di Giorgia Cannarella 11 Luglio 2013
bolpetta, bologna, polpette

L’amor fou per le polpette non finisce mai. C’è sempre un cuore spezzato da queste parti, ci siamo dichiarati in ogni occasione. Una storia pazzamente sentimentale con tutti i secondi fini possibili per quanto le polpette sono buone, paffute, duttili, modellabili su intingoli e fritture, aperte a qualunque capriccio stuzzichi i nostri desideri.

Pertanto, saputo che a Bologna esiste dal 15 novembre 2012 un locale edificato sulle polpette, siamo corsi a provarlo. Eccoci dunque da Bolpetta (vi prego, non chiedete perché il post esce solo ora, è una sordida storia di colombiani e valigie col doppiofondo).

Il nostro amore per le polpette è ricambiato da quindici (15!) proposte diverse.

bolpetta, bologna, polpette

bolpetta, bologna, polpette

bolpetta, bologna, polpette

bolpetta, bologna, polpette

Ci sono i classici come La principessa sui piselli, con sugo di pomodoro e piselli, versioni vezzosamente veggie con ripieni di verdura e ricotta, cuori filanti di formaggio, coperture di frutta secca.

Una critica ricorrente è che i prezzi sono alti, le polpette costano dai 6 euro in sù fino a 15 per le quelle di pesce, i calici di vino dai 4 euro. Ma forse prevale l’idea che le polpette debbano comunque costare poco.

A completare l’offerta piatti tradizionali rivisitati: tagliatelle con polpette di ragù o i boltellini, tortellini dall’invitante forma sferica, oltre a insalate, taglieri di salumi e formaggi. Come fossero crostacei, le polpette sono accompagnate da  vini locali, anche al calice, e birre artigianali.

Con il mio commensale abbiamo cercato di toglierci la voglia chiedendo Piovono polpette, il piatto misto che per 16 euro riassume quattordici ricette di polpette in versione assaggio.

bolpetta, bologna, polpette

bolpetta, bologna, polpette

bolpetta, bologna, polpette

bolpetta, bologna, polpette

bolpetta, bologna, polpette

bolpetta, bologna, polpette

Piacevoli le principesse con i piselli, effettivamente fragranti le croccanti, ovvero polpette fritte con sapienza, delicate le polpettine al latte, le mie preferite, trascurabili quelle con verdura e formaggio.

Il menu è cambiato spesso, specie durante l’assestamento post apertura, la cura per la cucina in vistoso miglioramento. Al momento, e non è un buon momento, c’è la fila di clienti desiderosi di provare queste polpette, sintomo di un successo annunciato?

Chi può dirlo, Bolpetta rivendica l’orgoglio di appartenere alla stirpe dei locali ben disegnati, caldi seppure originali, dal nome bernoccolato, con un format efficace e il personale educato, una specie di rarità nel centro storico di Bologna, che se parliamo di ristorazione, non è esattamente prodigo di novità.

Non so quanto il grande bancone all’ingresso, con la possibilità di prendere un cono da asporto, o un aperitivo a prezzi rilassati moltiplichi la replicabilità del formato, so invece che a breve Bolpetta diventerà un marchio esportato all’estero, precisamente a Toronto.

Nientemeno.