prova d'assaggio, olio extravergine, totale

Cosa ci comprate con 4 euro? A volte nemmeno un chilo di pane. Con 14 già si inizia a ragionare, e ci può stare anche un intero menu fisso nella pausa pranzo. Questo per dire che con un range di 10 eurini (tra i 4 e i 14 euro) al supermercato ci possono essere prodotti assai diversi, almeno nel prezzo. Ma nella sostanza?

Rischiando personalmente la vita, ho deciso di fare una Prova d’assaggio sull’olio extravergine d’oliva comprato al supermercato per capire se il prezzo è davvero indicativo di qualità.

A bottiglie sigillate, infatti, se non si conosce il prodotto ci si deve orientare leggendo l’etichetta. Io non ho letto le etichette, ho scelto due oli nella fascia di prezzo bassa (intorno ai 4 euro), due nella fascia media (intorno agli 8/9 euro) e altri due di fascia alta (sui 13/14 euro).

Infine, insieme ad altre persone, li ho testati alla cieca.

La prima, buona, notizia è che sono sopravvissuta. Le altre conclusioni sono qui sotto.

prova d'assaggio, olio extravergine, contendenti

CONTENDENTI:

Dante – Frantoio di Contrada
Fratelli Merano – La Valle degli Ulivi
Sasso – Olio extra vergine di oliva Classico
Frantoi Cutrera – Terre degli Iblei
Cooperativa Produttori Gardesani – Olio EVO Garda Orientale
Frantoi Cutrera – Il Frantoio

prova d'assaggio alla cieca, olio extravergine, contendenti

Il test è stato svolto alla cieca, assaggiando l’olio in purezza e anche con del pane toscano senza sale.

CRITERI: 

Prova d'assaggio olio extra vergine di oliva

Prova d'assaggio olio extra vergine di oliva

Aspetto visivo
Profumo
Consistenza
Sapore

olio sasso

olio sasso

#6: SASSO

Confezione da 1 litro, specifiche: olio extra vergine d’oliva ottenuto a freddo direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici. Miscela di oli extra vergini di oliva dell’Unione Europea
– Giudizio: il peggiore tra quelli provati 
– Packaging:
bottiglia in vetro 
– Aspetto visivo:
 limpido di colore giallo
– Profumo: molto lieve, quasi
– Consistenza: un po’ liquidino
– Sapore:
piuttosto amaro, sul finale vince qualcosa di “stantio”
– Prezzo:
4,00 €  (1 litro)
– In breve:
per rovinare una bruschetta ce ne vuole, eppure…
– VOTO:
4

dante olio

dante olio

#5: DANTE

Confezione da 750 ml, specifiche: olio di oliva di categoria superiore ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici. Miscela di oli extra vergini di oliva dell’Unione Europea
– Giudizio: di certo non coprirà il sapore dei vostri piatti
– Packaging:
bottiglia di vetro
– Aspetto visivo: 
limpido e colore vivo
– Profumo:
ricorda il carciofo
– Sapore: un po’ amaro, poi scompare subito
– Prezzo: € 4,99 (1 litro) – in offerta a 3,99
– In breve: un olio extra… trascurabile
– VOTO: 4 1/2

olio cutrera

Cutrera olio

#4: CUTRERA (Il Frantoio)

Confezione da 1 litro, specifiche: olio extra vergine di oliva dalle migliori cultivar autoctone (Nocellara, Biancolilla, Moresca), estratto a freddo. Olio di oliva di categoria superiore ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici.
– Giudizio: direi un olio con non troppa personalità 
– Packaging:
bottiglia di vetro
– Aspetto visivo:
giallo intenso
– Profumo: piacevole
– Consistenza: piuttosto liquido
– Sapore: non molto saporito, con un finale un po’ piccante
– Prezzo: € 8,49 (1 litro)
– In breve: non è sempre vero che la virtù sta a metà strada
– VOTO: 5

olio garda

olio garda

#3: COOPERATIVA PRODUTTORI GARDESANI

Confezione da 750 ml, specifiche: olio extra vergine di oliva Garda Orientale DOP. Olio di oliva di categoria superiore ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici.
– Giudizio: dal Garda mi aspetterei di più, ma non male
– Packaging: bottiglia “tozza” di vetro
– Aspetto visivo: colore giallo con nota verdognola lieve
– Profumo: non spicca per profumo
– Consistenza: poco denso
– Sapore: leggermente amaro, con un finale un po’ erbaceo, gradevole
– Prezzo: € 13,90 (750 ml)
– In breve: potrebbero migliorare il packaging, però!
– VOTO: 6 1/2

