di Anna Silveri 17 Settembre 2018

Caca Cola è in trattativa con Aurora, azienda specializzata nella produzione e vendita di prodotti a base di marijuana, per realizzare bevande contenenti infuso di cannabis, ha riferito l’agenzia stampa Reuters.

Le due società intenderebbero sviluppare bevande che abbiano la capacità di alleviare dolori, infiammazioni o crampi.

Al pari di altre aziende del suo settore, Coca Cola segue l’evoluzione del CBD (Cannabidiolo) ––il cannabinoide non psicoattivo della marijuana con un ampio spettro di applicazioni terapeutiche–– come ingrediente di bevande funzionali al benessere.

[Cosa ci fa la marijuana in vendita da Lidl?]

Anche Aurora ha confermato l’intenzione di entrare in un mercato che gli analisti finanziari giudicano molto promettente.

La notizia non ancora confermata della collaborazione per realizzare prodotti correlati alla cannabis ––una prima assoluta per Coca Cola–– arriva nel periodo in cui diversi stati americani si apprestano a legalizzare l’impiego di marijuana per uso ricreativo, mentre il Canada, il paese in cui opera Aurora, lo farà il mese prossimo.

All’inizio dell’anno Coors Canada, uno dei maggiori produttori di birra al mondo, aveva annunciato la partnership con Hydropothecary Corp.

[Bevande alla marijuana: Coors, il gigante della birra, fa la prima mossa]

Stessa cosa per Corona, che ha investito 4 miliardi di dollari nell’azienda Canopy Growt. Tutti attivissimi sul fronte delle bevande a base di cannabis.

[Cresditi | Reuters]