di Manuela 18 Marzo 2020
Nonno Nanni

Dopo il Consorzio Grana Padano, Lavazza e i consorzi dei vini piemontesi, anche Nonno Nanni ha deciso di partecipare alla gara di solidarietà per il Coronavirus e dona 150mila euro. Più precisamente, questi soldi saranno devoluti interamente al Veneto e permetteranno di acquistare respiratori e altre attrezzature mediche necessarie e indispensabili per fronteggiare l’emergenza da Covid-19 in corso.

La famiglia Lazzarin, titolare dell’azienda veneta situata a Giavera del Montello, ha deciso di proseguire in tal senso il suo tradizionale e consueto impegno nel sociale e nella solidarietà (l’azienda si è sempre dimostrata attenta e attiva nel sostegno di associazioni che si occupano di queste tematiche). Grazie anche a questa donazione, si potranno così potenziare i reparti di terapia intensiva nel Veneto, quelli messi a dura prova insieme ai Pronto Soccorso.

Nonno Nanni ha deciso di agire nel settore locale della sanità anche perché il Veneto, così come la Lombardia, è una delle regioni più colpite dal Sars-Cov-2. Nonno Nanni con questa donazione vuole contribuire alla lotta contro il Coronavirus, cercando di supportare e aiutare a modo suo gli ospedali e la sanità, al limite del collasso per la carenza di posti letti e di respiratori in terapia intensiva e rianimazione.