Hamburger McDonald’s: ora diteci se è davvero possibile scambiarlo per uno artigianale?

McDonald’s, dopo la sbugiardata dei gastrofighetti milanesi della scorsa settimana, si è messo in cattedra e ci ha voluto dimostrare come i pregiudizi influenzino le nostre papille. Fino a qui, tutto bene: è giusto bacchettare le prese di posizione a prescindere.

Ma qualcosa non mi torna. Innanzitutto l’hamburger di McDonald’s è vittima dei pregiudizi non certo a caso, ed è inutile che stia a spiegarvelo io. 

E poi, guardando e riguardando il video da cui tutto nasce, mi faccio una domanda, anzi più di una:
–Chi sono gli entusiasti?
— Quanti sono stati davvero gli entusiasti?
— Il fatto che Selvaggia Lucarelli non capisca niente di cibo è una cosa grave?
— Quale sapiente opera di montaggio è stata fatta per mostrarci una manciata di giovani clienti che ripetono come in trance “buonissimo, buonissimo”?

Hamburger McDonald's contro Hamburger al Mercato

Non dubito sulla veridicità, ma sulla selezione di quello che ci hanno mostrato e sul fatto che due soli giorni di blind test siano uno spaccato assai parziale della realtà supposta dei gastrofighetti milanesi.

Insomma, ma come è possibile scambiare per hamburger gourmet un assemblaggio di ingredienti seriale tipico di McDonald’s?

Avrei capito una decina di anni fa, quando la conoscenza media degli italiani nei confronti del panino americano si assestava a metà strada tra Big Mac e nulla.

Oggi, però, ci siamo costruiti un’opinione più precisa a riguardo e spesso facciamo le pulci al tipo di carne, alle salse e anche ai semi sopra il pane. Insomma, se non siamo degli esperti, certo abbiamo esperienza in più.

Hamburger al mercato vs hamburger mcdonald's con patatine

Non resta che assaggiare, non certo alla cieca, il miglior hamburger artigianale della città secondo noi, insieme al nuovo gioiello di casa Mc, il Bacon Clubhouse.

Vado in un McDonald’s di Milano e una gentile signorina mi prepara il mio kit gourmet take away: patatine e hamburger. Con il sacchetto odoroso in mano faccio una passeggiata fino da Al Mercato Burger Bar, dove ordino l’hamburger e le patatine.

Qualcuno mi guarda stranito quando tiro fuori il mio sacchetto e inizio la comparazione. (No, non è una comparazione di due prodotti uguali o simili, sono solo due hamburger che, per diversi motivi, sono stati definiti “gourmet”).

INGREDIENTI

Bacon Clubhouse McDonald's

1. Bacon Clubhouse McDonald’s:
Bacon croccante
Cipolla grigliata
Insalata lattughino
Formaggio
Pomodoro
Salsa
130 gr (circa, così ci hanno detto al momento dell’acquisto) di carne bovina 100% italiana

Hamburger Al Mercato

2. Hamburger Al Mercato:

Cetriolo pickled
Salsa speciale (senape antica e salsa rosa)
Composta di cipolla
Iceberg tagliata a julienne
Pomodoro
200gr. Rossa Reggiana (scamone e punta di petto)
Pane al latte con semi
Burro

PRIMO MORSO

Bacon Clubhouse McDonald's

1. Il Bacon Club House si mangia facile: “ergonomico” e impugnabile si lascia morsicare senza colpo ferire.

I sapori si mescolano e, mediamente, la consistenza è piuttosto morbida, nulla di croccante sotto i denti, anche se va detto che l’insalata nel tragitto si è afflosciata.

Nemmeno il bacon croccante è croccante.

hamburger Al Mercato, carne

2. L’hamburger de Al Mercato è una sfida per bocche oversize e si capisce subito che vincerà lui.

Tocca fare più di un morso per assaggiare tutti gli ingredienti, insomma è difficile da gestire, ma nel complesso in bocca è davvero buono.

Il pane è croccante e la carne morbida, l’insalata e i cetrioli scrocchiano sotto i denti e le cipolle fanno la differenza.

hamburger mcdonald's vs hamburger Al Mercato, pane

PANE

Bacon Clubhouse McDonald's pane

1. Rispetto ad un panino classico di McDonald’s il pane stavolta è più consistente: il “cappello” pare più sodo, ma abbastanza gommoso.

Il sapore è lo stesso di sempre: dolciastro.

hamburger al mercato, pane

2. Quello di Al Mercato è un pane al latte con una miriade di semi che aiutano la consistenza più croccante rispetto al classico pane al latte.

