Burger perfetti da grigliare? L’attrezzo da 9 euro usato dai macellai nerd

Poche cose rendono giustizia ai morsi della fame quando ci prendono, di un hamburger fatto in casa come si deve: lievito madre per il pane, carne frollata un mese con aggiunta di guanciale affumicato, Cheddar artigianale possibilmente del Somerset, la contea da dove il formaggio britannico proviene.

Peccato che invece, spesso, l’hamburger casalingo somigli a un incontestabile flop. Non è (sempre) colpa della cottura, conta anche la preparazione del burger, come ci ricordano quegli indomiti gaudenti di Quartzy.

La carne, infatti, soprattutto quella rossa, contiene una sostanza chiamata miosina. La miosina è una proteina contenuta nei filamenti e nelle fibre muscolari della carne, che interviene nella contrazione dei muscoli. Quando sollecitati, i filamenti di miosina si contraggono dando luogo all’azione tipica del veltro, vale a dire: più si lavora la carne, più le fibre si legano l’una con l’altra, a grappoli, con il risultato che l’hamburger sarà duro anche in presenza di una cottura a puntino.

[Hamburger fatto in casa: dicono sia il migliore d’Italia, proviamo a replicarlo?]

Durante la cottura, infatti, le fibre muscolari già sollecitate dalla manipolazione si contraggono ulteriormente, strizzando fuori i grassi e i succhi della carne, causando peraltro le brutte fiammate in grado di arrostirvi le sopracciglia.

Per questo, almeno quando preparate burger in casa, diventa risolutivo utilizzare uno stampo, una sorta di pressa che appiattisce la carne nel giro di un secondo, senza bisogno di altre manipolazioni.

Beh, ingegnoso, chissà quanto costerà un attrezzo del genere?

Ne esistono di vari tipi, alcuni anche con un braccio a leva, per una pressione più uniforme, mentre altri invece prevedono una specie di coperchio da premere sulla carne, inserito nella zona inferiore dello stampo. Si parte comunque da 8, 99 euro.

[Il Buonappetito: l’hamburger gourmet tira ancora?]

Basta infilare il blocco di carne nello stampo, premere con la parte superiore e il burger è pronto: rotondo, soprattutto a prova di suola.

[Crediti: Quartzy]

Anna Silveri

12 Luglio 2018

commenti (4)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. stefano ha detto:

    9 euro ? basta qualsiasi recipiente simile. io uso una bomboniera di mia cugina e funziona egregiamente. Per pressare non è necessario il coperchio, dai.

    1. Claudio Appio ha detto:

      Ah, io vado di coppapasta e batticarne, sempre venuti da Dio.

  2. mr ha detto:

    Se uno non ha niente di adatto in casa può tranquillamente comprarsi la pressa per hamburger, ma è comunque una roba da negozio di cineserie, non vedo il senso di farci un articolo.

  3. Sisifo ha detto:

    Sticazzi, 9 Euro? Qui si trovano nei negozi a 99 centesimi di dollaro (australiano)…