olio fratelli merano

olio merano

#2: FRATELLI MERANO

Confezione da 1 litro, specifiche: Olio di oliva di categoria superiore ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici. Ottenuto a freddo da olive italiane coltivate in Italia di varietà Biancolilla, Oliarola e Taggiasca.
– Giudizio: buono e con un finale piccante (ma non troppo)
– Packaging: bottiglia in vetro schermata
– Aspetto visivo: di colore giallo intenso
– Profumo: ricorda l’oliva, semplice e gradevole
– Consistenza: abbastanza denso
– Sapore: come al naso, in bocca ha un sapore di oliva abbastanza intenso, e sul finale è piccantino. Il sapore è piuttosto lungo.
– Prezzo: € 8,49 (1 litro)
– In breve: un olio che sa di oliva, ci siamo
– VOTO: 7-

cutrera olio

olio contrera

#1: CUTRERA (Terre degli Iblei)

Confezione da 750 ml, specifiche: olio extra vergine di oliva DOP Monti Iblei Calatino. Olio di oliva di categoria superiore ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici – estratto a freddo.
– Giudizio: il miglior olio del nostro test
– Packaging: bottiglia di vetro
– Aspetto visivo: giallo oro intenso
– Profumo: ricorda il carciofo, intenso
– Consistenza: piuttosto densa
– Sapore: su tutto vince il piccante, che scende anche in gola, ma il sapore nel complesso è molto buono, intenso e lungo
– Prezzo: € 12,90 (750 ml)
– In breve: questo la bruschetta se la mangia
– VOTO: 8

COSE IMPARATE DA QUESTA PROVA D’ASSAGGIO:
Oggi abbiamo imparato che davanti alle bottiglie dell’olio l’occhio critico del packaging-addicted viene quasi sempre appagato, visto che la forma delle bottiglia, la grafica delle etichette e i dettagli sono tutti diretti al gastrofighetto o al wannabe.

Poi abbiamo imparato che il prezzo non è tutto, ma spesso usandolo come metro di giudizio a bottiglia chiusa è piuttosto rispondente alla qualità: sarà un caso, ma forse no.

Infine, abbiamo anche imparato che la degustazione di olio è sempre mediamente più impegnativa di quella del vino: il sapore dell’olio puro è strong, altro che sputacchiera!

commenti (28)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Luca Andrea ha detto:

    Piccola segnalazione: sono state invertite le foto dei due olii Cutrera.
    In secondo luogo: da sempre le valutazioni degli EVO si fanno con bicchieri colorati (di solito blu) per non influenzare con un colore più o meno “gradito” il giudizio dell’assaggiatore, questo perchè il colore dell’olio è il parametro meno significativo, stante la facilità con cui lo si può modificare (vedi l’aggiunta di clorofilla per dargli una bella sfumatura verdona)
    Last but not least: da quanti assaggiatori era composto il panel?
    Grazie.

    1. Carlotta Girola Carlotta Girola ha detto:

      In effetti quando ho fatto una degustazione di olio sul Garda i bicchierini erano blu. In questo caso abbiamo scelto di dare tutte le specifiche del caso, colore compreso, ma non c’erano grandissime differenze. Gli assaggiatori erano 4.

    2. Avatar Luca Andrea ha detto:

      Grazie della risposta! 🙂

  2. Avatar Anna® ha detto:

    A me è sempre stato detto di diffidare dell’olio che costa meno di 7,00 €/litro perché quello è il costo del solo realizzo.
    E’ vero?

    1. Avatar Leonardo ha detto:

      il costo di produzione può variare anche di molto, e le variabili principali sono legate alla zona di produzione.
      esempio: in Puglia ci sono terreni in genere pianeggianti, comodi, piante molto grandi, bassi costi di manodopera. In Liguria ci sono terreni molto inclinati, terrazzamenti, piante piccole e scomode da raccogliere. Altro elemento: dalla Puglia escono fiumi di olio, per venderlo devono attuare logiche di prezzo, lo vendo a discapito del mio concorrente se riesco a buttar giù il prezzo. In Liguria se ne fa poco, chi lo fa lo può vendere anche a prezzi esorbitanti, tanto l’olio ligure quello è.
      Tutto questo al netto delle navi cariche di olio che arrivano al porto di Genova e Brindisi.

    2. Avatar prato ha detto:

      Si potrebbe essere vero ma la mia domanda è :

      Chi mi garantisce che non prendono olio di M. (da 4 euro) e lo vendono a 10 euro al litro per farlo pure sembrare un olio “superiore”.
      Ti puoi fidare quindi del solo prezzo ? NO.

