di Andrea Soban 20 Dicembre 2013
torroni limited editiion scaldaferro

Il meglio del torrone, con in più il filtro del desiderio, ecco la perfezione Scaldaferro. Prova d’assaggio, il test settimanale di Dissapore tra prodotti della stessa categoria, dopo aver confrontato i migliori torroni del supermercato vuole ricordarvi che esistiamo davvero, e che possiamo provarlo attraverso i sapori. Sì, anche con un torrone se il torrone è di Pietro Scaldaferro, artigiano in Dolo, Venezia. Di cui, apertis verbis, siamo maniaci conclamati.

E per rendere la rubrica ancora più memorabile, oggi vi presentiamo solo le limited edition 2013, quelle con cui ogni Natale l’erede di una tradizione familiare centenaria come Scaldaferro, completa la ricca offerta del suo torronificio. Sono delicati esempi di perfezione che ad alcune micro-produzioni di miele italiano uniscono la frutta secca. Tanto particolari da essere fatte solo nei giorni di luna crescente, non è uno scherzo, la ragione è che così aumenta il potere montante dell’albume. Le limited edition Scaldaferro sono nove, tutte numerate, tutte con zucchero integrale di canna e il 55% di frutta secca. Noi ne abbiamo testate 6.

— Packaging: torrone a fiocchi (non a stecca) posato in vaschette di plastica sigillate e inserite in una scatola di cartone ramata. Adesivo che specifica l’accoppiata miele-frutta secca con descrizione dell’abbinamento. Tutto molto elegante.
— Prezzo: 12 euro per 200 gr. Molto alto, certo.

Prodotto in Italia dal 1919 da Torronificio Scaldaferro sas di scaldaferro Marco, via Ca’ Tron 31 – 30031 Dolo (VE)


#6 Miele di CORIANDOLO e PISTACCHIO di Bronte


torrone scaldaferro miele coriandolo pistacchio brontescaldaferro miele coriandolo pistacchio bronte

ID: colore oro pallido e sapore leggermente piccante per il miele di coriandolo cui si aggiungono pistacchi siciliani di Bronte.

— Ingredienti : mandorle italiane 30%, pistacchi Bronte DOP 22%, miele italiano 35%, zucchero di canna, albume d’uovo, vaniglia in bacca
— Giudizio: il Veneto non è terra di torroni al pistacchio, bensì di mandorlato. Risultato: anche per un poeta del torrone come Scaldaferro misurarsi con le tradizioni altrui senza colpo ferire risulta un’impresa. Intendiamoci, il sapore dei pistacchi è magnifico, ma tra le limited edition Scaldaferro questa resta la più debole.
— Aspetto Visivo: colore più brumato del lotto, con il bel verde smeraldo del pistacchio in evidenza.
— Gusto: il meno equilibrato, la nota del miele di coriandolo è pungente di suo, eppure prevale il pistacchio.
 Produzione limitata n°: 1879
 In breve: poco quadrato.

VOTO:  8-


#5 Miele di ARANCIO e PEPE di Sechuan


miele arancio pepe sechuanmiele arancio pepe sechuan scaldaferro

ID: miele siciliano di colore giallo paglierino raccolto nella piana di Ribera e Catania, di odore intenso e fresco aroma di zagara. A fine cottura del torrone si unisce il pepe di Sechuan, bacca utilizzata in Asia come spezia. Non è un vero e proprio pepe in quanto si scartano i semi a favore dei gusci.
— Giudizio: molto diverso rispetto ai torroni a cui siamo abituati, ma singolare e alla fine convincente.
— Aspetto Visivo: dal torrone di color panna spuntano grosse mandorle chiare.
— Gusto: travolto dal pepe graffiante, il miele agrumato fa ciò che può per resistere, dando vita a un gusto completamente diverso e comunque intrigante
— Ingredienti : mandorle italiane 55%, miele italiano 35%, zucchero di canna, albume d’uovo, vaniglia in bacca
 Produzione limitata n°: 356
 In breve: stupefacente.

VOTO:  8


#4 Miele IODATO di Barena e Mandorle


miele iodato barena mandorlescaldaferro miele iodato barena

ID: miele tipico dei comuni prospicienti Venezia ricavato dalle api che si posano sul Limonium, arbusto selvatico le cui radici galleggiano nell’acqua salmastra. La Barena è la parte di terra che emerge all’interno della laguna quando scende la marea. Il miele così prodotto ha un colore opaco, giallo scuro, ricco di potassio e sali minerali con sentori iodati e leggermente amari, e viene abbinato alle mandorle pugliesi.

