di Carlotta Girola 14 Luglio 2015
Grom, stazione termini, roma

Correva l’anno 2012, Obama veniva rieletto negli Stati Uniti e intanto in Italia ci si infervorava su Grom e sul fatto che fosse o meno una gelateria artigianale.

Ne è passato di caramello salato sotto i ponti, e oggi il Codacons rispolvera l’antica polemica e sferra l’affondo finale a Grom, che da oggi non potrà più dirsi “gelateria artigianale”.

All’epoca, lo sdegno di Guido Martinetti e Federico Grom (fondatori della catena nonché volti plastici e sorridenti nati per le campagne promozionali) era stata analizzata dal nostro Andrea Soban, che aveva messo qualche puntino sulle i.

Sì, perché la questione del gelato “artigianale” è aperta da sempre, e da sempre irrisolta anche se siamo la patria del gelato. Anzi del gelato artigianale, qualsiasi cosa significhi. Non a caso Guido Martinetti aveva risposto piccato.

E’ proprio nelle sfumature che va cercata la verità perché dire “artigianale” significa tutto e il contrario di tutto. Chi FA il gelato artigianale con le sue manine sante può essere il virtuoso gelatiere che compra le fragole e le lavora con ingredienti freschi nel suo laboratorio, ma anche quello che nella sua bottega apre i famigerati semilavorati e li mette nel mantecatore.

La legge non è chiara, il consumatore guarda piuttosto a cosa c’è nel gelato e non a come viene fatto, mentre i meno professionali aggiungono una fogliolina di menta sulla montagna di gelato e quindi ci mettono il loro tocco “artigianale” (si esagera, su, ma accade, eccome se accade).

Grom, roma, Stazione Termini

E in tutto questo, Grom che fa? E come lo fa? E dove lo fa?

Urge ricapitolare: la produzione delle miscele liquide (pastorizzate o meno) avviene a Mappano, vicino a Torino. Le miscele vengono imbustate, gusto per gusto, e poi surgelate. Da qui partono e vengono distribuite in tutti i punti vendita, dove i bravi commessi (perché forse “gelatieri” è un po’ troppo) le scongelano, le mantecano e le trasformano in gelato.

Ho il sospetto che il Codacons abbia le sue ragioni: il gelato non è fatto in loco, quindi non è artigianale. E poi il tribunale dice che ha ragione il Codacons dall’origine: Grom è una Spa (dentro c’è pure il signor Illy e anche un socio nipponico), quindi non è un’azienda artigianale, e infine il prodotto arriva anche dall’altro capo del pianeta (New York, Tokyo, Parigi, Osaka).

Nel frattempo, in qualche laboratorio artigianale (per davvero) un gelatiere soccombe allo strapotere delle catene “illuminate”. Ne restano comunque alcuni, in via d’estinzione come i Panda, che dicono no alle basi in polvere e alle buste uht e FANNO il gelato.

Anche se Grom non si è mai definita “gelateria artigianale”, ha comunque usato questo termine nella propria comunicazione e ora è stata costretta a rivedere i testi facendo fare gli straordinari ai copy.

La leggenda narra che non siano tanto i consumatori quelli col dente avvelenato, piuttosto i colleghi di categoria che soffrono dello strapotere gromiano e rosicano per il successo di Martinetti & Co.

Gelato Grom

Insomma, una vecchia storia che arriva al capolinea (forse), e di cui i tanti fan osannanti del gelato di Grom dovranno farsi una ragione.

Nel frattempo, però, artigianale o no, Grom ha allungato i suoi tentacoli ghiacciati un po’ ovunque: ha appena aperto un nuovo punto vendita a Roma Termini, qualche tempo fa è partito alla conquista di Dubai, anche se sembra che dal Giappone stia scappando per un imprevisto salasso finanziario.

Comunque, che siate Grom-addicted o no, sappiate che questi ci vedono lungo: ultimamente hanno inserito i coni senza olio di palma e (udite udite) senza glutine.

Va beh, cosa volete dirgli? Non saranno artigiani, ma sono sempre sul pezzo!

[Crediti | AdnKronos, Dissapore, Milano Finanza]