di Chiara Cajelli 1 Marzo 2020
marmellata di limoni in vasetto

Nonostante gli agrumi siano tra i frutti più predisposti per fare le conserve, spesso si ottiene una marmellata di limoni troppo liquida e ci sembra di aver buttato via giornate intere: non si spalma, non è legata, non la si può usare per una crostata… insomma, un disastro. Fermi però: non vi venga in mente di gettarla, perché abbiamo diversi suggerimenti su come rimediare la marmellata troppo liquida.

Fatela ribollire, ma non in pentola…

marmellata su fette biscottate

Uno dei rimedi più semplici per fare addensare anche parecchio una marmellata o confettura venuta male, è sicuramente farla cuocere nuovamente. Farla cuocere, però, non nel pentolone in cui l’avete messa la prima volta, bensì in una padella capiente: bassa e larga. Versate al suo interno la marmellata di limoni (se avete diversi vasetti, versatene un paio alla volta) e accendete a fuoco basso: pian piano l’acqua in eccesso evaporerà e non dovrete fare altro che attendere la consistenza desiderata.

Fatela cuocere aggiungendo bucce di mela

confettura fatta in casa

Dovete sapere che la mela contiene molta pectina, e il suo sapore dolce ma delicato influirà molto poco sul sapore aspro e deciso del limone. Rimettete quindi tutto in pentola aggiungendo la buccia di una paio di mele, quindi fate nuovamente sobbollire la marmellata per un’oretta: vedrete che prenderà più consistenza.

Aggiungete pectina

marmellata di limoni e frutta secca

Se siete disperati e se avete grandi quantità di marmellata da correggere, potete anche ricorrere alla pectina in busta. Cercatene una naturale e di qualità, e valutate bene la proporzione da usare, tenendo conto che appunto la vostra marmellata è già comunque cotta. Dovrebbe bastarne poca, da unire alla marmellata appena riprende delicatamente bollore.

Aggiungete scorze di limone

marmellata su fette biscottate

Come le mele, anche gli agrumi hanno moltissima pectina e sono i migliori alleati in questo caso, per rimediare all’errore. In molti escludono le scorze degli agrumi per gusto personale, ma in questo caso temo non abbiate molta scelta: dovrete far bollire di nuovo tutto quanto, aggiungendo la scorza di un bel po’ di limoni, dopo averla lasciata in ammollo qualche ora. Potete tritarla fine fine, ma non frullarla perché emergerebbe troppo l’amarezza.

Se l’argomento vi interessa, non lasciatevi sfuggire gli articoli su come abbinare la marmellata di limoni in cucina e sugli errori da non fare.