di Andrea Soban 21 Gennaio 2016

L’abbiamo intravisto in un trailer, già diventato virale, varcare gli studi di Sky sulle note trionfanti della saga Guerre Stellari.

Iginio Massari, come novello Darth Vader, torna in tv e ci invita a passare al lato oscuro della forza, ma solo perché il nero sfina.

Settate gli orologi e non prendete impegni: stasera verrà trasmessa la puntata di Masterchef 5 più attesa dell’anno, e non solo dai fanatici di zuccheri e farine.

Serata che si prospetta col botto, data la presenza di un altro campione, il forever young Valentino Rossi.

Ecumenico e ubiquo come solo i grandi sanno essere, Iginio Massari torna a terrorizzare e interrogare i concorrenti dello show-cooking più telegenico d’Italia, trasformandoli negli alunni che siamo stati tutti, tremanti come budini al cospetto del professore che severo scorreva l’elenco con il dito.

Avevamo lasciato Massari alle prese con il panettone più famoso d’Italia, che vi abbiamo mostrato per la prima volta durante la produzione (finora) top secret, talmente bramato dai fan da costringerlo a chiudere la vendita dello shop online per eccesso di richieste.

Per potersi accaparrare gli ultimi esemplari della collezione 2015, orde di irriducibili si sono dati appuntamento la vigilia di Natale presso la Pasticceria Veneto, all’alba, manco fosse un concerto degli U2 o il lancio dell’ultimo gingillo Apple made in Cupertino.

confezionamento, panettone, iginio massari

il sorriso di Iginio Massari

Messaggio per chi non ha potuto godere dei suoi panettoni, leggere prego: la notizia è che vendite e spedizioni sono riprese da qualche giorno.

Un po’ per questo, un po’ per il ritorno in tivù, il maestro, querulo, ci ha dato la sua ricetta, dopo quella del Panettone, di un classico di Carnevale, le frittelle di mele.

Un classico regionale italiano tipico del Trentino Alto Adige e del Friuli Venezia Giulia, e con l’aggiunta del Moscato, anche della Lombardia di Massari (anche se lui usa il Marsala).

Vediamo la ricetta nel dettaglio inaugurando così l’inderogabile maratona dei fritti di Carnevale.

Frittelle di mele

Frittelle di mele-Iginio-Massari

Ingredienti

Marsala grammi 300
sale grammi 5
burro grammi 200
farina bianca grammi 280
uova grammi 400
mele a cubetti grammi 300
uvetta sultanina grammi 200

Procedimento

Bollire in un tegame il Marsala, il sale e il burro, quindi incorporare con un cucchiaio in legno la farina precedentemente setacciata, mescolando con energia per evitare la formazione di grumi.

Quando la pasta comincerà ad attaccarsi alle pareti del tegame, allontanarla dal fuoco, versarla in una piccola planetaria e aggiungere le uova una alla volta, solo quando quelle aggiunte in precedenza saranno state assorbite completamente (potete eseguire la stessa operazione mescolando con una spatola).

Quando la pasta sarà diventata liscia e morbida, incorporare le mele tagliate a cubetti con l’uvetta e formare delle palline tutte uguali. Aiutarsi con una sac à poche munita di bocchetta liscia e grossa, e disporre le palline su un foglio di carta da cottura leggermente unto con olio. Appoggiare il foglio di carta nell’olio bollente, girandolo e dando un leggero colpo per staccare le frittelle.

Cuocere a 176 °C tenendole sommerse con l’aiuto di una rete metallica e friggere fino ad ottenere un bel colore nocciola dorato.

Spolverare con dello zucchero a velo vanigliato.

Attenzione: le frittelle di mele sono cariche d’acqua, vista la quantità di frutta contenuta, e possono raffreddare l’olio di cottura. Il consiglio è di friggere pochi pezzi alla volta.