di Andrea Soban 23 Gennaio 2014
enery rink brun red bull monster

Digito “Energy Drink Corriere” su Google con una certa ansia. E infatti:
“Energy drink: troppi rischi per la salute”. “Ragazzina beve 1,5 litri di Energy Drink e muore”. “Energy Drink: aumentano i casi d’emergenza dopo averli bevuti”.

Non va meglio interrogando Google su “Energy Drink Repubblica”:
“Il lato oscuro degli Energy Drink”. “Energy drink sempre più forti”. “Il giudice vieta gli Energy Drink”.

I nutrizionisti li bocciano, i più giovani li amano per le capacità stimolanti e tutti, prima o poi, cediamo a una lattina. Non fanno male di per sé ma chi esagera rischia, e bisogna vedere a cosa li si abbina, tipo i cocktail. Contengono di solito caffeina, vitamine del gruppo B, taurina, un aminoacido che causerebbe danni al cuore non ancora dimostrati, maltodestrina, inositolo, carnitina, creatina, come anche guaranà, ginseng e ginkgo biloba. Diciamo comunque che bevuti con regolarità, ricchi di zuccheri come sono, possono scombinare qualunque dieta rendendola ipercalorica.

Ciò non toglie che restino un business di tutto rispetto. Per raccontarlo si cita spesso Dietrich Mateschitz, l’austriaco inventore di Red Bull, multimilionario e proprietario di due scuderie in Formula Uno, quattro squadre di calcio e una di hockey.

Nella Prova d’assaggio di Dissapore, il test settimanale tra prodotti della stesa categoria, abbiamo messo a confronto i tre Energy Drink più venduti in Italia, scopriamo com’è andata.

Burn
Monster Energy
Red Bull


#3 Monster Energy.

Bevanda energetica con aggiunta di anidride carbonica, contiene: carnitina + taurina + ginseng + vitamina B, con zuccheri e dolcificante


monster energy drink

Acqua addizionata con anidride carbonica, saccarosio, sciroppo di glucosio, acidificante (acido citrico), aromi naturali, taurina (0,4%), regolatori di acidità (citrato di sodio)colonati (antocianine, E163), estratto di panax ginseng (0,08%), L-carnitina L-tartrato (0,04%), caffeina (0,03%), conservanti  (acido sorbico, acido benzoico), vitamine (B3 B6 (2 B12),cloruro di sodio, D- glocuronolattone, estratto di semi di guaranà, (0,002%), inositolo, dolcificante (sucralosio), maltodestrine.

Informazioni nutrizionali per 100ml: 48 kcal/ 203 kj, zuccheri 11 g, sodio 0,08 g, riboflavina (vit B2) 0,7 mg (50% RDA), niacina (vit B3) 8,5 mg (53% RDA), vitamina B6 0,8 mg (57% RDA), vitamina B12 2,5 (100%RDA).

monster colore

ID: energy drink nato in USA dove oggi è presente in 34 versioni diverse contro le 11 europee di cui 7 commercializzate in Italia da San Pellegrino, gruppo Nestlé (classico, Khaos, Ripper, Absolutely Zero, Lo-Carb, hammer e Rehab).

Nel 2011 è se n’è parlato a lungo dopo la morte di una quattordicenne del Maryland con preesistenti problemi di salute e cardiaci, avvenuta dopo l’ingestione di due lattine da 710ml (circa 475 mg di caffeina). L’azienda ha energicamente (ops!) negato qualunque rapporto di causa-effetto delle sue bibite con la tragedia.

— Giudizio: il più economico si discosta dagli altri per una minore personalità gustativa e per l’uso del ginseng che dà una nota rotonda,  interessante e nuova.
— Packaging: maxi lattina da mezzo litro, con disegno del classico graffio dai toni dark.
— Aspetto Visivo: colore giallo dorato con riflessi scuri.
— Profumo: profumo leggero con lievi sentori di zucchero e ginseng
Gusto: meno pronunciato dei contendenti con finale dolce ma senza eccessi.
— PREZZO: 1,49 euro (500 ml).
 In breve: beverino.

VOTO:  7 e 1/2


#2 Burn energy drink.

Bevanda analcolica, contiene: taurina, inositolo e vitamine.


burn energy drink

Acqua, zucchero, acidificante acido citrico, anidride carnobica, taurina (0,4%); coloranti E163 e E150d, correttore di acidità citrato trisodico, conservanti sorbato di potassio e benzoato di sodio, aromi, caffeina (0,03%), inositolo (0,01%), niacina,  antiossidante acido ascorbico, acido pantoteico, estratto di guaranà, vitamina B6, vitamina B12.

