di Manuela 24 Aprile 2020
bar

Un bar a Caorle, provincia di Venezia, applica delle barriere parafiato sul bancone per proteggere clienti e dipendenti dal Coronavirus in vista della Fase 2. A fare da apripista a questo sistema è Massimo Zane, titolare del bar The Klondike di Caorle: pare che l’idea sia piaciuta così tanto che ha ricevuto richieste da tutta Italia.

In vista della futura riapertura, Massimo Zane ha deciso di fare qualcosa di pratico per proteggere effettivamente la salute di tutti. Così ha deciso di applicare delle barriere parafiato. In realtà l’idea è venuta in mente all’amico e imprenditore Marco Guglielmi, il quale ha messo insieme dei componenti modulari e ha realizzato questi pannelli parafiato trasparenti.

Questi pannelli sono adattabili a qualsiasi bancone o attività. Un muro fra barista e cliente? Assolutamente no: Zane spiega che è tutto trasparente in modo da unire, non dividere. Bisogna garantire in primo luogo la sicurezza di clienti e dipendenti: l’iniziale sconcerto e disagio ben presto verrà superato nell’ottica di una maggior tutela della salute di tutti.

Diciamo che in molte farmacie sin dall’inizio dell’epidemia da Covid-19 erano stati installati pannelli simili. E adesso stanno piano piano venendo montati anche alle casse di parecchi supermercati. Inoltre questi pannelli ricordano un po’ quelli in plexiglass che vengono proposti per i tavoli dei ristoranti o anche per gli ombrelloni in spiaggia.

Questo il post su Facebook dove, tramite un video, il The Klondike Caffè mostra come funzionano le nuove barriere:

IL THE KLONDIKE HA' GIA' INSTALLATO DIVISORI PARAFIATO DA BANCO MODULARI ANCHE IN DIVERSI COLORI PER INFO 🔴3294443375 MASSIMO UNA SOLUZIONE SICURA,ELEGANTE E A BASSO COSTO|NON VEDO L'ORA DI RIAPRIRE E VEDERVI TUTTI….NATURALMENTE CON LE NUOVE MISURE DI SICUREZZA DOVUTE 👈●PREMETTO CHE NON SONO OBBLIGATORI MA LI HO MESSI NEL BUON SENSO

Gepostet von Massimo Zane Klondike am Mittwoch, 22. April 2020