di Manuela 22 Dicembre 2020
pernigotti

Arrivano ottime notizie dalla Pernigotti: pare che dal 2021, con i nuovi piani aziendali, la linea creme ritornerà a Novi Ligure dalla Turchia. Il piano presentato circa un anno fa, infatti, indica chiaramente che la linea di produzione delle creme spalmabili debba tornare in Italia, dopo essere stata spostata anni fa in Turchia dal gruppo Toksoz.

Già nel 2019, anche se a fatica, lo stabilimento di viale della Rimembranza era ripartito con la produzione di cioccolato e preparati per gelati. Poi nell’autunno del 2019 era stato presentato il nuovo piano industriale a seguito della cessione del comparto gelati alla Optima di Rimini.

Con i soldi ricavati, la proprietà ha scelto di non chiudere la fabbrica e neanche di cedere la produzione a terzi, così come pensava di fare a fine 2018. Grazie alle proteste dei lavoratori e dei sindacati, adesso, finalmente la produzione delle creme spalmabili dovrebbe tornare in Italia.

Attualmente gli stagionali hanno finito il loro lavoro, quindi nell’azienda sono rimasti solamente i circa 60 dipendenti. Ora attendono che i macchinari vengano ottimizzati e venga fatta manutenzione, tutto aspettando che la linea di produzione della crema al gianduja, al cremino, alla nocciola e al gianduja nero faccia finalmente ritorno dalla Turchia. Inoltre bisognerà anche sostituire i vecchi macchinari usati per praline, torrone, cioccolato con nocciole e snack, ormai troppo vetusti.

1