di Carlotta Girola 12 Settembre 2015

Settembre, tempo di buoni propositi. Messi nel cassetto bikini e infradito tornano in voga gli scaldapiedi e le serate in casa. Magari sul divano. Magari con la nuova stagione della vostra serie del cuore. O magari, anzi probabilmente, pronti per la vostra sessione di cibo in televisione.

In una mano una fetta di pizza, nell’altra a rotazione telecomando e smartphone twitterino, siete tutti in attesa di mangiare con gli occhi le nuove stagioni dei programmi di cucina.

Nessuna clamorosa new entry, almeno per ora, ma l’irriducibile della cucina da piccolo schermo avrà il suo bel da fare (e criticare) anche in autunno. Del resto, da che Bastianich ha smorzato i toni dell’insulto a suon di piatti volanti, siamo alla ricerca di un nuovo cattivo.

Ecco cosa sta per iniziare, ci risentiamo alla fine della stagione per dare i Telegastrogatti di Dissapore.

Antonino Cannavacciuolo e Gennaro Esposito

Masterchef in salsa napoletana

Le date non ci sono ancora, ma si dice che bisognerà aspettare sino al termine del 2015 (o anche gennaio 2016) per ricominciare con la saga di MasterChef arrivata al numero 5.

Dopo le polemiche dello scorso anno, con vincitori spoilerati e poi vituperati a gran voce, quest’anno si cerca di recuperare con l’esca partenopea. Infatti, nella versione classica entra Antonino Cannavacciuolo e in quella junior arriva (al posto di mamma Bastianich silurata) Gennaro Esposito.

Un carico vesuviano mica da ridere, con un Cannavacciuolo sempre più faccione da tv e un Esposito che potrebbe fare innamorare le mamme dei piccoli mostruosi talenti da fornello sotto il metro e 15.

Chef Rubio

Rubio e la nuova stagione di colesterolo a palla

Non ci fanno nemmeno riposare dopo le maratone estive da friggitoria palermitana, che si ricomincia subito con Unti e bisunti (primi due episodi trasmessi l’8 settembre alle 21,30 su DMax).

Chef Rubio, rigorosamente senza tovagliolo, parte alla volta dello street food di Spagna, Francia e Germania (ma poi anche di diverse regioni italiane, state sereni). Tutti pronti a seguire Rubio tra würstel, tapas e Camembert?

Hotel da incubo

Hotel da incubo

Ce lo aveva raccontato lui in persona qualche tempo fa, ora Antonello Colonna è pronto a fare la parte di Gordon Ramsay in Hotel da incubo, nel tentativo di risollevare le sorti dei poco accorti proprietari di alberghi, locande e bed & breakfast. Ovviamente sull’orlo del fallimento, ovviamente salvate dal supereroe romano, chef stellato e imprenditore.

Partirà in autunno su Deejay Tv, e dopo aver assistito a cucine sull’orlo di una crisi di nervi non vediamo l’ora di sbirciare nel dietro le quinte anche degli hotel. Speriamo che Colonna abbia la cattiveria di Ramsay e la gigioneria di Cannavacciuolo.

La prova del cuoco

Più Antonellina per tutti!

Zona comfort garantita per gli irriducibili della mancata cuoca e riuscita comica Antonella Clerici, tornata su Rai Uno il 7 settembre per darci la solita dose di populismo da cucina in salsa casereccia.

Stagione numero 16, riconferma della spalla Anna Moroni, e si vocifera che ci sarà un angolo dedicato alla pasticceria. Strafalcioni da dolci al cucchiaio in arrivo.

Il più grande pasticcere

Il più grande pasticciere

Caterina Balivo salpa verso altri lidi e il format (come in origine) non avrà conduttore, ma sarà sempre su Rai2 e somiglierà sempre più a un thriller, una guerra al massacro a suon di bavaresi e sfoglie.

Pasticceri che giudicano altri pasticceri, dessert malriusciti e soufflé che non si alzano: non siamo forse tutti sintonizzati in attesa di riconoscerci nel concorrente più bersagliato dalla sfiga culinaria?

Bake off Italia

Bake off (pure in versione junior)

Se siete di quelli che si sono crogiolati nell’odio silente per quei saputelli di Junior MasterChef alti un metro e uno sputo che sanno girare la frittata con colpi di polso che manco Ducasse, ora avrete una razione doppia.

Riprende in autunno su RealTime Bake off, la sfida tra pasticceri arbitrata dalla Parodi tutta frangetta e risolini.

Immaginatevela alle prese anche con i bambini, precisi come cioccolatieri svizzeri e spocchiosi come Iginio Massari a 7 anni. Evidentemente, e per ragioni che mi sfuggono, le versioni junior funzionano, e tra qualche anno non ci saranno più idraulici, ma solo laureati (in pasticceria).

Hell's kitchen

Hell’s Kitchen 2, intanto i casting

C’è ancora da aspettare, ma intanto il format in salsa italiana in onda su SkyUno cerca i talenti da maltrattare nella prossima edizione.

Chi è che non vorrebbe essere insultato e ridicolizzato da Mastro Cracco? Fatevi avanti.

Silvia Colloca

Dall’Australia, lezioni di Made in Italy

Tra Anthony Bourdain, Re dello street food e annessi, la Effe sembra diventato il canale di riferimento per i gastrofighetti con un debole per la tv. Si parla di cibo diverse ore al giorno, e se vi sintonizzate avete un’alta probabilità di restare incollati allo schermo per vedere che faccia farà il tale quando mangerà le cavallette al vapore in qualche angolo sperduto del mondo.

Nel frattempo dovrebbe partire a breve “Made in Italy”, il tv-blog di cucina di Silvia Colloca, la food blogger italo-australiana, Jamie Oliver in gonnella alla riscossa. Da vedere e massacrare, eventualmente.

[Foto: vicoequenseonline, Dmax, RealtimeTv, DailyTelegraph]