  3. Avatar franketiello ha detto:

    sono prodotti diversi,non puoi confrontare produzioni industriali come Dante e Sasso con produzioni piu’ limitate e di solito qualitativamente superiori.Tristezza per il crollo di olio Sasso che una volta era il migliore tra quelli di marca

  4. Avatar gianlù63 ha detto:

    manca una categoria, tra gli oli economici, quelli prodotti in italia, con olive provenienti dalla comunità europea.

    1. Avatar gianlù63 ha detto:

      e quel tipo di olio, forse vi metteva un attimo in difficoltà di giudizio

    2. Carlotta Girola Carlotta Girola ha detto:

      @gianlù63 stavolta abbiamo scelto i prodotti per la prova d’assaggio solo tenendo conto del prezzo e del fatto che fossero tutti olio extravergine. Ma ci saranno altre “puntate”, ne riparleremo…

    3. Avatar gianlù63 ha detto:

      certo che si parla di EVO, ma io credo che il tipo di olio più presente sugli scaffali della Gdo, sia l’extravergine prodotto in italia con olive provenienti da Paesi del bacino del mediterraneo, e questo nella prova non c’è

  5. Avatar Giancarlob ha detto:

    “Rischiando personalmente la vita…”
    “La prima, buona, notizia è che sono sopravvissuta…”.
    In Italia deve fare molto caldo, tanto da dare alla testa a qualcuno….ho sempre la massima stima delle persone che non conosco da considerarle 2 sciocchezze che si annullano tra loro.

    1. Avatar succodilimone ha detto:

      e perchè?lo trovo invece un articolo carino, spiritoso e ben scritto.

    2. Avatar Giancarlob ha detto:

      Sarà pure carino e ben scritto ma sono 2 affermazioni fuori luogo. O ci sono delle statistiche su morti/sopravissuti per aver utilizzato un olio da 4 euro acquistato al supermercato ?

    3. Avatar MAurizio ha detto:

      Si chiama “iperbole”, qui utilizzata in senso ironico.
      Per chi intende l’idioma

    4. Carlotta Girola Carlotta Girola ha detto:

      Grazie @Maurizio, tu sì che mi capisci! 🙂

  6. Avatar bstucc ha detto:

    La scorsa stagione ci avevano assicurato che la produzione d’olio d’oliva in Italia era ai minimi storici, per via del clima (che cambia, già, già, cambia sempre quando fa comodo) e di non so quale parassita (non la Xilella). Eppure gli scaffali dei negozi e supermercati sono pieni, e i prezzi non sono cambiati. Che qualcuno imbrogli?

    1. Avatar Paolo ha detto:

      Ma soprattutto sono pieni di olio “con olive italiane”, quelle sparite, rovinate dalla mosca olearia, dalla congiunzione astrale, da chissà cosa.
      Raccolto e olive così rovinate, da far pensare che il suggerimento di gianlù63 non sia fuori luogo, anzi. Forse l’assaggio di olio da olive non italiane è stato proprio fatto

    2. Avatar bstucc ha detto:

      Già. I produttori italiani sono in pensiero: se la Grecia dovesse uscire dall’EU, addio all’olio EVO prodotto con olive comunitarie.

    3. Avatar Nome ha detto:

      I prezzi non sono cambiati? L’ extra vergine Coop 100% italiano è balzato da 5,04 a 6,99 € di colpo.

    4. Avatar Maddalena ha detto:

      Stiamo già pagando il revamping del punto vendita di Corso Europa? 🙂

    5. Avatar Nome ha detto:

      Non dirmi niente, ho un nervoso…appena riesco ad orizzontarmi quel tanto che mi permette di andare direttamente agli scaffali che mi interessano…cambiano tutto e io mi sento perso…ma immagino che la strategia sia proprio quella di farmi girare dappertutto prima di trovare quel che cerco.

      P.S. Ieri, per tutto il giorno, non sono riuscito a scrivere questa risposta.

    6. Avatar Maddalena ha detto:

      Nome carissimo che piacere sentirti!

      Si, la strategia è proprio quella, al mio solito Basko vedendomi sbuffare mi han confermato che il responsabile sposta di frequente alcuni prodotti (fra cui il mio pane PEMA) proprio per costringerti a vedere tutti gli scaffali.

  7. Avatar Francesco ha detto:

    Non mi meraviglia il buon giudizio sull’olio della F.lli Merano. Ottima azienda, ottime anche le loro olive sottolio e in salamoia, lavorano veramente bene.

  8. Avatar Sara ha detto:

    Io amo le vostre “prove d’assaggio”!!!
    E mi piace anche l’ironia!
    Continuate così!

  9. Avatar bstucc ha detto:

    Non dispero, via Internet, di procurarmi del sano olio d’oliva spagnolo, dove non se la tirano tanto per spacciare una commodity.