di Chiara Cavalleris 8 Gennaio 2018

Mezzo milione di visitatori e 8,5 milioni di incasso: questi i numeri di FICO Eataly Word dal 15 dicembre, data della sua apertura, al 31 dicembre 2017.

Sette settimane di lavoro intenso per una chiusura d’anno piuttosto felice.

[Guida a Fico Eataly World: mappa, informazioni pratiche, come arrivare]

Oscar Farinetti ha fatto il punto della situazione al Dissapore Café, il nostro spazio all’interno di FICO, smentendo pronostici fallimentari e auspicando afflussi maggiori per il 2018, specie in vista della bella stagione.

In fondo, un “parco divertimenti” basato sulla filiera agroalimentare non può che dare il meglio in primavera e in estate.

50 milioni è il fatturato annuale che il mastodontico parco bolognese deve raggiungere per la gioia di tutti, dagli addetti alla farcitura dei cannoli siciliani ai cinque veterinari dedicati che seguono i duecento animali che vivono a FICO. Un traguardo ambizioso.

[FICO Eataly Word: pregi e difetti di un bel lavoro]

A proposito, la domanda è sempre nell’aria: cos’è FICO? Farinetti precisa: “Per ora è vissuto come un parco divertimenti” l’aspetto del centro commerciale funziona meno. “Certo, vorrei che si comprasse di più, ma da una certa parte è meglio così”.