Torta al cioccolato con cuore morbido: tutti i dolci che vale la pena preparare

Ieri vi abbiamo anticipato che in questo weekend carico di ricette avrebbe trovato posto anche una torta speciale per San Valentino. Siccome ogni promessa è debito, l’episodio numero 4 della serie Tutti i dolci che vale la pena preparare è dedicato alla torta al cioccolato con cuore morbido.

Lussuriosa, facile da preparare e pure comoda perché a doppia cottura. Quella principale si può fare anche un paio di giorni prima, conservando poi la torta in frigorifero, mentre la seconda richiede al massimo dieci minuti. E se non vi basta sappiate che neanche un cucchiaio di farina è previsto.

[Plumcake al pistacchio: tutti i dolci che vale la pena preparare]

Insomma, cercavate un dolce convincente da preparare a San Valentino? Smettete di cercare, l’avete trovato.

Dissapore, perché questo dolce piace tanto?

È semplice, si può preparare in anticipo e usare all’occorrenza. Ha la particolarità di rimanere liquido nella parte interna e dare la sensazione di consumare una cioccolata calda racchiusa in un guscio soffice e spugnoso. Tutte doti che ne hanno fatto uno dei grandi tormentoni da ristorante anni Novanta, e anche il dolce metafora dell’amore.

[Cena di San Valentino: 5 errori che facciamo spesso]

[A San Valentino i ristoranti danno il peggio di sè]

Troppa svenevolezza per i vostri gusti? Aggiungete un pizzico di peperoncino all’interno e provate a berci su una imperial stout.

Torta al cioccolato con cuore morbido

Ingredienti:

Per un tortiera di circa 23 cm di diametro (8-10 porzioni):

— 220 grammi di cioccolato fondente (o volendo anche al latte), tritato grossolanamente
— 220 grammi di burro
— 90 grammi di cacao amaro in polvere
— 7 uova, i tuorli separati dagli albumi
— 1 pizzico di sale
— 275 grammi di zucchero (200 + 75)

Preparazione:

Scaldate il forno a 180 gradi.

Imburrare una tortiera da 23 cm. di diametro (il burro servirà a far aderire bene la carta) e rivestirla con carta forno. Imburrare anche la carta forno.

In un pentolino, a fuoco dolce, sciogliere il burro assieme al cioccolato, tritato grossolanamente (oppure utilizzate il microonde, girando di tanto in tanto).

Aggiungere poi, fuori dal fuoco, il cacao e il sale, girando fino a fare inglobare perfettamente tutti gli ingredienti. Mettere da parte.

In una ciotola, montare con le fruste elettriche i tuorli con 200 grammi di zucchero, fino ad ottenere una spuma soffice e ariosa. Serviranno almeno 3 minuti. Mettere da parte.

In un’altra ciotola, dopo avere pulito le fruste (anche un residuo di grasso dei tuorli può compromettere la montata di albumi), montare quasi del tutto gli albumi. Aggiungere poi i 75 gr. di zucchero rimanenti e continuare a montare, finché non si formeranno i classici “ciuffi” e il composto diventerà sodo e lucido.

Inserire delicatamente il composto di burro e cioccolato in quello con i tuorli, poi unire gli albumi con movimenti dal basso verso l’alto per non smontarli.

Prendere due tazze del composto e metterle in frigo, coperte da pellicola. Sarà il vostro topping.

Prendere il rimanente impasto, rovesciarlo nella tortiera e cuocere per 25 minuti, o comunque fino a quando uno stecchino inserito nel centro non ne uscirà pulito.

Far raffreddare la torta su una griglia. Nessun timore se i bordi si staccheranno leggermente o se il centro si affloscerà: questo sarà il “cratere” in cui andrà rovesciato l’impasto tenuto da parte quando terminerete la cottura del dolce. A questo punto, si potrà coprire la torta con pellicola e conservarla in frigo  anche per due giorni.

Quando si intende terminare la cottura, prendere la torta del frigo e rovesciare sopra la superficie l’impasto tenuto da parte, con delicatezza, lasciando un bordo di un paio di centimetri. Mettere in frigo almeno per un’ora.

Scaldare il forno a 200 gradi. Infornare per 10-15 minuti, finchè non si formerà una sottile crosticina in superficie e la torta all’interno risulterà morbida e cremosa.

Lasciar intiepidire la torta per 10 minuti e poi tagliare a fette, avendo cura di servirle ancora calde.

Si conserva in frigo anche 3 giorni, ricoperta da pellicola. La copertura di cioccolato si trasformerà in una morbida e gustosissima mousse.

Anna Silveri

4 febbraio 2018

commenti (2)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Enogastronauta ha detto:

    La zucchero è troppo, col cioccolato al latte poi verrà stucchevole in maniera esagerata

  2. Fabio ha detto:

    Appena mangiata per il pranzo della domenica: buonissima!!

«