Milano: sacrificare i panzerotti di Luini per la pizza fritta di Sorbillo?

Nel quadrilatero dello street food milanese, vicino alla Galleria di Piazza Duomo arriva la pizza fritta di Gino Sorbillo. Il pizzaiolo napoletano lancia la sfida ai panzerotti di Luini

pizza fritta

Ogni volta che Salvini va in televisione Gino Sorbillo apre una pizzeria. Okay, non proprio “ogni volta” ma i danni sono sicuramente meno. Anzi.

Prendi ora: entro il 20 marzo il re dei pizzaioli napoletani di via Tribunali nonché vincitore del campionato della pizza di Dissapore, aprirà in via Agnello a Milano, vicino alla Galleria «Antica Pizza Fritta di Zia Esterina», locale da asporto non lontano da Luini, il sempre affollato forno pugliese, dice oggi il Corriere Milano

A Milano Sorbillo già c’era con Lievito Madre al Duomo, dove tra stroncature inacidite e giubilo estasiato ancora non abbiamo capito se si mangia bene. Ma la pizza fritta è una cosa diversa.

Street food storico del ventre molle napoletano, nell’immaginario è la perla alimentare che costringe tutti alla camminata ad angolo retto per non lordarsi di sublime grasso gocciolante. In realtà non è così. Precisa Sorbillo:

La pizza fritta non contiene grassi, non è preparata con il latte, non contiene né strutto né zucchero. L’impasto è lo stesso di quello della pizza cotta a legna: acqua, farina di tipo 0 da agricoltura biologica, sale marino e lievito madre fresco“.

pizza fritta

Nella saga famigliare dei Sorbillo la pizza fritta è incarnata da Zia Esterina, veramente esistita (la prima di 21 figli, il padre di Gino Sorbillo era il 19esimo), scomparsa nel 2010 ma a Napoli più viva che mai grazie a un format dislocato in tre zone: Via dei Tribunali, Piazza Trieste e Trento e Via Luca Giordano in zona Vomero.

Menu improntato sulla veracità partenopea, e pizza fritta a 360 gradi: classico ripieno con ricotta, cicoli e pepe; aggiunte e variazioni di provola e pomodoro; la nuovissima con polpettine di carne di una nota macelleria gourmet napoletana, Tortora. Il palato accoglie pietanze degne di un re, autentiche leccornie.

Ora, il Corriere sostiene che a Milano esiste un quadrilatero dello street food, tra le strade dietro la Galleria di Piazza Duomo, se non lo sapevate datevi bassi voti in mondanità gastronomica.

Cinquanta metri contesi da diversi locali dove andare a pranzo per farsi una pausa à emporter tra venditori di rose ambulanti e Rinascente.

panzerotto Luini

I panzerotti di Luini che sono lì dal 1949 rappresentano la vera attrazione della festa con migliaia di estimatori al giorno.

E il Corriere insinua infingardo: la pizza fritta napoletana di Sorbillo sfida i panzerotti di Luini. Nel caso foste costretti a decidere a quale fritto votarvi, meglio:

1) la verace tradizione partenopea rispettosa della silhouette

2) me ne frego della linea, se devo scofanarmi tanto vale che lo faccia con un panzerotto di Luini?

[Crediti | Link: Corriere Milano, Dissapore]

Milano Pizza
Potrebbe interessarti anche