di Riccardo Campaci 15 Giugno 2015
luciano zazzeri tavolo sulla spiaggia

Cosa succede se, a pochi giorni da ferragosto, nel ristorante sul mare di un celebre chef stellato in piena attività, con le prenotazioni che fioccano, la linea telefonica prima inizia a balbettare, poi smette di funzionare del tutto? Oggi vogliamo raccontarvi perché Luciano Zazzeri, il cuoco del ristorante La Pineta, “palafitta sull’acqua” (@ Guida Michelin) a Marina di Bibbona, provincia di Livorno, è il nostro nuovo idolo. Ha appena realizzato il sogno del 99 per cento degli italiani: fare causa a un’azienda di telecomunicazioni, in questo caso Fastweb, e vincerla.

Prima però eccovi un po’ di contesto.

Nel 2010 proclamavamo gli spaghetti alla vongole dello Zazzeri i migliori d’Italia, con il consenso dei lettori di Dissapore. Concorderete che un dato come questo non si poteva omettere per capire di chi stiamo parlando.

Stesso anno, stessa spiaggia, stesso mare.

Il collegamento telefonico del ristorante ambientato in una capanna di legno sulla spiaggia di Marina di Bibbona prima arranca, poi viene a mancare del tutto. Forse quelli di Fastweb non condividono per quelle vongole veraci lo stesso nostro sentimento di ammirazione, o forse no, chi può dirlo. Sta di fatto che il telefono de La Pineta resta più muto di un film del fratelli Lumière.

Non avete bisogno di spremere le meningi per capire le conseguenze di un disservizio simile, e se l’immaginazione non basta procediamo con le aggravanti.

Aggravante numero uno: l’inizio di questa apocalisse telefonica non avviene il 31 dicembre, quando la spiaggia di Marina di Bibbona può ospitare al massimo le renne di Babbo Natale in vacanza dopo le consegne natalizie. Accade a ridosso di ferragosto, culmine della stagione estiva, quando la brama di spaghetti alle vongole, e degli altri meravigliosi piatti di pesce dello Zazzeri e brigata, raggiungono il limite che tende all’infinito, riuscendo pure a sfiorarlo.

luciano zazzeri in cucina

Aggravante numero due: oltre al danno per il nostro Lucianone, ecco materializzarsi la beffa per i clienti: se la linea restava muta per le prenotazioni gracidava sin troppo durante le strisciate di bancomat e carte di credito. 

Quanto bene?

Circa il doppio: il conto degli avventori che, oltremodo previdenti, erano riusciti a prenotare un tavolo a La Pineta prima del blackout, raddoppiava magicamente per effetto di due addebiti via POS, non uno. Paghi due prendi uno, in pratica.

la pineta marina di bibbona

Per Luciano Zazzeri è l’inizio di un calvario telefonico che durerà sei mesi, sino al seguente febbraio 2011, quando finalmente tutto torna come prima. Tutto tranne l’umore dello chef –più nero del nero di seppia– cui girano vorticosamente le vongole per via dei sei mesi di disagio forzoso.

E’ il momento di cercare riposte e un congruo risarcimento da Fastweb che tergiversa sulle prime e nega l’altro, proponendo allo Zazzeri il calumet della pace sotto forma di un “un risarcimento così basso da risultare quasi provocatorio”.

Il cuoco toscano invece di accettare resta sulle sue posizioni e realizza il sogno dell’utente italiano mediamente vessato: fare causa a una compagnia telefonica.

E testardo come i toscani riescono a esserlo in certe occasioni, la vince pure.

Luciano zazzeri polpetta cremona

Non prima però aver di attraversato quattro anni di scontri legali, svilenti scartoffie, telefonate inutili e lunghi viaggi da Marina di Bibbona verso Milano, sede Fastweb per le dispute legali: oggi il Tirreno parla di un’impresa da Davide contro Golia.

Un altro paragone calzante è con un moderno Ulisse che affronta e supera la sua personale odissea sfidando Fastweb, nemico assai peggiore dei vari Polifemo, Circe, Scilla e Cariddi, Calipso o qualsivoglia sirena.

“Ho deciso di affrontare questa causa pur consapevole che sarebbe stato un percorso lungo e difficile – commenta Zazzeri – l’ho fatto non soltanto per me ma per tutti i miei clienti che in quel periodo hanno subito più di tutti una serie incredibile di disagi”.

Finale della storia: dopo quattro anni il giudice di pace ha dato ragione allo chef de La Pineta e costretto Fastweb a risarcire lo Zazzeri per i disservizi patiti nei sei mesi oggetto della disputa, cui si aggiungono le spese processuali. Al cuoco tutto sommato è andata bene, se l’è cavata con circa la metà degli anni impiegati da Ulisse.

Forse rincuorato dallo slogan tormentone di Fastweb, che, altra piccola soddisfazione, per una volta s’è ritorto contro l’operatore telefonico: Immagina. Puoi.

[Crediti | Link: Il Tirreno, Viamichelin | Immagini: Maremma Magazine, Gustando TV]