Pesce: l’abbiamo sempre mangiato nella stagione sbagliata

Pesce: l'abbiamo sempre mangiato nella stagione sbagliata. Non è l'estate il periodo, ma l'inverno quando le prelibatezze aumentano

Diamine, come siamo progettati male. Se esiste un Dio, quando ha dato forma all’uomo evidentemente era distratto da qualcosa (forse stava scorrendo il proprio profilo Instagram).

Il fatto è che se seguiamo la nostra “natura” –ammesso che significhi qualcosa– facciamo parecchie fesserie.

Non siamo naturalmente altruisti, siamo tendenzialmente pigri (parlo per molti di noi, compreso il sottoscritto), siamo attratti dalle cose proibite (questo nella Bibbia c’è, da qualche parte) compresi i cibi meno salubri.

E soprattutto, vengo al dunque, ci viene voglia di mangiare pesce nel periodo sbagliato. Cioè: in estate.

[Le stagioni del pesce: cosa comprare e in quale periodo dell’anno]

[Pesce: 10 miti da sfatare]

[Il solito pesce]

L’immagine dell’estate di tutti noi golosi è: spiaggia, bicchier di vino, spaghetti con le vongole e fritto misto. Benissimo. Bravissimi.

Invece in inverno col freddo di cosa ci viene “naturalmente” voglia?

Bolliti, bistecche, brodi, tortellini, cotechino. È gennaio, fa freddo, ti sorge un desiderio irrefrenabile di guazzetto di acciughe? Mai.

Male! Malissimo!

A gennaio, per parlare del qui è ora, il mare nostrum è colmo di prelibatezze. Volete l’elenco?

Eccolo: nasello, sardina, sogliola, spigola, triglia, alice, calamaretto, cefalo, cernia, dentice, panocchia, pesce di San Pietro, polpo, ricciola, rombo, sarago, scorfano, seppia, sgombro.

Dunque, almeno una volta la settimana lasciate chetare il vostro macellaio di fiducia e andate in pescheria. Quindi fatevi una bella insalata di polpo, una zuppa, una sarda arrosto e siete felici. E magari ci bevete sopra una bottiglia di bianco.

Siete abituati a stapparla solo in estate? Certo: siamo progettati male, l’avevo detto, no?

Luca Iaccarino Luca Iaccarino

11 Gennaio 2019

commenti (2)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Orval87 ha detto:

    Pensavo che la “gente di un certo livello” (citando Guastardo 😀 ) che frequenta questi lidi mangiasse meglio di quel che sembra….io lo mangio tutto l’anno regolarmente, un paio di volte a settimana di media, sono così strano?

  2. Avatar danyb ha detto:

    Credo che coloro che vivono in campagna o lontano dai centri abitati, siano più portati a consumare meno pesce. Ovviamente dipende sempre in che aree geografiche italiane ci si trova.
    Quelle poche volte che ci si concede del pesce sarà surgelato. Aldilà del servizio pescheria che propongono i supermercati, mi domando da sempre: così come trovo tradizionali macellerie, perché non posso trovare una bella pescheria?.