di Manuela 13 Maggio 2020
pizza

Succede a Pesaro dove due pizzaioli bevono birra e chiacchierano dopo il turno fuori dalla pizzeria: sono stati multati. Tutto è accaduto venerdì sera in via Torricelli. Ci troviamo nella pizzeria “Dal Paz”: qui il titolare Andrea Pazzaglia e altri due pizzaioli hanno preparato pizza da consegnare a domicilio o da asporto, come previsto dall’ultimo Dpcm. Fin qui tutto normale.

Finito il turno di lavoro, però, i due pizzaioli si concedono una sigaretta, una birra e parlano un po’ fuori dal locale prima di salutarsi. Ed è qui che entra in scena un intransigente agente di polizia che, interpretando a modo suo il Dpcm, ha comminato a entrambi una multa da 400 euro. Secondo il poliziotto, infatti, i due non potevano stare lì a bere e salutarsi, anche se lavoravano proprio in quel locale.

Al titolare della pizzeria la vicenda non è piaciuta proprio per niente e ha deciso di scrivere subito una protesta al sindaco Matteo Ricci. Andrea Pazzaglia ha ribadito che in certe circostanze sarebbe necessario usare un po’ di buon senso. I due non erano né sconosciuti, né clienti che stavano mangiando fuori dalla pizzeria (cosa vietata): erano due dipendenti che dopo aver chiuso il locale si sono attardati per dieci minuti appoggiandosi ai tavolini fuori.

Non era neanche un assembramento perché erano solo in due che, fra l’altro, sono anche rimasti alla prevista distanza di sicurezza. Di storie di vigili e poliziotti che interpretano il Dpcm a modo loro siamo pieni. Un esempio? A Olbia un uomo che stava facendo beneficenza portando la spesa a casa di una famiglia bisognosa è stato multato perché secondo la polizia non aveva un buon motivo per essere fuori casa.