamento che –secondo i dati resi noti durante la Settimana nazionale della celiachia, dal 13 al 21 maggio– porta ogni anno in Italia allo spreco della ragguardevole cifra di 105 milioni di euro per prodotti senza glutine del tutto inutili.

Soldi regalati all’industria che, avendo prontamente intercettato la nuova tendenza, ha provveduto a inondare gli scaffali dei super con prodotti senza glutine, e far lievitare i prezzi in misura sensibile.

Del resto, essere celiaci è ormai uno status, un segno di distinzione. Una situazione praticamente ribaltata rispetto solo a pochi anni fa, quando chi soffriva di celiachia tendeva invece quasi a nasconderlo e quando noi stessi spesso non potevamo esimerci da un moto di sincera compassione.

Ora, invece, i ruoli si sono  del tutto ribaltati, e quando vediamo qualcuno sbocconcellare un biscotto gluten free quasi esclamiamo: “guarda che fortuna, quello: è (finto) celiaco!”.

[Crediti | Link: La Stampa, Dissapore]