La cotoletta alla milanese più buona di Milano

Ne abbiamo viste di tutti i colori. E anche assaggiate, ahinoi.

Le cotolette alla milanese troppo morbide e quelle dure, da calzoleria. Quelle filiformi come una sottiletta, prese a martellate fino a perdere consistenza per nascondere il sapore sanguinolento di carni dal livello incerto.

Quelle attovagliate sotto forma di cubi, alla moda stellata di Gualtiero Marchesi, o la “milanese sbagliata” di Cracco, deliziosamente schizofrenica, dove i rettangoli di vitello crudo si dissociano dalla loro stessa panatura.

[Cotoletta alla milanese: 5 errori da non fare]

E abbiamo maturato due certezze, la prima:

– la cotoletta nasce a Milano, si mettano buoni gli austriaci che ne vantano la paternità come parente stretta della loro Wiener Schnitzel;

– per farla  ci vuole il manico, inteso come taglio di carne con l’osso, più saporito e morbido.

Tutto ciò premesso, smettiamola di accontentarci della prima cotoletta che capita. Valerio Visintin, il critico mascherato del Corriere, l’uomo di cui nessuno conosce l’identità, manco fosse Elena Ferrante, ha appena confrontato su ViviMilano, versione cartacea, quattro pantheon milanesi della cutuleta.

Scopriamo il migliore.

1) Locanda Perbellini

Zona Moscova | Via Moscova, 25 – Tel. 02 36631450

Versione creativa ma con avvedutezza, nel bistrot griffato dal cuoco di Casa Perbellini, due meritate stelle Michelin nel cuore di Verona, e altri 7 locali nel veronese, a Venezia e Hong Kong. La differenza sta nella farina di fagioli usata per impanare la carne.

Il piatto s’inserisce bene nel menu genericamente italiano del locale, ambientato in spazi ridotti divisi in mini sale, che comprende tra gli altri risotto allo zafferano, vitello tonnato, guanciale brasato, e dove si mangia con una spesa media di 40 euro.

La cotoletta costa 18 euro. Il voto di ViviMilano, che somma cotoletta, menu e ambiente è 20.

[Locanda Perbellini a Milano: menu e prezzi del nuovo bistrot]

2) Osteria dei Malnat

Zona Gambara | Via Caccialepori, 3 – Tel. 02 23182024

Come facilmente intuibile dal nome del locale il menu è di stretta osservanza milanese, con risotto e mondeghili grandi protagonisti. All’interno, “un quadrilatero imbottito di tavoli, con la cucina a vista sul lato opposto dell’ingresso”, la cotoletta si può scegliere in due versioni.

La più ruspante, nonché la preferita di chi come noi ama poco la cosiddetta orecchia d’elefante –versione con carne di maiale ultra sottile– si mostra ossuta e piuttosto alta. La seconda, appunto, è la famigerata orecchia d’elefante. Spesa media per mangiare nell’osteria 40/50 euro.

Il prezzo della cotoletta, servita con patate al forno è 18/19 euro, mentre il voto totale di ViviMilano è 20,5.

3) Antica Trattoria della Pesa

Zona Corso Como | Viale Pasubio, 10 – Tel. 02 6555741

Una delle più autentiche trattorie meneghine, bellissima e d’impianto ottocentesco –dove la spina dorsale del menu non può che essere di stampo milanese– propone la cotoletta a prezzi astronomici.

Che fare? Lasciarsi sedurre dalla versione che rispetta tutti i precetti della tradizione, con osso e gagliarda impanatura, o sperimentare lo stesso menu nel bistrot attiguo spendendo qualcosa meno?

[Risotto, costoletta, cassoeula: dove mangiare milanese a Milano]

Voi decidete! Qui ci si limita a segnalarvi che la cotoletta costa 30 euro. Voto totale di ViviMilano: 22,5.

4) Il Liberty

Zona Melchiorre Gioia | Viale Monte Grappa, 6 – Tel. 02 29011439

il liberty, milano

In questo caso il menu concede alcune divagazioni, pur con un tocco di milanesità. Si ordinano spaghetti al pomodoro del Piennolo, bucatini alle acciughe o parmigiana.

Tra pareti di mattoncini vivi e blu aviazione, lo chef Andrea Provenzani, caro ai milanesi, sfodera una buona versione della cotoletta: di vitello, alta e con vistosa cottura “rosa”.

Se per mangiare nel locale di via Monte Grappa si spendono in media 50/60 euro, il prezzo della cotoletta è di 30 euro. Punteggio totale di ViviMilano: 22 euro.

Pertanto, a conti fatti, se Valerio Visintin dovesse scegliere un ristorante del capoluogo lombardo dove mangiare la cotoletta alla milanese, lui che conosce la scena locale come le sue tasche, andrebbe all’Antica Trattoria della Pesa.

Nonostante quei 30 euro: non pochi, mannaggia.

Anna Silveri

10 Dicembre 2018

commenti (4)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Orval87 ha detto:

    Ma davvero qualcuno crede che si possa avere la paternità di una cotoletta fritta? Cioè, un pezzo di carne impanato e sbattutto a friggere in padella? Penso che ovunque in Europa qualcuno ci sia arrivato da solo, e non certo ieri o l’altro ieri.
    Che poi a Milano si usi la costoletta di vitello (comunque minoranza dei casi totali, case incluse) è un altro discorso, che tra l’altro elimina ogni controversia con gli austriaci visto che loro usano tradizionalmente la noce di vitello, quindi altro taglio, e la schiacciano per bene, sottile.
    Detto ciò, mi sorprende che non abbiate messo la famosa orecchia di elefante fatta dai Cerea a Brusaporto con un carrè di vitello da 2 chili e mezzo…

    1. Grammarnazi ha detto:

      Ci credo che non c’è quella di Vittorio: Brusaporto è in provincia di Bergamo 😉

  2. Emiliano ha detto:

    Saranno cambiati i tempi ma io all’idea di andare in una osteria e spendere 50 € non lo concepisco.

  3. Paolo Mandelli ha detto:

    Dissento totalmente, la migliore cotoletta di Milano è quella che avete messo sulla copertina
    di questo articolo, La cotoletta del Nuovo Macello , insuperabile e costante da almeno 23 anni
    ( gli anni che frequento il locale di via Lombroso ) #michelindovesei

«