di Andrea Soban 16 Gennaio 2013

Gli dai un dito e si prende il braccio Giovanni Rana, certo, proprio quel Giovanni Rana, e ora apre ristoranti “da Giovanni” come fossero funghi nel ripieno dei suoi famigerati cappelletti. Del resto il fast food della pasta non poteva che essere nostrano, ma che abbia successo è un altro paio di maniche, servi una tagliatella scotta a un italiano poi vedi.

Si mangia al costo di buono pasto o giù di lì (da 8,90€ a 10,90€), scegliendo dal menu (anche in versione baby) un piatto di pasta generoso, un dolce e una bottiglietta d’acqua (le bevande americane costano di più). Tanta sostanza, le chiacchiere stanno a zero.

ristorante da giovanni rana menuristorante da giovanni rana retrobanco

Unica variante concessa la pizza, a tranci, con funzione spezzafame tra il pranzo e la cena. Alle spalle del personale, nei ristoranti piacevoli e pulitissimi, le mega lavagne insistono sui diversi tipi di pasta e sui sughi, che per il bel faccione di Giovanni Rana che dall’alto di una gigantografia sorride benedicente, rappresentano un fatturato di 300 milioni e uno stabilimento americano da 65 milioni nuovo di zecca, tutto in euro. Sono buoni? Non sono per niente malvagi, ecco.

giovanni rana gigantografiaristorante da giovanni rana lampadariristorante da giovanni rana bancone

Fast food della pasta, dicevamo semplificando, e dunque vassoio in legno da portarsi al tavolo con intagli per le posate e tovagliette di carta. Oltre le casse si apre la cucina che definire a vista non è esatto –è proprio lì–, dove il cuoco, ricevuta la comanda, preleva da uno dei tanti cestelli all’interno del bollitore la quantità di pasta necessaria (o pesa gli gnocchi da cucinare), condita poi sopra le piastre a induzione. Un sistema di lavoro molto rapido e bene organizzato.

ristorante da giovanni rana tagliatelle al raguristorante da giovanni rana gnocchi gratinati

Il menu del ristorante “Da Giovanni” di Verona, aperto nel centro commerciale Corti Venete, prevede a 5,90 € l’uno: tagliatelle al ragù, ravioli al brasato, cappelletti con sugo di panna e prosciutto, gnocchetti alla crema di caprino; a 6,90 € l’uno: gnocchi ripieni di gorgonzola gratinati con sugo di funghi e speck, tortellini alla carne e il piatto del giorno, paccheri alla pescatora. Più cari (9€ l’uno) i ravioli al radicchio con ragù bianco di vitello e le tagliatelle ai funghi. Tra i dolci: tartufata con amarene, crostata di frutti di bosco, tiramisù, torta di ricotta, torta della nonna e macedonia.

Alla resa dei conti, soprattutto i conti di Giovanni Rana, il risultato è ottimo: ristorante pieno e clienti soddisfatti. Si mangia mediamente meglio del bar o take away o fast food sotto l’ufficio, ma discretamente peggio rispetto a una buona trattoria. Ma i tempi di digestione sono paragonabili.

ristorante da giovanni rana tartufataristorante da giovanni rana esterno

In definitiva, omologazione del gusto o ineccepibile (quasi, il fritto grida ancora vendetta) alternativa alla ristorazione da pausa pranzo con menu e prezzi popolari? Più la seconda della prima, a meno che, quelli che ci sono stati, vogliano smentirmi.

P.S. Questa invece è la versione americana.

[Crediti | Link Dissapore. Immagini: Andrea Soban e Shopsandthecity]