Cucinare male: perché rischiate di innamorarvi dell’anti libro di cucina

Di voi si può dire che non vi manca nulla, neanche un ricettario. Da Ducasse alla Parodi passando per Suor Germana e le dispense di Vissani allegate a Repubblica avete tutto, Cannavacciuolo compreso.

Non vi mancano neanche sifoni e abbattitori, i tutorial sulla pasticceria di Luca Montersino li avete visti tutti, conoscete le imprese di ogni telechef da Wilma de Angelis a oggi.

[Il pane è oro di Massimo Bottura: la torta cioccolato e pere di Carlo Cracco]

Eppure, davanti ai fornelli, non siete pienamente soddisfatti di voi. Il caramello continua a sapere di bruciato, i macaron escono ancora flosci invece che croccanti. In realtà –apritevi pure, siamo tra amici– sull’unica foto che spicca nel vostro profilo Instagram ci siete andati pesanti di Photoshop, ma la cheesecake ai lamponi era immangiabile.

pasta

Per i cuochi domestici mancati, ma dire frustrati è più calzante, esiste un imperdibile sfogatoio a cui consegnare senza timori le proprie sconfitte.

Si chiama, pragmaticamente, Cucinare male. Nato nel gennaio 2014 come gruppo Facebook, conta oggi quasi 70.000 iscritti. Una comunità, anzi no, un esercito, l’intero stadio Olimpico. E anche un libro, anzi due.

[Heinz faceva ketchup e maionese, ora fa anche Mayochup]

Fondato per scherzo da Federico Briano Savona, voleva essere una semplice e (auto)ironica condivisione di disastri culinari, ma si è trasformato presto in uno sberleffo per la montante ossessione culinaria, dove chef e foodblogger diventano spesso bersagli di una dissacrante ironia.

Notevole l’autodefinizione di Cucinare Male, dove gli iscritti pubblicano con costanza capolavori mancati, anzi dall’esito disastroso: “A chi cucina così così non tutte le ciambelle riescono con il buco. Noi invece siamo il buco”.

fetta

torta

In definitiva Cucinare male è l’anti Masterchef, il santa santorum dei bruciapadelle, la piccola bottega degli orrori gastronomici.

Tra i cibi vanno forte le torte storte e accasciate, le uova, regolarmente trasformate in bombe esplose, gli sciacqui, no scusate, i sughi. Non sono tollerati: foto di piatti presi da internet (gravissimo), alimenti scaduti e/o non destinati al consumo umano”

[Cosa trovate in “A Tavola si sta insieme”, il nuovo libro di Antonino Cannavacciuolo]

Vietato bluffare con piatti volutamente fatti male, per acchiappare like o strappare risate e commenti. Tutto dev’essere frutto della propria autentica incapacità ai fornelli.

cavoli

Imperdibili i commenti: si va da “Una roba del genere neanche in Inghilterra la mangerebbero” a “Se sgranocchiassi una lastra di eternit sarebbe più salutare…”.

[Il Buonappetito: datemi SUBITO una fornitura di maionese Kewpie]

libro

Trascinato dai propri (in) successi, c’è stato anche chi ha pensato di trasformare i fallimenti in un vero e ricettario, una sorta di Artusi al contrario. Il titolo è  “Cucinare (Male): L’anti-libro di cucina per tutti i Masterchef falliti del mondo”, con capitoli titolati ”Indovina gli ingredienti” o “Pericolosità culinaria”.

Uomo avvisato…

[Crediti immagini: Cucinare male]

Caterina Vianello Caterina Vianello

11 luglio 2018

commenti (1)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Mia suocera potrebbe riempire un libro all’anno da sola.

«