Avocado: 5 errori da non fare

Dell’avocado sappiamo molto: che fa bene, che è ricco di acidi grassi Omega 3, amici del cuore, che non manca praticamente mai sulle nostre tavole, che il mondo ne va pazzo, che nascono avocaderie e locali a tema con una frequenza preoccupante.

Sappiamo pure che la domanda è talmente cresciuta da creare diversi problemi ai Paesi produttori, dove quasi tutti i terreni sono stati riconvertiti alla sua coltivazione.

[Ricette: l’avocado toast più buono che c’è]

Ma non c’è altro da sapere sull’avocado? Sì, e parecchio, tanto che oggi il frutto esotico è il protagonista della serie sui “5 errori da non fare” di Dissapore.

1) Lasciare che la polpa si ossidi

L’avocado ossidato è sì commestibile, ma certo non appetitoso. La polpa inizia a ossidarsi non appena viene esposta all’aria, e come si fa allora se non lo mangiate tutto?

La pellicola da cucina è di grande aiuto per conservare più a lungo l’avocado avanzato. Coprite il frutto con la pellicola e mettetelo in frigo. Se il giorno dopo l’avocado diventa di colore più scuro, basterà rimuovere la pellicola per ritrovare il colore verde e la freschezza.

Altra possibilità, un po’ più laboriosa: è importante mantenere il seme insieme al frutto avanzato. Tagliate un quarto di cipolla in pezzi grandi e disponeteli sul fondo di un recipiente ermetico. Sistemate la parte di avocado che volete conservare con l’osso rivolto verso l’alto. Chiudete il recipiente e conservatelo in frigo.

[Il prezzo degli avocado è così cresciuto che il Messico è costretto a importarli]

Perché funziona? Perché i vapori della cipolla aiutano a mantenere il colore verde e la freschezza dell’avocado. Vi sento, state dicendo che così però anche il sapore del frutto verrà alterato dalla cipolla. Invece no, visto che la sola parte di avocado a contatto con la cipolla è la buccia, che chiaramente toglierete.

2) Metterlo in frigo ancora acerbo

Non compriamo sempre l’avocado perfettamente maturo, anzi, il più delle volte è duro come un sasso ancora acerbo. Però metterlo in frigo sperando che maturi con il passare delle ore è un errore.

L’avocado non prosegue la sua maturazione in frigo, o non lo fa come dovrebbe, diventando solo scuro e molliccio, ma non maturo.

Se volete farlo maturare, lasciatelo a temperatura ambiente, magari chiuso in un sacchetto del pane assieme a una mela, che sviluppa etilene, e centrerete l’obiettivo.

3) Sbucciarlo con il coltello

No, l’avocado col coltello proprio no.

Evitate, se non volete rischiare di finire dritti al pronto soccorso con un coltello piantato nel palmo della mano, evento meno infrequente di quanto possiate pensare, specie voialtri virtuosi di lame e coltelli da cucina.

Per pelare l’avocado tagliatelo in due verticalmente, girando attorno al nocciolo, poi fate girare le due metà attorno al nocciolo stesso e staccatele con un colpo netto.

[Come tagliare un avocado senza finire all’ospedale]

Dopo aver tolto il nocciolo alla metà cui è rimasto attaccato, estraete con delicatezza la polpa inserendo un cucchiaio o un cucchiaino tra buccia e polpa. Il gioco è fatto. E senza rischi per le mani.

4) Tagliarlo e servirlo

È vero: l’avocado è buono anche tagliato e servito. Ma non mancano altri modi –molto appetitosi– di mangiarlo. Alla griglia, non troppo maturo altrimenti si disfa, sbucciato e tagliato a fette spesse mezzo centimetro nel senso della lunghezza. Conditele con il succo di mezzo limone, un cucchiaino di olio, fior di sale e pepe macinato, poi cuocetele massimo 2 minuti per lato sulla griglia calda.

Volete darvi all’avocado fries, ricetta curiosa e molto amata dagli americani? Immergete le fette prima nella farina poi nell’uovo battuto, e concedetevi un tocco di esotismo con il Panko, il pan grattato alla giapponese che aggiunge altra croccantezza. Non ne avete mai sentito parlare? Ma guardate che farlo è un gioco da ragazzi.

5) Abusarne

Okay, l’avocado è buono e fa bene. Ma è anche un frutto calorico. E non poco.

Un etto contiene circa 160 calorie, mentre un frutto intero può superare le 300 calorie. Non proprio un toccasana, e mica solo per chi ha problemi di girovita, anche per chi soffre di insufficienza renale, a causa dell’alto contenuto di potassio.

Sapersi moderare è una virtù, anche con l’avocado (beato chi ci riesce).

Anna Silveri

24 Febbraio 2018

commenti (4)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. ROSGALUS ha detto:

    Pregi e virtu’ messi in chiaro in modo semplice ed utile.

  2. ovoallacoque ha detto:

    Ma come fate ad innamorarvi di questa cosa? Ma davvero, al netto delle giugulatorie modaiole, sto frutto vi piace?? Non sa di niente, ha una polpa dalla consistenza flaccida e farinosa, sfugge tra le dita per via di una pellicola untuosa che lo avvolge, s’attacca al seme centrale che pare di cemento… Però vuoi mettere quanto fa figo servirlo in insalata con quel sopracciglio all’insù di superiorità cul in aria che manco Cracco…

    1. Cocc1 ha detto:

      Ciao il tuo ragionamento è condivisibile, d’altra parte non avrai avuto la fortuna di mangiarne uno in loco ma ti posso assicurare che ha un proprio sapore. Io lo mangio da quando sono nato negli anni 80 quindi non a seguito dell’ultima moda e sì francamente era meglio prima, meno Cracchi, più avocadi.

    2. Sticazzi ha detto:

      Boh, a me è sempre piaciuto tantissimo. Certo, non quello di plastica del supermercato, ma anche qui se ne trovano di buoni nei negozi alimentari asiatici o sudamericani.
      Non lo si deve martoriare e il suo gusto delicato va rispettato (che senso ha un avocado toast con pane di segale? sa solo di segale) ma con i giusti accostamenti è fantastico.

«