Il Birrificio Antoniano ha fatto la birra migliore dell’anno

Best Italian Beer è giunta all'edizione 2016; si propone di eleggere le migliori birre italiane per categoria, patrocinato dal Ministero delle Politiche Agricole. La Spiga D'Oro, cioè la miglior birra dell'anno, risulta essere l'Antoniana Portello del Birrificio Antoniano.

Sappiamo soltanto da pochi mesi cosa s’intende a termini di legge per birra artigianale italiana. Sulle accise per i produttori esistono punti di vista a dir poco divergenti. Eppure non ci facciamo mancare diversi premi nazionali. Ultimo della serie è Best Italian Beer, ideato da Federbirra e patrocinato dal Ministero delle Politiche Agricole.

I premi vengono assegnati annualmente per riconoscere, far scoprire a un pubblico più ampio e gratificare le produzioni (sempre crescenti) di birra artigianale italiana.

I premi sono suddivisi per categorie, gli interessati possono scorrere qui la lunga lista dei vincitori. Se vi va, prima di avventurarvi nella lettura e successiva degustazione di tutte le birre premiate, possiamo conoscere meglio la birra che, al di là delle categorie, è stata giudicata “Best Beer of The Year“.

Birra dell’anno è risultata la Birra Antoniana Portello, del Birrificio Antoniano, riconoscimento assegnato sommando i giudizi di tutti i singoli giurati.

I patron del Birrificio Antoniano sono i fratelli Vecchiato, già proprietari di Interbrau, società di distribuzione di birre di fascia premium. L’apertura dello stabilimento di Villafranca Padovana (Padova) risale al 2011. La forma scelta è quella di società agricola, che significa produrre in proprio oltre il 50% della materia prima.

In questo modo i proprietari, oltre a radicare il birrificio nel territorio, hanno potuto utilizzare le leggi favorevoli in materia di agribirra.

Dal 2012 il birrificio gestisce più di novanta ettari di terreno tra Friuli Venezia Giulia e Veneto.

Le scelte fatte sono facilmente individuabili: ingredienti locali dal carattere spiccato, lavorazione artigianale in equilibrio tra tradizione e tecnologia, collocazione sul mercato come un’ideale “terza via” tra produzioni artigianali e industriali indipendentemente dagli ettolitri prodotti.

La gamma di birre prodotte è ampia e comprende un paio di etichette nate dalla partnership con Slow Food. Tra le più conosciute della gamma c’è la birra premiata a Best Italian Beer 2016, ovvero la birra Antoniana Portello, una Golden Ale da 6.5% di volume alcolico.

Il colore è ambrato, molto carico e ricorda particolarmente le birre in stile belga. Al naso, profuma di coriandolo e buccia d’arancia, con note di chiodi di garofano.

[Crediti | Link: Dissapore, Cronache di Birra, Federbirra]

Avatar Nunzia Clemente Autrice recensioni Campania & more.

4 Gennaio 2017

commenti (2)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Giulio ha detto:

    Ottima notizia, andrò a fare un giro visto che sono poco distante complice il fatto che si ha la tendenza a snobbare talvolta ciò che si ha vicino. Grazie

  2. Avatar Ricca ha detto:

    Io aspetterei a considerare autorevole Federbirra(cercate un po di notizie in rete), comunque per essere una quasi industriale, la Portello è godibile