di Riccardo Campaci 11 Marzo 2015
Oscar Farinetti

La partecipazione di McDonald’s a Expo 2015 continua ad alimentare le polemiche, ma sebbene nelle ultime ore la multinazionale USA abbia ricevuto critiche da personaggi di incerta competenza come lo scrittore alpinista Mauro Corona (?!), ma anche da un buon campione di italiani, ha però ottenuto un appoggio inaspettato.

Sì, è ufficiale: Oscar Farinetti è passato al lato oscuro del panino. In che altro modo potremmo commentare il suo “endorsement” nei confronti della decisione di Expo 2015 di accogliere McDonald’s e Coca Cola come sponsor ufficiali per l’evento?

Non ci siamo sbagliati: è proprio Farinetti, quell’uomo baffuto e pacioso che, smentendo il mentore Carlin Petrini e anche Slow Food, si è messo di traverso davanti alle critiche anti-McDonald’s e ha dato suo benestare alla sponsorizzazione; è lo stesso Farinetti che ha già dichiarato che nei prossimi Autogrill di Eataly la Coca Cola non metterà piede.

“Essere contrari alla presenza di McDonald’s e Coca Cola – sbotta Farinetti – è una stupidaggine enorme: il tema di Expo è nutrire il pianeta, ed è universale. Semmai dobbiamo parlare del perché nel mondo c’è ancora un 20% di malnutriti”.

Subito dopo Oscar ci rende partecipi delle sue frequentazioni personali quando racconta “Quelli di McDonald’s li ho incontrati, e abbiamo parlato di prodotto sano e pulito”, breve riassunto della sua ultima cena in compagnia di Ronald McDonald’s, dove forse hanno discusso l’uscita di un McEataly.

Per una volta facciamo l’avvocato del Diavolo e rendiamoci conto di come il patron di Eataly in questo caso abbia interpretato in maniera il più letterale possibile lo slogan di Expo 2015: Nutrire il Pianeta.

Nutrire è il verbo fondamentale, che molte persone non riescono ad associare semanticamente a McDonald’s; persone alle quali l’improvvisa dichiarazione di Farinetti è suonata come un rutto in platea alla Prima della Scala.

Fra le persone disturbate dall’uscita del buon Oscar c’è sicuramente Mauro Corona: lo scrittore-santone-alpinista-scultore-tuttologo ospite nella puntata di ieri di Ballarò, oltre ai soliti rantoli di populismo abbastanza consumati, davanti all’amministratore delegato di McDonald’s Italia Roberto Masi ha esordito con un laconico ma efficace “[All’Expo 2015]  Si parla di mangiare. Che c’entra McDonald’s con il mangiare?“.

Una provocazione che Masi ha rispedito al mittente, rispondendo non solo a Corona ma anche a Fabio Picchi, presente in studio, ed evidenziando le supposte qualità delle materie prime utilizzate dalla multinazionale americana.

Da segnalare come lo chef proprietario de Il Cibreo di Firenze abbia ammesso candidamente di non aver mai assaggiato un hamburger di McDonald’s, ma questo non gli ha impedito di parlarne come se fosse cresciuto a pane e Big Mac, anzi, solo Big Mac.

Cartello Ballarò

Picchi e Corona però non sono i soli a non vedere di buon occhio la partecipazione di zio Mc ad Expo 2015: come mostrato dai risultati di un sondaggio del programma di Rai 2, il 72 per cento degli intervistati considera il matrimonio fra McDonald’s ed Expo 2015 un passo falso, mentre solo il 23 per cento approva la partnership. Per una volta gli italiani si mostrano un popolo di poeti, navigatori e gastrofanatici. Forse proprio di gastrofanatici no, ma almeno anti-fast food, forse sì.

Indubbiamente la partecipazione all’esposizione nazionale 2015 per McDonald’s sarà una grande vetrina e potrebbe aiutare l’azienda a ottenere visibilità e a facilitare il suo riposizionamento sul mercato, oggi come oggi fondamentale per riprendersi dalla crisi che non accenna a diminuire.

I risultati di febbraio 2015 confermano segno meno, con un calo del volume di affari pari a -1.7%, molto più sentito in USA e in Asia, rispettivamente con -4 per cento e -4.4 per cento; solo in Europa si registra un timidissimo incremento dello 0,7 per cento, ma la crisi c’è e servono soluzioni immediate e rapide.

Diventare partner ufficiale di Expo è sicuramente una delle soluzioni rapide e immediate adottate dall’azienda. Per tutto il resto, c’è Farinetti.

[Crediti | Link: Dissapore, Ansa, IlSecoloXI, Rai, Yahoo]

1