di Cinzia Alfè 27 Dicembre 2016

“Vanghino, siori,  venghino, oggi ci vogliamo rovinare. Se prenotate entro 90 minuti abbiamo il ristorante romano La Magnolia, una stella Michelin, a partire da soli 310 euro.

Ma abbiamo anche il prestigioso ristorante Bulgari di Milano, detentore di un piatto Michelin, che serve pasti a soli 39 euro, ma solo se cogliete l’occasione entro dodici ore.

E se ancora non siete soddisfatti, il pranzo al Michelangelo Restaurant di Segrate, anche lui insignito di un piatto Michelin, è praticamente re-ga-la-to: si parte da 29 euro!

Non vi basta? Allora sappiate che la cena all’Acquerello di Fagnano Olona, 1 stella Michelin, viene via a 45 euro, ma solo se vi precipitate a prenotare entro 5 ore, 22 minuti e 35 secondi!

Venghino siore venghino, abbiamo sconti, offerte e regali per tutti”.

michelin days

Quel che avete letto finora non è il il resoconto di una mattinata trascorsa in un singolare mercato dei ristoranti, ma l’ultima iniziativa della (sempre più) imprevedibile Guida Michelin  che, non paga di incentivare ristoranti e trattorie elargendo a destra e a manca stellette e piattini, si è inventata il Groupon del foie gras, l’e-Bay del caviale, l’offerta lampo dell’ostrica della Bretagna.

E’ questa infatti  l’ultima pensata della prestigiosa Michelin per attirare più clienti nei ristoranti recensiti, evidentemente non soddisfatti degli avventori che la sola menzione nella guida riesce a procurare.

Una modalità di vendita che pare mutuata dai più abili venditori del mercato rionale sotto casa, o dalle tecniche di marketing adottate con successo dai principali siti per risparmiare attraverso offerte limitate.

michelin days

Ecco come funziona. Si va sul sito Michelin Days, ci si registra nel tempo-lampo di 10 secondi con una modalità veloce e spicciola, et voilà, eccovi catapultati nel magico e ora accessibile mondo del ristorante a basso prezzo, al discount dello stellato.

L’iniziativa è ingegnosa, e mirata certamente a raccattare sempre più clienti, invogliando anche quelli che, disincentivati dai prezzi non esattamente alla portata di tutti, se ne tengono alla larga per motivi di budget e di bilancio domestico.

Ma ora, il magico mondo dei ristoranti stellati diventa più accessibile, e potremo così  raccontare ad amici e parenti di esserci stati anche noi, naturalmente omettendo di aver dovuto prenotare entro 1 ora, ventidue minuti e quarantacinque secondi.

michelin days

Per non fare la figura di quelli che, faticando a permettersi il capo firmato o il panettone griffato dal maestro pasticciere alla moda, si rassegnano ai prodotti di fine serie o proposti in saldo dopo le feste natalizie, così come ai panettoni con la griffe taroccata, nella recondita speranza che nessuno se ne accorga.

Grazie, Michelin, per averci aperto un nuovo  mondo. Anche se  in in saldo e d’occasione.