di Giulia Caligiuri 21 Ottobre 2013
Il presepe degli chef

Sì lo sappiamo lì fuori c’è la crisi. E la sentiamo parecchio, anche perchè è perenne. Eppure  il binomio turismo e gastronomia (specie se insieme) si dimotra ancora vincente. Ce lo dimostra Maurizio Cortese, un nome che forse non vi è nuovo, qui su Dissapore. E che ha dato vita a un nuovo progetto: CORTESE WAY

Il food writer imprenditore ha “iniziato il suo percorso proprio su Dissapore”, per poi proseguirlo insieme alla moglie Cristina. Ci incuriosisce la sua nuova idea, presentata sabato 19 ottobre all’Hotel Piazza Bellini di Napoli. Vediamo di chiarirla e eventualmente inserirla nei nuovi mestieri del food:

Innanzitutto, sebbene questi siano i mestieri del cibo più richiesti, niente “mastro birraio, pizzaiolo, gelataio bio, stagionatore di miele, sommelier, affinatore di formaggi, personal trainer dell’orto o alchimisti di campagna”.  Il lavoro di cui si parla qui è sì legato alla terra, ma in modo diverso. Qui, si viaggia e si scopre la Campania bella e buona.

Presepe degli chef, Mauro UliassiPresepe degli chefPresepe degli chef

Concretamente, l’attività ruota intorno a tre punti:

Il turismo gastronomico. Si creano su misura degli itinerari esclusivi per scoprire le meraviglie Campane.

“l’ospite, il turista, assistito fin dal suo arrivo in città, viene accolto secondo la nostra migliore tradizione e costantemente accompagnato nell’itinerario che deciderà di vivere”

La scuola di cucina. Cristina, la moglie di Maurizio, insieme ad Angelina (cuoca del ristorante ‘E curti) organizzano corsi professionali e non.

Le consulenze gastronomiche. Maurizio mette a disposizione di chi volesse intraprendere una nuova attività commerciale o arricchire quella già avviata la sua ventennale esperienza.

Ma a rubare la scena durante la presentazione è stato il Presepe degli Chef, realizzato dall’artigiano Marco Ferrigno. Tutti conosciamo i presepi napoletani, mai nessuno li aveva avvicinati prima al mondo dell’alta cucina.

Maurizio e Cristina Cortese

Ad ogni modo, un lavoro ambizioso ma sicuramente originale che cerca la quadra in un territorio vocato al turismo e all’esperienza gastronomica come la Campania, ricco di una tradizione e di un folclore inaffossabile.

E magari Cortese Way salvaguardia anche il turista da quella specialità nazionale comunemente detta sola!

Può funzionare?

[Crediti | Link: Dissapore, Cortese Way. Immagini: Luciano Furia, Cortese Way]