Avatar

The Fooders

ultimi post


Se “Lo chef è un Dio” il vero “Vito Frolla” è così

Non ho mai pianto così tanto come quando ho iniziato a lavorare in cucina. Non ho intenzione di fare riferimenti a qualcuno in particolare, tantomeno fare dei nomi, ma la mia storia è come quella di tanti, quindi ha un senso leggerla pensando a un sottobosco di “cuochini” (come li chiama l’autrice del libro contro ...

0 commenti

La “Prova del cuoco” uccide i re della cucina?

“Ready steady cook” arriva da noi solamente nel 2000, con il nome di “La prova del cuoco“, presentato dalla milf Antonella “mi piace il caxxo” Clerici, mentre nel Regno Unito lo conduce prima Fern Britton (presentatrice tv), poi il Tv Chef Ainsley Harriott. Ma tu pensa, far presentare un programma di cucina a un cuoco, ...

0 commenti

Confessa le tue peggiori esperienze, fratello, tutti abbiamo avuto 20 anni

Ma secondo voi, un teenager che in piena metà degli anni ’90 incontra sulla propria strada il cibo, ci fa caso? Se ne accorge? Sì, mentre mastica (poco), subito dopo tutto svanisce. Passa qualche anno, quel ragazzo cresce, ormai ha 20 anni e ora, direte voi, qualcosa si muove. No no, neanche a 20 anni ...

0 commenti

Allergie alimentari | Egg is the limit

Quando era piccola sognavo di trovare l’uovo perfetto per farle lo zabaione più buono del mondo. Oggi, il solo pensiero suona come la progettazione di un attentato, perché Angelica, 13 anni — una delle mie sorelle — non ha mai mangiato uova in vita sua, almeno non volontariamente. Per lei l’uovo è come la cryptonite ...

0 commenti

Davide Scabin | Piola state of mind

Vado a farmi un tatuaggio. Che cosa rappresenta? Non ci arriverete mai, per questo mi tocca dirvelo. Mi tatuerò una data: 24.10.2010. Quella stessa sera infatti, dopo una delle infinite giornate al Salone del Gusto, grazie ad una password saremmo riusciti ad entrare nel blindatissimo Combal Zero dello chef Davide Scabin. Ma che dico nel ...

0 commenti

Street Food/Streetwhore | Il quartiere a luci rosse del Salone del Gusto 2010

Se diciamo Amsterdam, cosa pensate? Rispondete sinceramente, su! Indecisi, eh? Allora ve lo diciamo noi: 1. Ehy!  Lì è legale fumare marijuana. 2. Donnine in vetrina. 3. Architettura della città.  (se vabbè). Ecco, avete presente il quartiere a luci rosse di Amsterdam? Ti ritrovi (così dicono, eh) nel mezzo di questa lunghissima via, vetrine a ...

0 commenti

Ritorno al futuro (dove mangiavate nel 1985?)

Il  27 Ottobre del 2010 — e solo il 27 Ottobre del 2010 — possiamo tornare indietro nel tempo e correre nelle sale cinematografiche per vedere ri-proiettato “Ritorno al futuro”. Il primo film della trilogia uscì nel 1985, e dopo ben 25 anni potrete provare di nuovo (o per la prima volta) l’emozione di vedere ...

0 commenti

Siediti subito su quella torta e godi con lo Sploshing

Secondo voi, cuochi e pasticceri sanno cos’è lo sploshing? E voi, lo sapete che c’è gente che gode letteralmente col cibo? No, non sto parlando dei palati fini, e nemmeno di giochetti col cibo fatti nella camera da letto fra due amanti, ma di gente che ama imbrattarsi col cibo, spalmarselo addosso, mangiarlo sugli altri, basta ...

0 commenti

Ma chi è Grazia Soncini?

Chiudete gli occhi, scordatevi la città. Se li riaprite in inverno in via per le Venezie 21 non spaventatevi, oltre alla Capanna di Eraclio c’è solo la nebbia. Ma i cori da stadio sono molto lontani. Prima di andare avanti ve lo dico: ho lavorato in questo ristorante, quindi potreste giudicarmi di parte, ma non ...

0 commenti

Stendila con gusto (non con un incidente stradale in padella)

Scagli la prima pietra chi di voi, almeno una volta nella vita, non ha mai provato a rimorchiare qualcuno cucinando qualcosa. Su a me potete dirlo, io con voi mi confesso, anzi oggi ho voglia di scendere addirittura in particolari… gastronomici, che avete capito?! Dieci anni fa non sapevo assolutamente cosa fosse la buona cucina, ...

0 commenti

Domande frequenti sulle dinamiche dei foodblog

Cosa c’è dietro questo mondo sconosciuto-conosciuto? La voglia di apparire, certo. Alla base c’è una grande passione per il cibo, ma quando inizio a leggere che il foodblogger di turno ha fatto il bagnetto al gatto, o che ha rimesso su il piumone, sento un po’quella sensazione di imbarazzo conto terzi. Come dire, son cose ...

0 commenti

In difesa del gastrosemplice

Sull’intera popolazione italiana, il pubblico delle riviste gastronomiche e dei ristoranti blasonati è davvero in minoranza. Altrimenti il presidente del consiglio sarebbe Bonilli (adesso non venitemi a dire che non è una figura storica) e non quell’altro che pur inizia per B. Una parte consistente della popolazione, purtroppo, non si è ancora resa conto di ...

0 commenti