Il pane d’autore conquista Milano: le migliori botteghe e i prezzi

Mica facile mantenere alta l’attenzione sul pane che compriamo.

Per fortuna a Milano, dopo decenni di produzione industriale che ha levato sapori, odori e identità alla pagnotta, che l’ha precotta e surgelata, fioriscono botteghe che riabilitano il pane d’autore, riscattato finalmente dalle lavorazioni lampo o dall’abuso del lievito di birra.

[Baking Bread, come il pane può cambiarti la vita: Il buonappetito]

Quali sono le migliori? Valerio Visintin, critico mascherato del Corriere della Sera, ne ha scelte tre per ViviMilano, inserto del quotidiano meneghino.

Scopriamo quali sono.

1. Forno Collettivo

via Lecco, 15 – zona Porta Venezia, tel. 02 21067364

Secondo Visintin il pane di Forno Collettivo “è buonissimo”, ma bisogna darsi da fare perché, proprio perché tale, dopo le 15 non si trova più. Dovesse capitarvi, ricordate che potete anche prenotarlo.

Già, ma quale? Segnatevi i nomi, che sono particolari: s41 è la pagnotta entry level, come dicono a Milano. A lunga lievitazione, viene impastata con farine di grani antichi e costa 6 euro per 800 grammi.

Discovery invece, è una vera scoperta, perché l’impasto cambia ogni settimana. In media costa 6 euro per mezzo chilo.

[Pane e ristoranti: 20 cestini tra i migliori d’Italia]

Aperto dal 30 agosto, Forno Collettivo è la creatura più recente di Davide Martelli e Alessandro Longhin, il duo a cui si deve l’apertura di The Botanical Club, micro distilleria di gin e cocktail bar come Idéal, e poi Champagne Socialist, wine bar dedicato ai vini naturali.

Se ci andate a colazione fiondatevi su Babka, una nuvola di lievitato proveniente dalla tradizione ebraico-newyorkese.

2. Panificio Davide Longoni

via Tiraboschi, 19 – zona Porta Romana, tel. 02 91638069

Lievitazioni naturali e grani antichi sono il mantra di Davide Longoni, applicato a una sorprendente varietà di pani: con olive, alle noci, all’uvetta. Il rovescio della medaglia sono i prezzi, che nel caso dei pani speciali possono arrivare a 12 euro. Ma toglietevi lo sfizio almeno una volta.

Altri pani da provare sono quelli di segale e farro, se vi piacciono, nati da farine coltivate in proprio a Chiaravalle.

3. Cannata Sicilian Bakery

corso Indipendenza, 5 – zona Città Studi, tel. 02 7380400

Tommaso Cannata da Messina, nel suo ruolo di asso della panificazione nazionale, ci mette la firma. Dal primo agosto ha portato a Milano i grani antichi siciliani: tumminia, farro lungo detto perciasacchi, russello, biancolila e formati di diverse pezzature per accontentare tutte le esigenze.

Ma la panetteria è multifunzionale (anche questo lo dicono a Milano): colazione con granita e brioscia splendidamente lievitata, focaccia messinese morbida e fragrante, merenda con il “Pitone“, il classico street food messinese, e cena a base di arancini fatti con riso catanese.

[Scaccia, pitone, pizzolo e altre pizze: in Sicilia si mangia diverso]

Chiaramente anche i pani speciali parlano siciliano: mandorle, olive, capperi e pomodori secchi sono i più richiesti.

[Crediti | Corriere della Sera]

Anna Silveri

5 novembre 2018

commenti (8)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. William D'alonzo ha detto:

    In alcuni giorni di vacanza a Milano, sono andato tre volte da Forno Collettivo (pranzo, cena e colazione). Non ho nulla da eccepire, perchè secondo me funziona su tutta la linea. Croissant ‘di’ pasta acida e babka da urlo, vini in mescita e piatti (vegetariani per me) davvero azzeccati. Il pane è molto, molto buono. I ragazzi sono cordiali, gentili e simpatici.
    Longoni è una garanzia, ma a piccole dosi, lol.
    Ci sono anche altri micropanifici in città che meritano attenzione e approfondimento.

  2. Alessandra ha detto:

    Secondo me ne manca una, “Le Polveri”! Aurora su questa lista ci sta tutta! 🙂

    1. PAOLO ha detto:

      Concordo sulle Polveri. E poi mancano il Panificio Italiano al mercato in darsena e Pavè.

  3. Barmay ha detto:

    Qua manca il panificio Locatelli davanti al teatro Arcimboldi!!!!! Tutto naturale e bio con sapori squisiti. Il mio preferito

    1. katia ha detto:

      Un prezzo davvero esagerato, sono d’accordo. Anche se ci sono panifici mediocri (l’80% a Milano lo sono) che fanno prezzi comunque assurdi.
      Ma la qualità non può giustificare un prezzo del genere.

«