Nas e Striscia la Notizia contro le texturas di Ferran Adrià

Concomitanza curiosa tra la fine della stagione televisiva di Striscia la Notizia—stasera l’ultima puntata—e l’operazione “Voli Pindarici”, che come raccontavamo, ha portato i carabinieri del NAS in un centinaio di ristoranti italiani per sequestrate “600 confezioni contenenti additivi chimici” indicati in etichetta come prodotti alimentari. Altre irregolarità riguardavano la mancanza della data di scadenza e […]

I Nas a Striscia la NotiziaConcomitanza curiosa tra la fine della stagione televisiva di Striscia la Notizia—stasera l’ultima puntata—e l’operazione “Voli Pindarici”, che come raccontavamo, ha portato i carabinieri del NAS in un centinaio di ristoranti italiani per sequestrate “600 confezioni contenenti additivi chimici” indicati in etichetta come prodotti alimentari. Altre irregolarità riguardavano la mancanza della data di scadenza e della traduzione in italiano degli ingredienti.

Detto che intervistare una persona o mettergli in bocca delle dichiarazioni, come ha fatto ieri sera l’inviato di Striscia la Notizia, Max Laudadio, sono campionati diversi, il sequestro “a titolo cautelativo” degli additivi, tra questi le Texturas del celebre cuoco Ferran Adrià, riattiva la resa dei conti tra tifosi della cucina molecolare e hooligan della tradizione, che negli ultimi mesi ha infestato la discussione sulla cucina italiana. Con il rischio concreto di capire sempre meno malgrado i tentatvivi fatti (anche da noi) per spiegare come stanno le cose.

etichette Ferran Adrià nas striscia la notizia
Potrebbe interessarti anche