Pesto di pistacchi: come usarlo

Il pesto è uno dei condimenti che noi italiani amiamo di più, e su cui ci scanniamo di più. Ne esistono di mille varianti: dal classico alla genovese, a quello siciliano, al pesto di noci. E poi c’è forse il più particolare e difficile da affrontare: ecco come usare il pesto di pistacchio!

Prima, però, un ripassino veloce veloce per farlo in casa. Le regole d’oro.

  • I pistacchi, sgusciati al naturale, devono essere non di buona qualità: di più, il massimo;
  • L’olio extravergine di oliva deve essere aggiunto a filo e con parsimonia;
  • Armatevi di pazienza: dovrete spellarli a mano dopo averli sbollentati per qualche istante;
  • Se usate il mixer, optate per la funzione “pulse”, che aziona le lame a intermittenza per non surriscaldare l’alimento. Se non avete tale funzione, azionate manualmente per qualche secondo e poi stoppate prima di azionare nuovamente.

pesto-pistacchio-come-usare

Con pomodori freschi e secchi

Il pesto di pistacchi si sposa benissimo con i pomodori, che siano questi cotti, freschi o secchi sott’olio. La dolcezza dei pistacchi è abbracciata da quella dei pomodori, che contribuiscono anche con quella piacevole acidità che tira su tutto quanto. Condite quindi la pasta che volete con il pesto di pistacchi stemperato con acqua di cottura, quindi aggiungete dei pomodorini confit. Magnifico. Da provare anche con i pomodorini gialli.

Accanto a crostacei

I crostacei sono una manna dal cielo, perché delicati e versatili, ma soprattutto hanno un sapore che si abbina perfettamente a quasi tutta la frutta secca. Con i pistacchi sono la fine del mondo. Optare quindi per una pasta fatta risottare con una bisque e poi condita con pesto di pistacchi e scampi o gamberi. Idea sempre vincente.

Intingolo per carne

Se preparare un taglio di carne “in crosta di pistacchi” è pratica comune e ricercata ormai da tempo, servire una costoletta d’agnello o maiale accanto ad un intingolo di pesto di pistacchi allungato con acqua o olio non lo è affatto! Una vera e propria delizia. Ovvio: certamente una delizia affatto light.

Sulle bruschette

Basta con le solite bruschette! Bisogna sperimentare e mettersi in gioco e il pesto di pistacchi consente sicuramente di farlo. Dopo aver bruschettato il pane, su griglia o in forno, spalmatene la superficie tiepida con il pesto di pistacchi. Subito prima di sevire, arricchite con acciughe, pomodori secchi, gamberetti.

pesto-pistacchio-come-usare

Nei lievitati

In una treccia salata, un kugelhopf, una pagnotta… il pesto di pistacchi – come tutti gli altri pesti – si presta bene ad arricchire il lievitato salato che state pensando di fare. Prima di intrecciare o avviluppare lembi di pasta o chiudere una baguette, ricordatevi di aggiungere un po’ di pesto di pistacchi, così non solo avrete un risultato profumato e delizioso, ma anche molto scenografico.

Mi permetto di raccomandare particolarmente l’ultima soluzione e l’accostamento con crostacei, che ho testato innumerevoli volte io stessa preparando manicaretti nelle occasioni speciali. Come sempre, fatevi avanti con critiche, idee e suggerimenti: siete sempre i benvenuti!

Avatar Chiara Cajelli

22 Aprile 2019

commenti (0)

Accedi / Registrati e lascia un commento