Giusta per dare texture diverse in bocca.

hamburger Al Mercato, hamburger McDonald's, carne

Bacon Clubhouse McDonald's vs Hamburger Al Mercato, carne

CARNE

Hamburger McDonald's, carne primo morso

1. Misteri arcani: come si può dire “buonissimo” ad un hamburger con una materia prima martoriata in questo modo?

Il burger non è buono, è cotto in modo sbagliato, risulta secco e duro.

hamburger Al Mercato, carne

2. Media cottura (un vero hamburger gourmet ti regala anche la possibilità di personalizzare la cottura sulle tue preferenze) e ottimo.

Gustoso il sapore (che si distingue anche nell’insieme del panino) e succoso.

Hamburger al mercato vs hamburger mcdonald's con patatine, seconda

Hamburger al mercato vs hamburger mcdonald's con patatine, prima

ALLEGATI: PATATINE

Visto che nel pacchetto ingannevole per gastrofighetti di Single Burger (ora McDonald’s Premium) hanno avuto un ruolo anche le beneamate patatine, eccole da vicino:

patatine McDonald's

McDonald's patatine busta

1. Flosce, dolciastre e molli.

Non è di certo un problema di tempistiche, visto che le ho assaggiate appena acquistate.

patatine Al Mercato

Patatine Al Mercato, scodella

2. Croccanti, sode e con aggiunta di paprika: buone.

VARIE ED EVENTUALI

Bacon Clubhouse McDonald's, carne

1. Se per caso fossi curioso e ti venisse voglia di aprire il panino scopriresti che c’è una sola fettina di pomodoro.

E anche che il formaggio di cui non ti eri accorto perché non ha sapore ha una colorazione sbiadita poco invitante (insomma, di certo non è Ceddar, ma non è dato sapere).

La salsa, invece, è un arcano mistero: non ho la minima idea di che cosa contenga, ma ha il sapore dell’hamburger in toto, ossia ne è l’essenza profonda, quella che sancisce il sapore definitivo del panino.

Hamburger Al Mercato, primo morso

2. L’hamburger de Al Mercato è buono, c’è poco da fare e da dire.

Magari si potrebbe chiedere un po’ più di parsimonia con l’insalata iceberg, ma alla fine se ci penso io non toccherei una cosa che riesce così bene.

PREZZI

Mica vorrete star lì senza far niente? Orsù, partecipate attivamente alla sfida suggerendo i prezzi dei due panini.

Quanto costa secondo voi il Bacon Clubhouse di McDonald’s? E quanto l’hamburger di Al Mercato, il burger bar milanese di Beniamino Nespor e Eugenio Roncoroni?

CONCLUSIONI

Impossibile confondere i due panini, ma impossibile anche confondere e paragonare le due tipologie di panini, visto l’abisso. Ci ho provato, ed è anche stato divertente, ma dopo questo “test con pregiudizio” non riesco a capire chi possano essere quella manciata di clienti inconsapevoli pescati a tessere le lodi del panino della scuderia McDonald’s.

Non mi spiego nemmeno cosa mangino a casa loro. E in tutti i casi, io per gastrofighetti intendo un’altra tipologia umana, capace quantomeno di distinguere una svizzera (nel senso carnivoro) buona da una non buona.

Detto questo, applausi a profusione ai geni del marketing e del riposizionamento del brand americano: hanno fatto i simpatici, ci sono riusciti e hanno avuto un’esposizione mediatica indiscutibile.

Bravissimi.

Per essere così in gamba suppongo che non mangino nella mensa aziendale tutti i giorni.

[Crediti | Link Dissapore, immagini: Carlotta Girola]

Carlotta Girola Carlotta Girola

20 Aprile 2015

commenti (74)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar sordario ha detto:

    Sembra che abbiate riflettuto un po’ sui commenti all’articolo precedente che era francamente buttato un po li, abboccando al marketing.

  2. Avatar Luca Mecca ha detto:

    Si vabbe adesso cercate di rigirare la frittata, ci siete cascati punto e basta. O si è capaci di fare un salto oltre tutti i pregiudizi oppure si resta schiavi della propria autoreferenzialità gastrofighetta.

  3. Avatar Gillo ha detto:

    Per quanto mi riguarda l’analisi sensoriale(del bacon clubhouse) di Gumbo resta la più completa ed attendibile.
    Viene fatto un doppio confronto:
    1 con gli altri tipi di hamburger di MacD
    2 con alcuni hamburger artigianali famosi

    Aggiungo per chiarire il mio pensiero:
    1 non ho MAI affermato in nessun dibattito che i Macd sono i migliori hamburger
    (ho parlato anche dei limiti di cottura, eccessiva)
    2 ho detto che sicuramente c’è chi li fa più buoni, e ci mancherebbe.
    ma
    3 mi sono sempre battuto contro la DEMONIZZAZIONE di Macd
    4 ci sono hanburger peggiori di Macd
    e, soprattutto
    5 che i confronti vanno fatti tenendo conto
    -del prezzo e
    -del rapporto qualità/prezzo

    Aggiungerò dopo ulteriori approfondimenti

    1. Avatar Gillo ha detto:

      Se vi andate a leggere la recensione di Gumbo, vi accorgerete che non è un inno al bacon clubhouse di MacD.
      Ma è molto equilibrata ed argomentata e, soprattutto, manca di quel PREGIUDIZIO che condiziona il giudizio.

