hamburger, gourmet, torino,

Scusa se esiste Milano, uno potrebbe commentare leggendo la Stampa che attribuisce d’imperio a Torino il miracolo di aver trasformato l’hamburger da “simbolo del ‘fast’ in un piatto slow”. Sì, certo, tra le 10 amburgherie da mettere nella classifica dell’hamburger gourmet compilata insieme ai nostri lettori gli indirizzi torinesi sono un paio (Burgheria e M*Bun), ma cosa dire di Milano che in quella lista ne conta quattro più uno in provincia? (Al Mercato, Denzel, Ham Holy, Trussardi alla Scala più il ristorante macelleria Motta).

A prescindere dal campanile, questi sono gli indirizzi segnalati dal quotidiano per la svizzera imperdibile.

1. Ruràl, in corso Verona. Ristorante stellato che farcisce il panino con carne di fassone e maiale (pochissimo, però) crema di funghi, maionese e raschera fresco. Tutto completato con un uovo al padellino. Alla faccia del dietologo.

2. Burgheria, in via del Carmine o in via delle Rosine.

3. Qualeaty, in via Bava tra corso San Maurizio e piazza Vittorio. Due stanze con cucina ma hamburgerismo esagerato: fassone, cottura personalizzata, toma di Roccaverano e finocchio fresco.

Smentite? Approvate? Commentate? [La Stampa]

commenti (5)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar dink ha detto:

    Visto che non è nell’elenco presente né nella classifica precedente mi limito a segnalare l’hamburger di fassona assaggiato al birrificio pub B63 ad Aosta, eccellente sia come sapore che come texture, ottime anche le birre.

  2. Avatar Mauro ha detto:

    Forse Torino è la capitale dell’hamburger ITALIANO, scusate il caps lock, ma era doveroso sottolinearlo

    Se invece intendiamo l’hamburger gourmet o slow, forse meglio dire solo gourmet perché a slow associo Slow Food (quindi filiera corta, attenzione ai piccoli produttori, alle culture e alle tradizioni locali, ecc…) penso Milano abbia una scelta più ampia, oltre a quelli citati ricordo 202 grill, davvero eccellente, ma è un hamburger US style e il Love Eat di Castellanza

  3. Avatar Titty ha detto:

    Segnalo anche Lupo Bistronomia a Milano.
    Giusto ieri ho provato, a pranzo, l’hamburger: ottimo.

  4. Avatar Max ha detto:

    Sfatiamo va,
    Fassina e Fassona non esistono,
    esiste il Fassone, termine usato per indicare non una razza ma una tipologia di bovino (quasi sempre di razza Piemontese) che sviluppa fasce muscolari particolarmente imponenti…