Pizzerie Torino: la Action Pizza di Enrico Crippa vi costa 20 euro da Taglio

Tra i segni inconfutabili di età avanzata c’è lo sbuffare quando qualcuno parla di arte e chef stellati. Rassegnarsi, cari lettori, rassegnarsi. Più gli chef sono aristochef e più ci provano gusto a citare i capolavori degli artisti pop.

Come al solito Massimo Bottura è il capofila, ma c’è pure Enrico Crippa, chef con 3 stelle Michelin per il ristorante Piazza Duomo di Alba, in Piemonte, anche lui con il bernoccolo per l’arte come da citazione di Matisse (“Panna Cotta Matisse“, per la precisione).

Ma l’idea di mettere un altro pittore, Jackson Pollock, e la tecnica dell’Action Painting su una ricetta tradizionale come la pizza al taglio, vince tutto.

Crippa realizza la “Action Pizza” (nome di battesimo dell’opera) per la pizzeria Taglio di Torino, nata dalla volontà di Luigi Ferraris, fermamente convinto di potersi inventare un format originale nel settore pizza al taglio puntando su farine, verdure, formaggi e salumi piemontesi.

Action Pizza, Crippa, Taglio, Torino

Crippa, Action Pizza

Il risultato, bellissimo, rappresenta un evidente omaggio alla tecnica del gocciolamento (dripping) di Pollock: espressionismo astratto realizzato sfruttando i pigmenti naturali degli ingredienti che decorano la superficie della pizza al pomodoro (no mozzarella).

Di seguito la tavolozza gastronomica ideata da Crippa per la Action Pizza:

Bianco: crema di bufala (mozzarelle del caseificio piemontese Moris)
Rosso: pomodoro concentrato
Giallo: riduzione di zafferano
Verde: purea di prezzemolo
Nero: purea di olive taggiasche
Marrone: purea di acciughe

Assaggiatori d’arte impenitenti quali siete gradirete la possibile scelta tra due varianti di sfoglia: al peperone o alla melanzana, coadiuvati da germogli di rucola e germogli piccanti.

Action pizza da Taglio a Torino

Come ogni opera d’arte che si rispetti, l’Action Pizza di Crippa/Pollock arriva in edizione limitata: la troverete ogni fine settimana di Luglio con un calice di Blangè Langhe doc Arneis in abbinamento, prezzo totale 20 euro.

Più pop(ulisti) che pop vi vedo sbiancare: 20 euro per un trancio di pizza e un calice di vino?

(“Allora ditemi a quanto sta un Pollock originale, preferisco”, so che l’avete pensato).

[Crediti | Link: Dissapore, Repubblica]

Riccardo Campaci

14 luglio 2015

commenti (42)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Paolo ha detto:

    C’è sempre un problema di colori della foto: osservando incuriosito gli scatti, mi cresce un arancione; colore che vedo in foto ma non leggo nella descrizione degli ingredienti.
    E allora sospetto sia un affaire relativo al bilanciamento automatico del bianco.

  2. Maddalena ha detto:

    Più che l’arancione-color-cheddar è il Blangè che mi muove le perplessità più ampie. Un Arnais che costa un botto, mai capito perché.

  3. palladilardo ha detto:

    Il dripping di Marchesi aveva un suo perché, ma riproposto sulla pizza della serie “non so cosa cazzo metterci sopra ma si perché non una roba alla Pollock ” ha davvero un aspetto orribile. Mi aspettavo venisse proposta un cosa così in Germania o Stati Uniti, paesi più inclini ad usare la pizza come contenitore delle peggio cose. 16 euro al pezzo. Roba de gastrofighetto annoiato…..

  4. Nome ha detto:

    Sommessamente mi inserisco per dire che “action paint” e “dripping” sono due tecniche pittoriche distinte e vecchie ormai di una sessantina d’ anni. Fossi in loro, visti i risultati, definirei la loro…corrente artistica “vomiting”.

    1. luca63 ha detto:

      Stavo per commentare cercando una maniera garbata per descrivere cosa mi faceva venire in mente quella chiazza…E mi sono accorto che,come per il post sulla pizza,non avrei potuto mai fare meglio di te.

    2. PaoloP ha detto:

      Mi aggiungo. La prima cosa che ho pensato è che somiglia alle chiazze che si vedono la mattina per terra fuori da qualche birreria…

  5. msimone ha detto:

    Si fa pagare la pubblicitá. Certo il food cost in questo caso viaggia a multipli da gioielleria. Ingredienti buoni ma dal prezzo basso. Per chi ama la fuffa prego si accomodi.

«