      Vorrei aggiungere:
      1
      Questa è la foto del bacon clubhouse linkata da Gumbo nell’altro post;
      https://www.flickr.com/photos/31546021@N05/17199253082/?rb=1
      Ebbene a me sembra molto diverso dall’hamburger delle foto del post che dibattiamo
      2
      Passione Gourmet giudica l’hamburge di Al Mercato il MIGLIORE di Milano.
      E’ stato già detto da altri come questo CONFRONTO E’VIZIATO…dal pregiudizio e…dall’intento scoperto di …sp..t….e MacD.Mettendo a confronto cose così distanti.
      3
      Passando ad un’analisi sensoriale, sia pur fotografica, sfido i gastrofighetti
      🙂 (si scherza un po’, eh) sul grado di cottura dell’hamburger di Al Mercato:
      (dato per scontato che quello di MacD è troppo cotto)
      Ebbene, secondo me, non rappresenta la cottura “ideale” o “perfetta” di un hamburger, che i GASTROFIGHETTI 🙂 di Passione Gourmet giudicano il MIGLIORE di Milano.
      Il motivo è semplice: presenta una scarsa doratura delle facciate esterne: quindi c’è stata una scarsa reazione di maillard.
      L’hamburger che faccio a casa presenta una reazione di Maillard più marcata ma senza aree annerite o molto scure.E’ anche più alto di qualche millimetro e presenta una coloritura interna rosea e sugosa.
      Niente di trascendentale eh, non ci vuole chissà che abilità per ottenere questo
      Ho spiegato, in altro dibattito, perché, invece, MacD stracuoce la sua carne:
      si mette al sicuro
      da possibili rischi che potrebbero nuocere alla sua immagine, visto l’ostilità che regna nei suoi confronti: sceglie il male minore, sacrificando il gusto.

    2. Avatar Emanuela ha detto:

      Va anche considerato, a parer mio, che una eccessiva cottura della carne, si bilancia a volte anche bene, con l’inserimento di un eccesso di salse che ne ammorbidisce il risultato finale.

    3. Avatar gumbo chicken ha detto:

      In effetti a Grugliasco i panini assomigliano molto di più a quelli del Single Burger nell’altro post che a quelli del McDo di Milano di questo, Gillo!

  4. Avatar Grammar Nazi ha detto:

    Carlotta, ma ancora ti ostini?
    Ma non capisci come funziona il marketing?
    Ma soprattutto, sei davvero convinta che la maggior parte della gente sappia distinguere, in un confronto cieco, due hamburger (a patto che quello del Mac sia un filo più curato in quanto a estetica rispetto a quello che ti prepara lo scazzatissimo commesso)?

    Lo sai, vero, che tanti ancora mangiano la pasta col ketchup?

    1. Avatar Gillo ha detto:

      “Indica un NEMICO e ti seguiranno”

      Quando il gastro-fighettismo diventa:
      1 una fede
      2 una religione
      3 un’ideologia
      4 un dogma

      Mi piacerebbe sfidarli i gastrofighetti in un confronto alla cieca.
      Sono pronto.

  5. Avatar Nome ha detto:

    Epperò il termine “panino imbottito” indica una tipologia di preparazione gastronomica alla quale quel torracchione di ingredienti sormontato da una cupola di pane con semi di papavero NON appartiene.

  6. Carlotta Girola Carlotta Girola ha detto:

    In un confronto alla pari il prezzo sarebbe stato un elemento necessario, ma voglio ricordare che al panino di McDonald’s, al momento dello “scherzetto” da Single Burger, era stato gonfiato il prezzo. Per la cronaca comunque l’hamburger di Al Mercato costa 12, il Clubhouse 6 euro. Patatine a 3 euro contro le 2,15 delle medie da McDonald’s.
    Non è, secondo me, questione di prezzi. Semplicemente continuo a non capire cone si possano confondere due prodotti così diversi.

