Biscotti da inzuppo, la ricetta con e senza ammoniaca

La ricetta dei biscotti da inzuppo, il dolce classico per la colazione all'italiana, da preparare e conservare per oltre tre settimane.

Biscotti da inzuppo, la ricetta con e senza ammoniaca

I biscotti da inzuppo sono dei biscottoni, simili nella forma ai Savoiardi, che hanno una consistenza croccante, sia all’interno che all’esterno e che sono molto ben lievitati: all’interno infatti ci sono molti piccoli alveoli “cristallizzati” che fanno sì che il latte, il tè o il caffè in cui sono immersi penetrino per bene e li ammorbidiscano all’istante. Il loro sapore non è particolarmente forte, perché traggono sapore dalla bevanda in cui sono inzuppati, dunque vanno profumati delicatamente con un po’ di scorza di limone o, al massimo, con la punta di un cucchiaino di semi di vaniglia.

L’ammoniaca è un lievito che produce, durante la lievitazione e durante la cottura, ammoniaca e anidride carbonica, che vengono completamente volatilizzati e di cui non rimane traccia nei biscotti. Tuttavia, una volta cotti, il forno odora particolarmente di ammoniaca, e questo potrebbe non essere piacevole. Nella nostra ricetta abbiamo usato poca ammoniaca (meno di metà rispetto alla dose raccomandata per 500 gr di farina), e questo darà vita a dei biscotti leggermente meno voluminosi ma con un odore decisamente meno forte. Se sostituite l’ammoniaca con il normale lievito per dolci (acido tartarico) sappiate che il risultato sarà molto meno interessante per l’inzuppo, ma comunque molto buono; otterrete dei biscotti abbastanza simili ai frollini, croccanti all’esterno e un po’ più compatti all’interno. Per 500 grammi di farina la dose ottimale è una bustina di lievito per dolci (16 gr).

L’uso dell’ammoniaca per i dolci è semplicissimo, basta seguire le istruzioni sulla bustina (a volte si può aggiungere direttamente all’impasto, altre invece bisogna prima scioglierla in un liquido, in questo caso vi consigliamo nel latte). L’unica accortezza davvero importante da usare è quella di distanziare bene i biscotti sulla teglia da forno perché l’ammoniaca farà gonfiare i biscotti più di quello che vi aspettate da un “normale” lievito.

Se vi piacciono le ricette da colazione, provate anche i biscotti morbidi alle mele, il ciambellone soffice o la marmellata di limoni.

Cucina: Italiana
Difficoltà: Facile
Preparazione: 15 Minuti
Porzioni: 6 Persone
Prezzo: Basso
Calorie: 357 Kcal
opzione alimentare Vegetariano
ingredienti
Ingredienti
  • Farina bianca 500 g
  • Zucchero semolato bianco 150 g
  • Uova 2
  • Olio di semi di Girasole 80 ml
  • Latte intero 60 ml
  • Ammoniaca per dolci 9 g
  • Sale fino 1 Pizzico
  • Limone la scorza grattugiata 1
  • Zucchero a velo

Come preparare i biscotti da inzuppo

1

Aprite le uova in una ciotola e sbattetele con lo zucchero fino a che lo zucchero non si è sciolto completamente, e otterrete un composto liquido e schiumoso.

2

Aggiungete l’olio a filo e il latte, poi la farina tutta in una volta assieme all’ammoniaca,  alla scorza di limone, al sale e mescolate bene, con le mani, fino a che non otterrete un impasto morbido e abbastanza appiccicoso.

3

Formate con le dita dei biscotti di forma allungata, lunghi circa 15 cm e di forma cilindrica, con un diametro di circa 2 cm. Spolverizzateli con lo zucchero a velo.

4

Infornate a 180 gradi statico per circa 25-30 minuti, quando aprirete il forno noterete un forte odore di ammoniaca.

5

Tenete il forno leggermente aperto e fate uscire l’odore mentre i biscotti si raffreddano su una gratella. Servite i biscotti solo quando si sono raffreddati.

Risultato
Biscotti da inzuppo, la ricetta con e senza ammoniaca

Come conservare i biscotti da inzuppo

I biscotti da inzuppo si conservano molto bene per almeno tre settimane, ma bisogna proteggerli dall’umidità conservandoli in una scatola di latta in un luogo fresco e asciutto. Un altro aspetto da non sottovalutare è quello di chiuderli in una scatola quando sono ben freddi, perché se rilasceranno il vapore nella scatola si ammorbidiranno e non saranno più utili per l’inzuppo.

Consigli e varianti

L’impasto di questi biscotti è abbastanza appiccicoso, cercate di non usare la farina perché perderete un po’ la consistenza ben ariosa di questi biscotti, che li rende adatti per l’inzuppo. Se non riuscite a lavorarlo bene, inumiditevi leggermente le mani oppure usate lo zucchero a velo per “infarinarle”.

Se volete ottenere dei biscotti al cacao, sostituite 100 gr di farina con 100 gr di cacao amaro, se invece volete dei biscotti con la granella di zucchero in superficie, usate lo zucchero semolato per spolverizzarli invece dello zucchero a velo.

Ti è piaciuta la ricetta?