— Ingredienti: mandorle italiane 55%, miele italiano 35%, zucchero di canna, albume d’uovo, vaniglia in bacca
— Giudizio: troppo singolare il miele di barena per non essere chiaramente avvertito. Un piccolo handicap nei confrotni delle altre produzioni che si lasciano preferire.
— Aspetto Visivo: pasta dal colore chiaro da cui affiornano grosse mandorle chiare.
— Gusto: probabilmente il miele con più personalità impiegato da Scaldaferro, dal gusto totale che sopravanza le mandorle restando in bocca anche nel finale.
 Produzione limitata n°: 1661
 In breve: individualista.

VOTO:  8 e 1/2


#3 Miele di MANDORLO e mandorle siciliane


miele mandorlo mandorlescaldaferro mandorle miele mandorlo

ID: rarissimo miele del palermitano, dal colore molto chiaro, utilizzabile solo in stagioni di eccezionale di fioritura. A questo si aggiunge la mandorla siciliana della varietà Tuono, croccante e saporita, ottenendo così dalla stessa pianta i due ingredienti principali.

— Giudizio: perfetta essenza di mandorla, di stucchevole non c’è nemmeno l’ombra.
— Aspetto Visivo: pasta dal colore chiaro con grosse mandorle in evidenza.
— Gusto: profumi e sapori splendidamente definiti.
— Ingredienti: mandorle italiane 55%, miele italiano 35%, zucchero di canna, albume d’uovo, vaniglia in bacca
 Produzione limitata n°: 945
 In breve: classico

VOTO:  9-


#2 Miele di SULLA e Noci Lara


miele sulla noci larascaldaferro miele sulla noci lara

ID: il miele di Sulla è raro, di colore bianco, dal sapore acidulo, con profumi che rimandano al fieno appena tagliato. Fa coppia con le noci della varietà “Lara”, coltivate nel Polesine. Una delle limited edition più recenti.

— Ingredienti: noci Lara, miele italiano, zucchero di canna, mandorle, albume d’uovo, vaniglia in bacca
— Giudizio: difficile spiegare a chi non conosce le noci “Lara” quanta differenza esista con quelle tradizionali. Il gusto del torrone ne risulta alleggerito, ripulito da ogni nota eccessivamente melensa. Addirittura sartoriale l’abbinamento con il miele di Sulla.
— Aspetto Visivo: pasta dal colore più scuro che lascia scorgere pezzi di noce brumati.
— Gusto: leggero profumo di noce ma sapore fresco e stuzzicante, con finale riservato alla frutta secca.
 Produzione limitata n°: 1556
 In breve: sorprendente.

VOTO:  9


#1 Miele di CILIEGIO e Mandorle Pugliesi


miele ciliegio mandorle pugliesitorrone ciliegio mandorle scaldaferro

ID: miele di ciliegio, varietà “ferrovia”, raccolto nella zona di Bari. Il colore va dal rossiccio all’ambrato, con un pronunciato sapore di mandorla e aromi di ciliegia, raccolto in quantità assai variabile di anno in anno, a seconda del tempo. Abbinato alla mandorla pugliese pelata della varietà “Filippo Cea” dalla maschia persistenza in bocca.

— Ingredienti : mandorle italiane 55%, miele italiano 35%, zucchero di canna, albume d’uovo, vaniglia in bacca
— Giudizio: da manuale, equilibrato e rotondo con miele e mandorle che gareggiano a prendere il sopravvento senza mai davvero riuscirci. E’ il torrone da cui partire per mettere alla prova le limited edition.
— Aspetto Visivo: pasta bianca con grosse mandorle di colore chiaro.
— Gusto: di miele saporito con un corpo robusto e persistenze al punto giusto, ben mitigato da una mandorla di carattere.
 Produzione limitata n°: 141
 In breve: il migliore

VOTO:  9 +

torroni scaldaferro

Cose imparate da questa Prova d’assaggio.
La degustazione ha confermato l’inattaccabile primato di Scaldaferro (e della scuola veneta) in materia di torrone. E proprio il metodo di produzione a essere diverso, con sperimentazioni continue di piccoli lotti, ognuno con abbinamenti insoliti.

Già la gamma tradizionale Scaldaferro viaggia su livelli alti, ma se presa singolarmente, ciascuna di queste limited edition primeggerebbe in ogni degustazione. Questa verticale ci ha permesso di apprezzare ogni sfumatura delle singole combinazioni, armoniose e sempre ben architettate. Per chi può permettersi di spendere un po’ di più, torrone da comprare a scatola chiusa.