    1. Avatar Geko ha detto:

      Carlotta, condivido pienamente e per questo ho commentato “scetticamente” il precedente articolo, pare però che buona parte degli interventi concordasse sul fatto che la gente non sia in grado di distinguere una sottiletta da un fontina dop e che sia tutta una questione di “grastrofighettismo”…è un po’ la solita questione che c’è nel mondo dell’arte per cui l’uomo medio ritiene il nipote di 6 anni migliore di Picasso semplicemente perché non riesce (e non vuole) capire quello che vede.

  7. Avatar Maddeche ha detto:

    Mi autoinserisco nella categoria gastrofighetti.
    Mi è piaciuto l’articolo, puntuale, con valutazioni basate su dati facilmente verificabili. Però la chiuderei qui. McD ci marcia e gongola perchè prima o poi un giornalista in carenza di nuove idee (il 98.7% del totale) scriverà su un giornale femminile a larga diffusione un articolo tipo “il McD divide persino i gourmet milanesi”.
    Altri giornalisti che sbarcano il lunario copiando gli articoli di altri (il 99.3%) rilanceranno la notizia in altre dieci riviste di alto contenuto intellettuale come “Chi” e “Di Più” che hanno esattamente il medesimo target di McD. E questo vale come una campagna da $12M-$15M.

  8. Avatar susinadamaschina ha detto:

    Ammesso che i clienti del McDonald’s sotto copertura non fossero attori, può benissimo essere che abbiano apprezzato il panino anche se abituati agli hamburger gourmet. La mia morosa, non monomaniaca del cibo, lo chiama “gusto McDonald’s” e continua a cercare quel sapore nonostante sia stata trascinata da Al Mercato e sia consapevole dell’abisso che separa i due mondi.
    Se avessero chiesto di razionalizzare il “buonissimo”, magari a qualcuno sarebbe venuto in mente che non erano la cottura, la quantità e la qualità della carne a farne un prodotto piacevole ma che c’era dell’altro, da il “sono contento di aver visto due concorrenti di MasterChef e sono ben predisposto” a “sa di McDonald’s e mi è sempre piaciuto solo che me ne sto privando per avere amici cool”.
    Io comunque, se volete, mi offro per test alla cieca perché sinceramente non mi piacciono il pane che sa di alcool, la carne dura, l’insalata iceberg ed il cheddar arancione. McDonald’s non mi ricorda l’infanzia (mi era vietato), né l’adolescenza (passata interamente da vegetariana). Insomma non ho veramente nessun motivo per farmelo piacere.

    Il panino di Al Mercato non si può mangiare in pubblico neanche privato di tutta quell’insalata. Buonissimo ma ingestibile. Spero lo ripensino in versione umana.

    1. Avatar MAurizio ha detto:

      Quello che penso anche io.
      Quella specie di fungo atomico come lo mangi ?
      Forchetta e coltello, spargendolo nel piatto ?
      Ma non si chiama panino ?

    2. Avatar Alberto M. ha detto:

      MAurizio è la stessa cosa che ho pensato anch’io . Il trionfo della verticalità, impossibile da mangiare in piedi, oserei dire anche eccessivo… Barocco !! Sul gusto non posso esprimere un parere.

    3. Avatar Giacomo ha detto:

      il panino del mercato è buonissimo ma effettivamente “immangiabile”
      l’unico modo è togliere parte della verdura

  9. Avatar Emanuela ha detto:

    Carlotta la fotografia narrativa che fai di Milano , nell’articolo del fuorisalone, è meravigliosa e verissima ma non siamo tutti gastrofighetti ! Detto ciò .. Confondere un hamburgher MD con uno artigianale stile “casa mia” solo da sbronza e anche se fossi in condizioni di non intendere mi avvertirebbe la mia ernia .
    Inconfondibili , quanto meno per la qualità dei prodotti usati.
    Le carni tra loro sono diverse e lo si vede a occhio, il mercato burgher ,anche se sembra il mostro di alien e la cottura piu che media è al sangue , pare come consistenza e qualità migliore, quella di MD sorvoliamo..
    Devo dire che della genialata di MD non ne avevo proprio sentito parlare e l’ho scoperta qui da voi, ma è anche vero che sono una gastro antifighetta, quindi non conto.
    Viene pure a me il dubbio che il tutto sia stato confezionato ad hoc , i milanesi un pò tontoloni lo sono ma non cosi tanto ! Capacissimi di mangiare e urlare “buonissimo !!” ad un cubetto di porfido purché sia firmato, ma non esageriamo..

  10. Avatar fontici ha detto:

    il panino di Al Mercato fa scena pero’ lo trovo una cosa (a mio parere)
    improponibile per mangiarlo devi scomporlo ed essere per forza seduto e armato di posate o guanti e bavaglio gigante

    1. Avatar Alberto M. ha detto:

      fontici, condivido appieno , l’ho apena detto anche a MAurizio !!