di Valentina Dirindin 20 Maggio 2021
vaccini burger king

Burger King ha aperto il suo primo hub vaccinale a Milano, nel suo punto vendita di viale Tibaldi 11. un format che, dicono dall’azienda, nasce per essere replicato in altri ristoranti in Italia, e per dare un contributo alla campagna di vaccinazioni anti Covid.

Contributo che Burger King aveva già dimostrato di voler dare con la campagna ‘Torniamo Concorrenti’, con cui l’azienda di fast food si era impegnata a vaccinare i suoi 4000 dipendenti, e contemporaneamente offrire il vaccino anche a 4000 piccoli ristoratori italiani.

“Essendo molto piccolo e ‘agile’, questo format rappresenta un esempio di come la vaccinazione possa, nel prossimo futuro, rappresentare la regola e non l’eccezione nel contesto cittadino, rendendola accessibile a tutti in maniera facile e agevole”, ha dichiarato Alessandro Lazzaroni, ad di Burger King Restaurants Italia.

E il contributo delle aziende private, in questa campagna vaccinale italiana, pare poter davvero essere importante, come dimostra anche la trasformazione degli spazi dell’headquarter torinese di Lavazza in un gigantesco hub per i vaccini. “La validazione del format di Hub Vaccinale è avvenuta alla presenza del professor Roberto Burioni, medico virologo di fama e Direttore scientifico di Medical Facts, che ha visitato il ristorante di Milano Tibaldi e confermato il suo pieno supporto all’iniziativa”, ha fatto sapere Burger King in una nota.

[Fonte: Ansa]