di Riccardo Campaci 6 Maggio 2015
10 persone con cui non mangiare

Detto che c’è chi preferisce mangiare da solo, condividere il pasto è una delle attività social per eccellenza, il “social network” più antico del mondo. E proprio come su Facebook, condividere le esperienze a tavola con i gastrofanatici sbagliati è un errore madornale: potrebbe andarvi di traverso, bloccarvi la digestione e causare problemi intestinali.

Tutta colpa di cattive compagnie. 

Eataly ha commissionato un video divertente a quelli di Zootropio dove vengono descritti 10 gastrotipi, o meglio, 10 diversi casi umani gastronomici, con cui non condividere mai un pasto. Pur avendo tracciato fisionomie simili in passato, facciamo tesoro del decalogo: Se li conosci li eviti.

(Fate attenzione, qualcuno di voi potrebbe identificarsi)

10 persone con cui non mangiare

1. LO SVOGLIATO

10 persone con cui non mangiare, svogliato

Tipico dello svogliato rappresentato nel video è ospitare la fiera del precotto nel frigorifero; il suo sport preferito sono i 4 salti in padella, mentre cotture lunghe è un concetto ampiamente al di fuori dal suo vocabolario gastronomico.

Togliere la pietanza dalla confezione? Solo se strettamente necessario.

La pizza da asporto si mangia rigorosamente nel cartone con cui viene consegnata, strappandola con mani e denti. Probabilmente se potesse, lo svogliato acquisterebbe cibo pre-digerito, con soddisfazione dell’apparato preposto, svogliato pure lui.

10 persone con cui non mangiare, foodblogger

2. IL FOODBLOGGER

10 persone con cui non mangiare, foodblogger

Stavolta più che un food blogger, il video sembra rappresentare un food designer, attento come un maniaco alla presentazione del piatto, pronto a realizzare capolavori compositivi per il suo fotogramma gastronomico, ma poco interessato al piacere della tavola, se non quello visivo.

Un vero voyeur, insomma, tutto parole, foto e niente sostanza. Un food blogger poco food. Un vero food blogger romperebbe le scatole anche e soprattutto per il cibo, mica solo per l’immagine.

10 persone con cui non mangiare, alternativo

3. L’ALTERNATIVO

10 persone con cui non mangiare, l'alternativo

“Da quant’è che non ti gusti un bel semise come si deve, Dani?”
“Ceviche, magari”

Lo scambio racchiude l’essenza del gastrofanatico alternativo, colui che siederebbe al tavolo solo a condizione di non conoscere cosa c’è scritto sul menù, né quello che che sta mangiando, o di essere al cospetto di una cucina mai sentita prima se non nei racconti della Cronache di Narnia.

Il sushi a Milano? Banale come la pizza a New York o i cavoli a Merenda. Servono stimoli veri e davvero alternativi, come il ristorante dell’amico albanese di suo cugggino, senza licenza, ovvio, altrimenti che alternativo sarebbe?

Sennò si ripiega sul Vichingo. Da Thor, cucina norrena.

10 persone con cui non mangiare, la vegana

4. LA VEGANA

10 persone con cui non mangiare, la vegana

Ecco riproposta la combinazione tra vegani e surrogati dei piatti per carnivori, tipo ”hamburger di tofu” o “wurstel di seitan” offerti dalla catena fittizia V-Burger: piatti a base di qualunque cosa tranne i prodotti animali, chiamati però con nomi totalmente carnivori.

La reazione, condivisibile, è solo una: scappare a gambe levate e velocità smodata.

I vegani se la prenderanno con Eataly? Chi vivrà vedrà.

10 persone con cui non mangiare, il saputello

5. IL SAPUTELLO

10 persone con cui non mangiare, saputello

L’hanno chiamato saputello ma in realtà è lui: il gastofighetto hipster in carne, barba e ossa, probabilmente cliente di Eataly. Il tipo che vorrebbe conoscere la provenienza di qualunque prodotto gli capiti a tiro.

Dove avete comprato la pasta? Le coordinate del campo di grano dove è stato coltivato? Il grano utilizzato per la produzione della pasta? Da quale acquedotto proviene l’acqua che avete usato per la cottura? Da quale mare il sale che avete usato nella pasta? Quale lega metallica compone le posate che sta usando?

