di Massimo Bernardi 4 Marzo 2010

Qualcosa ci diceva che la partecipazione dello chef piùbellochebravo Simone Rugiati all’Isola dei Famosi servisse zerovirgola alla cucina italiana. Altra cosa è consegnare ai posteri l’immagine di un cuoco buono al massimo per le discariche televisive del pomeriggio. Non solo, con la perspicacia di un angolo ottuso, si è messo contro Aldo Busi, cui non perdoneremo mai di essere “colui che ci costringe a vedere L’Isola”, come ha scritto Antonio Dipollina su Repubblica. Ma eliminazione dall’Isola a parte, e per primo, il cuochetto dalle due espressioni, la 1 e la 2 (che poi sempre quella è) oggi è accusato pure di tentato avvelenamento. Avrebbe cucinato fagioli in modo inappropriato, mandando all’ospedale (quello vero) tre colleghi di sVentura in preda agli effetti di un’intossicazione alimentare. Capito lo sciòscef?

Simone Rugiati prima espressione Simone Rugiati seconda espressione

“Ogni scarrafone…”, macché, perfino la mamma, simpatica ma colpevole di avere istillato nel figlio il trasporto per la cucina, lo ha ricusato. Guardate il video e capirete che pure lei tifava per Busi.

Le squinzie che a frotte tubano con il cuochetto nei socialcosi e su feisbùk, permettono una domanda? Ora che avete visto che tipo è questo Simone Rugiati, siete ancora convinte che prendervelo in casa – uno così – anche solo per cucinare eh, sia questo grande affare?