Le Monde, precipitoso: il refettorio di Bottura a Parigi è sempre mezzo vuoto

Il nuovo refettorio parigino di Massimo Bottura? Le parole di Elvire von Bardeleben, cronista del quotidiano francese Le Monde, ci hanno fatto saltare sulla sedia.

“Un flop, con i 120 posti a sedere riempiti a malapena per metà”.

Ma è giusto, ci siamo chiesti, giudicare un progetto solidale inaugurato da appena due mesi, solo sulla scorta delle cifre?

“Eppure gli avventori non dovrebbero mancare”, prosegue Le Monde, essendo il refettorio parigino –come gli altri inaugurati da Bottura a Milano, Rio, Londra, Bologna e Modena– un progetto destinato a offrire pasti gratis a bisognosi e senzatetto, preparati utilizzando ingredienti in esubero, invenduti, che nel caso del locale parigino sono fornite dalla catena Carrefour.

[Parigi: com’è il refettorio aperto da Massimo Bottura]

Magari, comprensibilmente, non come nel giorno dell’apertura, quando oltre a Bottura c’erano Alain Ducasse e Yannick Alléno, due dei più noti chef francesi, a sbucciare cipolle, oltre all’attrice Marion Cotillard che serviva in sala.

Comunque, nonostante il battage promozionale riservato a tutto ciò che riguarda lo chef modenese, e gli ottimi risultati raggiunti dagli altri refettori, quello parigino stenta a decollare.

Alcuni attribuiscono lo scarso afflusso di bisognosi alla posizione particolare del refettorio, collocato all’interno della chiesa della Madeleine, in uno dei quartieri più centrali ed esclusivi di Parigi, l’8° arrondissement, che sarebbe disertato dai senzatetto, in particolare dai migranti, che vivono per la maggior parte nei quartieri a nord-est della capitale, lontani cioè dalla mensa botturiana.

Altri, invece, come alcune organizzazioni caritatevoli, attribuiscono la débâcle –sempre secondo Le Monde– al fatto che molti bisognosi avrebbero timore, una volta ritornati alla base, di trovare il loro posto-letto occupato, altri ancora diserterebbero la mensa perché l’orario di apertura, dalle 18-30 alle 20.30 di ogni giorno, coinciderebbe con quello in cui essere presenti nei dormitori pubblici.

Ma nella vicenda del refettorio parigino, la vera notizia, presunto flop a parte, pare essere il codazzo di polemiche e rimpalli che la notizia ha generato, anche in Italia.

Il giornalista Carlo Ottaviano ha riportato i commenti del quotidiano francese, ripresi anche dal Corriere della Sera, postando un commento su Twitter, con scritto che “Il Refettorio di Massimo Bottura a Parigi non andrebbe bene, secondo Le Monde”

Pronta la risposta di Bottura, che replica piccato: “caro, avresti dovuto aggiungere che non è questione di numeri ma di comunicazione. Il giornalista di Le Monde non ha capito niente del progetto”.

Anche Jean-François Rial, gestore del refettorio parigino, è intervenuto per dire la sua:

“Questo articolo (l’articolo di Le Monde) è una vergogna, il giornalista ha deciso di scrivere un pezzo contro il refettorio senza neanche venirci. Come sostiene Massimo Bottura, non è un progetto che si basa sui numeri, e al momento diamo da mangiare a quasi 100 senzatetto al giorno.

Meno spazientite le parole che lo stesso Rial aveva detto proprio a Le Monde, specificando che “all’inizio non bisogna andare troppo veloci, e tra due o tre mesi saremo a 120 persone ogni giorno”.

[Parigi: oggi Massimo Bottura apre un nuovo refettorio]

Alla fine, se per quanto riguarda i problemi dei migranti la questione potrebbe risolversi con la decisione di utilizzare un camion per portare direttamente i pasti pronti al loro domicilio, viene da chiedersi le ragioni di un articolo sprezzante e affrettato come quello di Le Monde.

Che in questo specifico settore, più che portare pace, bene e aspirazioni francescane, ha suscitato più che altro fumo, polemiche e battibecchi, ma niente arrosto né per i migranti né per gli altri bisognosi.

[Crediti: Le Monde, Il Corriere]

Cinzia Alfè Cinzia Alfè

14 maggio 2018

commenti (3)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Tutto il mio rispetto per questi progetti, dalla parrocchia sconosciuta al mega chef, chi da un piatto a chi non può averlo normalmente a mio modesto parere non sbaglia mai.

  2. Mi piace precisare, come ho scritto anche a Massimo, che nel riferire dell’articolo di Le Monde, ho fatto quel che uso fare ogni mattina su twitter: una mini rassegna stampa segnalando le cose più curiose. Personalmente apprezzo molto il lavoro di Bottura e credo che la risposta di Rial sia giustamente piccata. Faccio notare, infine, di aver usato il condizionale (“il refettorio non andrebbe bene”) nel citare quelle che per le fonti erano invece “certezze”.

  3. Mi piace precisare, come ho scritto anche a Massimo, che nel riferire dell’articolo di Le Monde, ho fatto quel che uso fare ogni mattina su twitter: una mini rassegna stampa di quel che agli amici del settore magari sfugge (come in questo caso) perchè magari non sfogliano tutti i giornali che vedo io. Tengo a dire che apprezzo molto il lavoro di Bottura e credo che la risposta di Rial sia giustamente piccata. Faccio notare, infine, di aver usato il condizionale nel citare quelle che per le fonti erano invece “verità assolute”.

«