E a quale velocità state scappando?

10 persone con cui non mangiare, il nutrizionista

6. IL NUTRIZIONISTA

10 persone con cui non mangiare, il nutrizionista

Il nutrizionista è tra i miei preferiti, un po’ mi ci ritrovo. Spesso – non sempre – tutto chiacchiere e distintivo, ti spiega come abbinare proteine, grassi, carboidrati e fibre utilizzando una pesa da laboratorio.

Si dilunga su quali metodi di cottura sfruttare per mantenere al meglio le proprietà nutritive degli alimenti e pontifica a ogni occasione sulle scelte alimentari altrui. Lui è come Neo di Matrix: il cibo non lo vede come noi, vede il Matrix, ovvero l’apporto calorico.

Però quando deve scegliere il suo piatto invece del cervello usa la panza: viva la pizza con costine, chips e ripieno di gorgonzola, alla faccia della nutrizione.

10 persone con cui non mangiare, la vegetariana

7. LA VEGETARIANA

10 persone con cui non mangiare, la vegetariana

Ovvero colei che si commuove alla vista di una fiorentina, ma non perché esaltata da cotanta succulenza quanto scioccata dall’assassinio del povero animale, ormai ridotto a forma di T nei nostri piatti. Più o meno le sensazioni descritte da Clarice Starling ne il Silenzio degli Innocenti, con annesso sottofondo musicale strappalacrime.

Prima o poi anche per lei gli agnelli smetteranno di gridare.

A dir la verità questa parodia la vedo più cucita addosso a un vegano, ma il vegano se l’erano già giocato. Singolare poi che vegani e vegetariani siano categorie sempre coniugate al femminile.

10 persone con cui non mangiare, il chimico

8. IL CHIMICO

10 persone con cui non mangiare, il chimico

I chimici ci salveranno tutti. Loro non si accontentano di infilare il dito nel barattolo di Nutella, ma preferiscono abbinamenti inattesi come il wurstel nella Nutella, o le olive nel cappuccino, o lo Spuntì sulla panna cotta.

Sperimentano, mettono in gioco gusto e convinzioni gastronomiche oltre agli abbinamenti imposti dalla tradizione; se ne fregano e combinano formaggio con pesce, pesce con marmellata, marmellata con carpaccio e carpaccio con la glassa Ponti.

Be’, sì… a volte sono chimici un po’ improvvisati… ma pure al Noma di Copenhagen, il ristorante migliore del mondo, servono le formiche con crema di yogurt.

10 persone con cui non mangiare, il goloso

9. IL GOLOSO

10 persone con cui non mangiare, il goloso

Un detto sostiene che la differenza tra un alimento buono e un alimento sano siano circa 900 calorie. Lo sa bene il goloso, che nel video sembra essersi ispirato ai menù dei ristoranti cinesi, dove tutto è fritto, dai ravioli al gelato, passando per riso, banana, involtini e wanton.

Sarà… ma quel buon sapore di colza cinese che si srotola sulle nostre lingue, rilasciando unto e grasso dall’antipasto al caffè, non corrisponde alla mia idea di golosità.

Però la crostata fritta… la devo suggerire al mio ristorante cinese di fiducia.

10 persone con cui non mangiare, i genitori

10. I GENITORI (FINALMENTE A CASA)

10 persone con cui non mangiare, i genitori

Avete presente la sensazione che provate andando a trovare la nonna mentre vi preparate a godere il meglio del meglio del meglio che è possibile desiderare? Emozioni e piatti storici, godute senza riserve durante l’adolescenza.

Niente di tutto questo: genitori sciagurati e alternativi, che abbandonano il figlio bamboccione per andare a mangiare al vichingo, lasciandolo con il pacco di crocchette in mano, pronto a spadellare la confezione direttamente sul fuoco.

Povero, è un po’ come sentirsi improvvisamente orfani e soli al mondo.

Allora, chi di voi si è ritrovato in almeno uno di questi ritratti? E chi invece ha riconosciuto amici, conoscenti o parenti? Attenzione, vale il doppio ruolo: vittime e carnefici.

[Crediti | Link: Dissapore, Zootropio, Youtube]