Informazioni nutrizionali per 100 ml: 56 kcal /236 kj, zuccheri 13,3 g, sodio 0,02 g, niacina 6,5 g (41% RDA), acidom pantotenico 1,5 mg (25% RDA), vitamina B6 0,21 mg (15% RDA), vitamina B12 0,38 (15% RDA).

burn colore

ID: venduta in 76 paesi nel mondo (non in Asia) è la risposta della multinazionale Coca Cola al boom degli energy drink a base di estratti di caffeina.

— Giudizio: eccessivamente dolce, ma proprio questa è la sua forza. Amato da chi non ama altri energy drink, più amari, e cerca una bibita dal gusto simile a quello dei soft drink a cui siamo abituati.
— Packaging: stesso formato e dimensioni della Red Bull, con grafica limited edition, dedicata alle Olimpiadi di Sochi2014 e allo snowboard.
— Aspetto Visivo: colore rosso rubino.
— Profumo: fortemente agrumato (o esperidato) con ricordi di amarena e sentori zuccherini.
— Gusto: sapore molto dolce, un filo stucchevole, sul finale una nota più acida che rimane nel palato. gusto più facile e accessibile.
— PREZZO: 0,86 euro (250 ml)
 In breve: dolce alternativa

VOTO:  8+


#1 Red Bull energy drink.

Bevanda analcolica effervescente, contiene: taurina e caffeina


red bull energy drink

Acqua, saccarosio, glucosio, regolatori di acidità (citrati di sodio, carbonati di magnesio), anidride carbonica, acidificanti (acido citrico), taurina (0,4%), caffeina (0,03%), inositolo, vitaminie (niacina, acido pantotenico, B6, B12), aromi, coloranti (caramello semplice, riboflavina). Elevato tenore di caffeina (32 mg/100 ml).

Informazioni nutrizionali per 100 ml: 45 kcal/192 kj, zuccheri 11 g, sodio 0,04 g, niacina 8 mg (50% RDA), acido pantotenico 2 mg (33% RDA), vitamina B6 2 mg (143% RDA), vitamina B12 2 (80% RDA).

red bull colore

ID: capostipite degli energy drink, deriva la formula da una bibita thailandese preesistente, la Krating Daeng, la cui ricetta è stata riadattata. Esiste anche in versione light (sugarfree,) e fruttata (red italian edition) nata probabilmente per contrastare energy drink più dolci come il Burn.

— Giudizio: ha faticato a farsi apprezzare per la nota amara (secondo i detrattori al limite del rigetto) che ne ha invece favorito l’inserimento nei cocktail e long drink. Un gusto che divide.
— Packaging: classico logo con i tori opposti al sole e livrea argentata. Capostipite del formato da 250 ml e delle sleek-can (le lattine dalla forma allungata), un successo che ha costretto anche Coca Cola a usarle per le sue bibite.
— Aspetto Visivo: colore giallo dorato.
— Profumo: fortemente agrumato (esperidato) con toni molto aspri e tipici di questa bibita
— Gusto: a un primo assaggio sembra molto amara, in realtà il sapore è equilibrato e riempie bene la bocca, con un picco di effervescenza a metà sorso. Sul finale abbiamo un ritorno di acido
— PREZZO: 1,39 euro (250 ml).
 In breve:  inimitabile (come la settimana enigmistica vanta innumerevoli tentativi di imitazione).

VOTO:  9

energy drink colore

Cose che abbiamo imparato da questa Prova d’assaggio.
Red Bull resta l’esempio da imitare nella formula e negli ingredienti di queste bibite nate per combattere il sonno e la fatica.

Tutti i marchi del test indicano pressoché gli stessi livelli di taurina (0,4%) e di caffeina (0,o3% g), in più Burn e Monster utilizzano estratti di semi di guaranà (pianta amazzonica già impiegata dagli Indios per i suoi poteri eccitanti).

Da segnalare che tra gli ingredienti della versione classica di Monster ci sono anche il ginseng (pianta utilizzata per le sue doti toniche e stimolanti) e il D-Glucuronolattone (tipo di zucchero con presunte capacità di combattere la fatica).

Le avvertenze ovviamemente sono comuni a tutti: non abusarne.

Che rapporto avete con gli energy drink, li bevete o restate diffidenti? Quali sono i vostri preferiti?